L’OCSE accusa: l’Italia non ha un suo piano energetico

by

Il 20 ottobre alle ore 16 presso la sede del Collegio degli Ingegneri ed Architetti di Milano, in corso Venezia 16, si è riunita la Consulta GeoDomotica Lombarda su richiesta del Presidente di Fare Ambiente Lombardia, ing. Mauro Langfelder. Scopo della riunione individuare delle linee guida atte alla creazione di quanto l‘OCSE( Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico ) ci accusa di totale carenza: un piano energetico  in grado di permetterci di affrontare le esigenze future del nostro Paese. Infatti, grazie a politiche sconsiderate sotto l’avallo di organizzazioni ecologiste non all’altezza del compito loro assegnato, l’Italia si ritrova nell’affanno continuo di acquistare altrove ciò che avremmo potuto produrre noi, riscoprendoci, inoltre, discarica consenziente di scorie internazionali altamente inquinanti.

Approfitto per mettervi a conoscenza di alcuni tratti della relazione di Mauro Langfelder che si è aperta con delle considerazioni dalle quali si deduce come urga darsi da fare e coinvolgere al più presto esperti e studiosi per crearci finalmente un nostro ” Piano Energetico Nazionale ” ( PEN ),,, meglio tardi che mai!

” … Molti ormai concordano sul fatto che l’Italia debba oggi ricorrere un po’ a tutte le forme di approvvigionamento energetico per far fronte alle proprie necessità. Si sta costeggiando la nostra penisola di discutibili impianti di rigassificazione, mentre condotte internazionali ci porteranno il gas russo ad alimentare gasdotti pervasivi. Le energie cosiddette rinnovabili, tra solari ed eolico, stanno cominciando ad affiancare il tradizionale idroelettrico che ha tanto fatto la nostra storia. Sul nucleare si accendono dispute soprattutto sul come continuare ad investire per importarlo ( dalla Slovacchia prima, poi dalla Francia o dalla tecnologia degli Stati Uniti ), mentre non ci siamo ancora liberati delle scorie radioattive delle centrali abbandonate o chiuse nel passato ormai remoto.

Qualcuno sperimenta a titolo dimostrativo, nel cuore della Capitale, il geotermico, cioè lo sfruttamento del vapore del sottosuolo, che esalta in Inghilterra le cosiddette ” isole dell’energia ” per forniture tendenzialmente coprenti anche il loro fabbisogno complessivo. Nel frattempo i nostri ricercatori dell’ENEA mantengono la propria esperienza sull’idrogeno come vettore energetico nell’attesa di improbabili finanziamenti, per i quali manca la fruibilità di risorse. Il rispetto del Protocollo di Kyoto troppo poco ci impensierisce sul verosimile abbandono del carbone, mentre si è esaurito il petrolio, che ha fatto gli impianti del nostro trascorso, anche nei pozzi texani.

Mentre ci accingiamo a sviluppare l’ ” abstract ” proposto ( sommario delle linee da seguire senza l’aggiunta di interpretazioni o valutazioni ), partendo proprio dai presupposti programmati, siamo tormentati dall’idea che l’Italia continui ad essere senza un piano energetico o “ PEN “, tanto più che appariamo come l’unico Paese dell’OCSE ad esserne sprovvisto…

A questo punto è seguita un’ analisi più approfondita delle varie fonti energetiche sopra accennate, analisi che metterò a vostra disposizione nella stesura dei prossimi post, certo di rendere un gradito servizio alle vostre necessità di ” approvvigionamento ” di ulteriori informazioni sull’argomento.

Famiglie d’Italia
Umberto Napolitano

Annunci

Tag: , , , , , , , , , , ,

Una Risposta to “L’OCSE accusa: l’Italia non ha un suo piano energetico”

  1. Nucleare sì, nucleare no… questo è il dilemma? « Famiglie d’Italia Says:

    […] gasdotti e navi gasiere, Le energie rinnovabili e le isole dell’energia, L’OCSE accusa: l’Italia non ha un suo piano energetico ), cercando di fornire una documentazione che non limitasse il nostro problema energetico al solo […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: