I blog della Famiglia Leoni

by

fam lSul sito della Famiglia Leoni del mio caro amico Luca ci sono dei blog interessanti. Cercando, ne troverete uno dal titolo “ Manuale di sopravvivenza delle famiglie “: contiene delle informazioni utili! Per stuzzicare la vostra curiosità vi pubblico l’ ultimo articolo…e capirete da soli.

lunedì 29 giugno 2009

Economia domestica: torna l’idea del quoziente familiare. Ecco cosa è e come funziona

Si torna a parlare del quoziente familiare: a rinvigorire l’idea è stata la Chiesa, che attraverso il presidente della Cei Angelo Bagnasco ha chiesto al governo un intervento in questo senso per supportare le famiglie colpite dalla crisi globale.
In realtà, il tema è nell’agenda del governo: il premier Silvio Berlusconi ne aveva parlato sia in campagna elettorale che nei mesi successivi.
Anche nella scorsa legislatura, e negli anni passati, a più riprese si era parlato di questa misura fiscale che a regime porterebbe risparmi consistenti a circa 11 milioni di famiglie, calcolati in media in 800 euro l’anno (di tasse in meno).
Il problema è che la sua applicazione è molto onerosa: secondo alcune stime, il minor gettito fiscale ma solo riferibile all’imposta diretta ammonterebbe a circa 3 miliardi di euro l’anno.
C’e’ da dire che ogni famiglia avrebbe però più reddito netto disponibile e ciò avrebbe ripercussioni positive sui consumi, e quindi anche sul gettito Iva. La crisi internazionale e la situazione dei conti pubblici ha per però congelato una sua rapida applicazione.

COME FUNZIONA
Se introdotto, il quoziente familiare consente di dividere il reddito per il numero dei componenti.
Attualmente, in Italia, l’imposta sul reddito viene applicata all’insieme degli utili e redditi dei membri della famiglia fiscale (composta dal contribuente stesso, dal coniuge, figli minorenni e persone invalide conviventi).
Con il quoziente, le quote vengono rideterminate in relazione al proprio ruolo e ai carichi di famiglia.
Un esempio: in una famiglia con un reddito complessivo di 30 mila euro l’anno dove lavorano due persone, si pagheranno tasse come se ci fossero due redditi di 15 mila euro ciascuno.
Secondo uno studio Eurispes, una famiglia con due componenti risparmierebbe dai 200 e i 1.800 euro l’anno mentre una famiglia monoreddito ne risparmierebbe fino a ben 3.000 euro.
In Francia, dove il quoziente familiare è in vigore, si calcola che un lavoratore dipendente con 36,5 mila euro l’anno e con moglie e quattro figli a carico si trova ad essere esonerato dal pagamento delle tasse, mentre in Italia paga 5 mila e 774 euro.
Ma secondo alcune ricerche, come una dell’Isfol, a beneficiarne maggiormente sarebbero le famiglie ad alto reddito, monoreddito e con figli, mentre pochi sarebbero i benefici per le famiglie con due redditi simili e quelle monoreddito: per questo sarebbe necessaria l’opzione del sistema di detrazioni e deduzioni fiscali.
Ma, ovviamente, occorrerebbe valutare l’effetto sulle entrate che non sarebbe certo di poco conto.

Interessante, no?…L’articolo precedente a quello che avete appena letto si intitola:

Limiti di reddito per l’esonero dal pagamento delle tasse scolastiche

Ma questo ve lo cercate da soli, insieme ai precedenti… approfitto per salutare affettuosamente la mia famiglia preferita, a parte la mia, naturalmente, ovvero  la Famiglia Leoni.

Famiglie d’Italia – click on –

Umberto Napolitano

Tag: , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: