Anno nuovo, rincari nuovi: siamo preoccupati, offesi e disgustati!

by

Purtroppo i signori dell’alta finanza non hanno capito niente: la crisi non ha insegnato loro nulla! Non hanno compreso che, gratta gratta, il fondo del barile si rompe e quando ciò accade il poco che rimane si disperde, sparisce inesorabilmente. Con i loro aumenti ingiustificati ( le autostrade addirittura del 15% in certi casi, mentre  l’inflazione nazionale  è al di sotto del 2% ) sottraggono denaro e risorse al mercato, condannando alla ” fame ” le altre industrie perché, dato che siamo obbligati a spostarci, per aver speso più soldi per un pieno di benzina ed un tragitto autostradale, saremo costretti a  rinunciare ad un paio di scarpe nuove, ad una cenetta al ristorante, ad un film da vedere insieme ai nostri cari, o ad altro ancora. Sì,  costretti a rinunciare perché asciugati da sanguisughe assetate, ingorde e con la connivenza dello Stato che non ci protegge o se ne lava le mani!

Caro Berlusconi, lei che ha da poco affermato che l’amore vince sempre, domandi a questa gente, gli speculatori, perché ci odiano così tanto… noi non abbiamo avuto nemmeno il tempo di sperare che forse la crisi finanziaria stava allentando le sue terribili morse che questi signori, senza scrupoli e coscienza, hanno ricominciato famelicamente a ferirci e a dissanguarci. Forse preferiscono che andiamo tutti a piedi, in bicicletta o… in malora? Bontà loro, se continueranno così non dovranno aspettare molto tempo e le loro autostrade ed i loro carburanti potranno tramandarli tutti ai posteri, per non usare espressioni più volgari, anche se più appropriate.

Caro Presidente del Consiglio per un attimo immagini di avere in braccio, invece delle sue figlie piccole a suo tempo, il suo popolo ora, quel popolo italiano che lei afferma di amare tanto. Noi possiamo anche crederLe, ma Lei ce lo dimostri in modo tangibile preservandoci da tali appropriazioni indebite,  per di più attuate in momenti totalmente sbagliati. Intervenga immediatamente, è ancora in tempo: incarichi  degli esperti che stabiliscano  un tetto massimo del prezzo applicabile per  prodotti e servizi di interesse collettivo e primario ; renda obbligatorio non superarlo lasciando alle varie imprese che detengono il mercato di muoversi pure in un regime di libera concorrenza, ma solo al di sotto di quel tetto stabilito: questa non è utopia, è solo logica! Aumentando il costo dei pedaggi e dei carburanti… aumenta anche tutto il resto, tranne i salari ed i posti di lavoro. Sono speculazioni che non attentano solamente alle nostre tasche, ma alla vita di una Nazione intera: siamo preoccupati, offesi  e disgustati! 

Famiglie d’Italia

Umberto Napolitano

 P. S. Letti gli esiti delle ultime indagini riguardo allo stato di salute delle famiglie italiane, delle quali il 30 % ha difficoltà ad arrivare a fine mese, ho deciso di ridare fiato e visibilità giornaliera ad una nostra iniziativa dell’estate scorsa che riguarda esclusivamente la sfera delle conoscenze personali di ognuno di noi… e che permette di dare una mano concreta a chi la necessita, i cui effetti positivi si possono vedere immediatamente e senza bisogno di inviare sms o indire collette nazionali.


{img_a}… Adottiamo una famiglia in difficoltà… è un’iniziativa che invita ogni famiglia a cui avanzi qualche euro, invece di depositarlo tutto sul proprio conto corrente, ad adottare una famiglia che conosce e che sa che è in difficoltà. Può accompagnarla una volta al mese ad un supermarket ed offrirle la spesa, adottando la formula, per non offendere, ” … a buon rendere, non si sa mai… “. Otterrà due risultati: aiutare chi ha bisogno ed immettere del denaro nel mercato. Questo consentirà di vivere meglio la crisi e di facilitarne una via d’uscita. State certi che ciò che avrete dato non sarà stato sprecato ed, in qualche modo, lo vedrete restituito.

” Adottiamo una famiglia in difficoltà ” è una proposta che non avrà un adeguato appoggio mediatico, ma che voi sarete in grado di far conoscere ed apprezzare con il vostro agire e con l’impegno di spargerne parola.  Noi di  Famiglie d’Italia lo ricorderemo ogni giorno da questo blog e voi, in qualche modo, fatemi sapere se l’iniziativa prenderà corpo, usando l’anonimato più discreto… grazie!

Famiglie d’Italia  click on per visitare il blog

Annunci

Tag: , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: