Un quorum senza cuore in una politica senza anima

by

quorumAppare evidente, sto scrivendo alle ore 10 e 40, che molto difficilmente il quorum del 50 % + 1 del referendum sulle modifiche alla legge elettorale non sarà raggiunto. Molti urleranno all’occasione perduta per una grande svolta, altri sbufferanno di sollievo per lo scampato pericolo: la realtà è che ai referendum non crede più nessuno ( il più delle volte vengono stravolti e resi inutili da leggi riparatrici), ma ciò che è ancor più triste, è che anche un popolo virtuoso come quello italiano stia cominciando a far diminuire sensibilmente la sua presenza alle consultazioni elettorali per evidente disaffezione alla politica. Gli ultimi avvenimenti sono sconcertanti. Le vicende personali di Silvio Berlusconi sono diventate l’unico tema vincente per abbatterlo politicamente. Perfino una persona seria, almeno fino ad ora reputata, come Massimo D’Alema, mette in gioco la propria credibilità affermando che lo scossone preannunciato nulla aveva a che fare con  informazioni preventivamente, ottenute, era solo frutto di un caso. Noi,  essenze anche pensanti  di un popolo bisognoso di lavoro, riforme e fatti, paragonati a nobili quadrupedi dalle lunghe orecchie, pronti ad accettare e a bere qualsiasi getto di fango rigurgitato dai meati mal odoranti della bassa politica nazionale… c’è da star male e da cadere nella depressione più profonda.

pausaA questo punto, e credo di poter parlare a nome di tante persone, siamo arrivati ad un limite di sopportazione oltre il quale non è possibile andare . Credo che occorra una pausa di riflessione: che ognuno si assuma le proprie responsabilità. Che vengano accumulate tutte in una volta le accuse al Premier ( tutte definitivamente ), che siano fornite le prove evidenti di reato ( non  solo supposizioni ), e che le parti accettino che come conseguenza da tale disputa esca fuori un solo vincitore. ” Il ” o ” i ” perdenti fuori definitivamente dalla politica italiana!!!

E questo per un po’ di rispetto per la nostra intelligenza, per la nostra pazienza e per i nostri drammi quotidiani. Stiamo assistendo ad un  lento logorio delle nostre istituzioni che sta mettendo a dura prova i nervi di tutti, specialmente in un mese pieno di scadenze come da sempre è il mese giugno. Noi non vogliamo più assistere  a dispute e chiacchiere da bassifondi , vogliamo essere governati in maniera decente da politici preparati ed attivi indipendentemente dai loro comportamenti nell’intimo della sfera privata , a meno che non violino realmente minorenni, inducano  altri ad atti illegali o siano evidentemente ” depravati ” , anche se buffi, alla ”  Max Mosley ” …  brancolare nel dubbio e sguazzare nel gossip non ci accontenta più: abbiamo bisogno di certezze!

Umberto Napolitano

Tag: , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: