La Chiesa, unica opposizione…pare strano!

by

canguroEra dal 23 dicembre 2008 che non avevo più notizie  (si fa per dire ) dell’amico australiano Michael Gray: pubblico immediatamente quanto da lui inviatomi!

Dear Umberto,  rispondo all’ ultimo quesito del tuo articolo di ieri ” se il nostro interesse per i fatti politici venisse a mancare definitivamente…in mano a chi lasceremmo il nostro futuro?

Io lascio volentieri il nostro futuro in mano ai nostri figli perché in loro ho fiducia.

Non ci vuole tanto per arrivare a questa conclusione. Come genitore si tenta  sempre di dare ai propri figli una buona educazione in modo che essi saranno in grado, un giorno, di gestire sia la propria vita sia il bene di questo paese , quando arriverà il loro momento. E’  un percorso dove tutti noi genitori facciamo degli errori. Nessun genitore incorpora la perfezione. Facciamo degli errori e probabilmente continueremo a farli. Essendo coscienti di questi nostri limiti, ci vuole poi grande capacità per auto-criticarsi e cambiarsi in meglio. Sono in pochi a riuscirci, e, devo ammettere, probabilmente non sono uno di loro. Le mie debolezze le vedo ed è una continua lotta per mantenermi su una strada equilibrata.

gesùLa mia lettura del vangelo delle parole di Gesù da te citate  ” chi di voi è senza peccato scagli la prima pietra ” la interpreto forse in modo diverso, tipicamente protestante ma non per questo meno valido, come un invito a riconoscere negli altri le nostre stesse debolezze ed imperfezioni. Non una richiesta di non osservare e di non fare osservazioni, anzi… ma proprio un richiamo ad osservare bene per poi riflettere se non siamo noi protagonisti degli stessi comportamenti moralmente sbagliati o addirittura anti sociali.

Che il direttore di un giornale abbia voglia di fare osservazioni e fare richieste anche politiche a me non da alcun fastidio. Lo fanno quelli del Corriere della Sera, de La Repubblica, Ferrara de Il Foglio... ed anche tu ad un certo punto hai messo un punto interrogativo sui comportamenti del Premier. Tutti i giornali si stanno esprimendo pro o contro il caso Berlusconi. Bene, dico che la critica è una parte importante della democrazia. Fa bene anche la stampa estera ad essere cosi perplessa sui comportamenti del Presidente del Consiglio. L ‘Italia è la sesta o la settima potenza economica del mondo, ha un ruolo importante nelle relazioni planetarie. Il leader dell’ Italia dovrebbe avere le qualità di uno statista non l’ immagine di un viveur. Lo stesso Sarkozy proprio all’ inizio del suo mandato ha messo il piede sbagliato a riguardo. La lezione, però, l’ha imparata perché, purtroppo, la vita privata di un Uomo di Stato (sottolineo i maiuscoli)  riflette anche l’ immagine della sua nazione.

Per l’ennesima volta il Premier ha ripetuto oggi sui giornali – “… io non cambio… piaccio così… “. Ti sorprendi che qualcuno scagli pietre, Umberto? Io no! Invece, quello che mi preoccupa dei commenti di Famiglia Cristiana è un’ altra cosa. Famiglia Cristiana non è il giornale della Chiesa; lasciamo questo ruolo all‘ Osservatore Romano. Però, è comunque un organo della Chiesa di Roma e non vedo perché un organo della Chiesa debba permettersi di fare commenti sulla politica italiana o persino sulla sua morale. La divisione fra Chiesa e Stato ritengo che sia fondamentale per il bene di entrambe le organizzazioni.

famiglia cMa capisco perchè Famiglia Cristiana si senta obbligata di fare tali osservazioni. Appare chiaro che l’ opposizione in Parlamento non sia in grado di fare il suo lavoro. Franceschini sembra un bravo ragazzo incapace di cogliere il momento e di dare vita ad un’ opposizione dinamica e combattente. Sarà perché castrato dalle figure di D’Alema e Prodi onnipresenti nella retroscena. Sarà perché la sinistra non sa comunicare. Sarà perché la stampa, la televisione e i mezzi italiani lo ignorano o non lo prendono sul serio. Sarà perché personaggi come Bassolino, Jervolino e Rutelli non sono le migliori incarnazioni per la nuova sinistra del Partito Democratico. Sembra che l’unica in grado di fare opposizione sia la Chiesa. In tal caso, la politica italiana mi appare stremata. Non era un politico ad affermare  ” dare a Cesare quel che è di Cesare… “, ma che i successori di Gesù e di San Pietro, o, in questo caso, San Paolo debbano rimpiazzare i deputati dell’opposizione di Montecitorio, mi appare un po’ troppo forzato.

Io  ho fiducia nei miei figli per come prenderanno in mano questa nazione. … Mi ricordo, un paio di anni fa, di un imbroglio messo in piedi da una banda a Napoli che sfruttava dei Bancomat fasulli per rubare soldi. Eravamo in macchina quando si parlava della truffa napoletana e sentii il commento, quasi sovrappensiero, di mia figlia di 10 anni:  “ intelligenza usata male “. Questa era una critica, era un’ osservazione che riusciva a distinguere tra il bene e il male. Era un esempio della capacità analitica, fin da piccoli, della generazione che ci seguirà.

Sì, ho fiducia nei nostri figli. Affido a loro il futuro della nazione che io chiamo casa e che voi chiamate Patria. Peccato che, forse, dovremo aspettare altri trentanni!

Famiglie d’Italia – click on –

Michael Gray

Tag: , , , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: