Franceschini ironizza…e Berlusconi avanza

by

Allora…ancora una volta, l’ennesima di una serie che non si sa quando terminerà, il sottoscritto, a nome dell’Associazione Famiglie d’Italia, della quale ne è l’ispiratore e il Presidente, preoccupato per i propri rappresentati che si riconoscono sia nei partiti della sinistra italiana sia in quelli della destra…

https://i0.wp.com/www.raucci.net/wp-content/uploads/2009/03/franceschini-dario.jpg

…sente il dovere di intervenire su questo blog per lanciare un appello affinché coloro che si adoperano nello studiare le strategie del Partito Democratico facciano ammenda e riflessione per riflettere se è il caso o no di cambiare metodo o rotta nella ricerca dei consensi. Il titolo dell’articolo “ Franceschini ironizza…e Berlusconi avanza ” sintetizza esattamente il nocciolo della questione. Quando un tipo di pubblico tifa per un proprio beniamino, perché gli è simpatico, perché il seguirlo gli procura sensazioni  piacevoli, ed altro, per fargli cambiare preferenze bisogna essere capaci di offrire alternative migliori: solo così si ottengono risultati di cambi di tendenza. Perché denigrando, mostrando i lati deboli, ironizzando si ottengono solo risultati contrari e si rischia di fare delle brutte figure. La politica è diventata uno spettacolo, ma chi crede che la causa vada ricercata nell’entrata in campo di Silvio Berlusconi nel lontano-recente 1994, rischia di avvalorare un’ipotesi errata. La politica è diventa spettacolo in una metamorfosi naturale esplosa con lo scandalo di tangentopoli, quando, l’un contro l’altro armati, si sono fatti fuori i protagonisti di allora. E’ stato a quel punto che l’istinto dell’imprenditore ha creato il destino futuro: ha capito che era il momento di mettersi in gioco ed emergere sulla disfatta di sconfitti e vincitori. L’imbonitore televisivo, come ama definirlo colui che lo teme e non lo regge, è stato capace di usare linguaggi e metodi nuovi, che hanno affascinato, incuriosito e, alla fine, convinto. Ha fatto politica con la faccia di chi per primo non si prende sul serio, riuscendo, magari, a risolvere qualche problema personale, ma anche facendo qualcosa di positivo per gli italiani, che, in qualche modo, hanno apprezzato e ricambiato. Come un navigato equilibrista, è sopravvissuto ad eventi internazionali che hanno fatto molte vittime politiche illustri in altri Paesi, e quando è stato battuto, e mai decisamente, è stato dovuto solo a coalizioni improvvisate che mischiavano allegramente diavoli ed acqua santa, con i risultati che tutti conosciamo.

https://i1.wp.com/www.migliorblog.it/wp-content/uploads/2009/02/berlusconi.jpg

I momenti che viviamo sono tristi e pesanti: Franceschini sorride e ironizza, Berlusconi ride e…fa, o almeno ci prova, ma dà la sensazione di affrontare le situazioni di petto, magari in modo spettacolare ed esagerando in ottimismo, riuscendo, però, a rassicurare  chi  necessita di stimoli e positività. E, siccome dalla sponda opposta, per ora, non arriva un granché, se non una serie infinita di critiche e pettegolezzi ( la storia delle veline candidate è stato l’ultimo exploit conclusosi con un clamoroso autogol ), supportati da molti giornalisti ed intellettuali che non lo amano, anzi, lo detestano, ecco che, per reazione, i suoi estimatori aumentano in modo esponenziale… Ciò può sembrare  bene per lui, ma io non ne sono convinto fino in fondo… e non lo è certo per la nostra Italia, perché in ogni situazione deve esserci sempre un contradditorio col quale misurarsi, per migliorare attraverso una leale competizione. Troppo potere a volte storpia e può causare errori che la storia ha già evidenziato in situazioni analoghe.

Per cui caro Franceschini, è in tono amichevole e costruttivo che la prego di accettare i nostri interventi, perché è importante per noi che da lei arrivi qualche segnale  di cambiamento di strategia, per sentirci più rassicurati dalla certezza che anche nel nostro Paese possa valere la regola di essere governati da una maggioranza da rispettare fino a prova contraria, perché sacra ed uscita democraticamente da una consultazione elettorale, con il controllo e l’intervento mirato di un’opposizione al solo scopo di salvaguardare gli interessi nazionali e non quelli di bandiera.

Rispettosamente, per Famiglie d’Italia Umberto Napolitano

Tag: , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: