Ora di religione islamica ?… Sì, per rispettare quella di religione cattolica

by

scuolacoranica-immaginerepeForse la proposta di Adolfo Urso non è del tutto sbagliata: consentendo  nelle nostre aule l’ora di religione islamica ci risparmieremmo finalmente le lamentele di tutti coloro che da anni spingono per abolire quella dedicata alla nostra religione… per par condicio potrebbero finalmente chetarsi e tacere definitivamente, visto che nella religione, in tutte le religioni, sono  racchiusi gran parte della storia e delle tradizioni di un popolo.

Sarebbe l’occasione giusta per mettere definitivamente i puntini su molte  ” i ” da tempo rimaste in sospeso: la civiltà di un popolo  si misura anche dal rispetto delle esigenze altrui… noi  permetteremmo  ciò che  a casa loro riterrebbero  blasfemo al solo pensarlo. Sarebbe, inoltre, l’occasione per dare un segnale forte a tutti coloro che intendono integrarsi nel nostro Paese: rispetto dei nostri dogmi attraverso il rispetto dei loro, eliminando, così, in chiunque l’idea di accaparrarsi il diritto di poter gettare impunemente un nostro Crocifisso da una finestra o murare, senza permesso, la nicchia che racchiude una Madonnina scavata nel muro.

Comprenderebbero tutti il dovere di non offendere mai più il credo altrui, specialmente in casa di chi lo accoglie e lo aiuta, per meglio esercitare il diritto di non essere a propria volta offesi…neanche per scherzo… Convivere è un obbligo e le regole devono essere uguali per tutti: non esistono religioni di serie A o di serie B, ognuno ha la propria, scelta o tramandata, e va rispettata! Nessuno deve sentire disagio nel vedere un uomo che si china e prega rivolto alla Mecca, e lo stesso vale per chi si fa il segno della Croce per devozione o abitudine…

l’evoluzione della specie passa anche attraverso l’attuazione di  queste irrinunciabili puntualizzazioni! 

Umberto Napolitano

Famiglie d’Italia – click on –

Comunicazione giornaliera (fino alla noia e fino a che dura l’emergenza) per tutti coloro che potrebbero aderire:

{img_a}Adottiamo una famiglia in difficoltà… è un’iniziativa che invita ogni famiglia a cui avanzi qualche euro, invece di depositarlo tutto sul proprio conto corrente, ad adottare una famiglia che conosce e che sa che è in difficoltà. Può accompagnarla una volta al mese ad un supermarket ed offrirle la spesa, adottando la formula, per non offendere, ” … a buon rendere, non si sa mai… “. Otterrà due risultati: aiutare chi ha bisogno ed immettere del denaro nel mercato. Questo consentirà di vivere meglio la crisi e di facilitarne una via d’uscita. State certi che ciò che avrete dato non sarà stato sprecato ed, in qualche modo, lo vedrete restituito.

” Adottiamo una famiglia in difficoltà ” è una proposta che non avrà un adeguato appoggio mediatico, ma che voi sarete in grado di far conoscere ed apprezzare con il vostro agire e con l’impegno di spargerne parola.  Noi di  Famiglie d’Italia lo ricorderemo ogni giorno da questo blog e voi, in qualche modo, fatemi sapere se l’iniziativa prenderà corpo, usando l’anonimato più discreto… grazie!

 

 

Annunci

Tag: , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: