Festival di Sanremo 2010… un breve commento

by

Futuristica ed accattivante la scenografia, ” scoppiettante “, come definita dalla maggior parte della stampa, l’apertura con l’intervento di Paolo Bonolis e Luca Laurenti; un déjà vu che ha rappresentato una specie di collegamento con l’edizione dell’anno scorso. Simpatica e sciolta Antonella Clerici, volutamente ” baraccona” e leggermente goffa nel muoversi su delle scarpe con tacchi forse troppo alti per lei. Discreti gli ospiti, da Susan Boyle al giocatore Antonio Cassano ( ? ), con ” chiusura in bellezza “, come definita da Repubblica, di Dita von Teese ed il suo spogliarello all’antica in una coppa di champagne ( ??? ), ovvero fenomeno, calcio e sesso, per non scontentare nessuno… e le canzoni?… beh, quelle per lo più fantasmi, come fantasma la giuria che le ha scelte insieme agli interpreti. La mia non è una critica gratuita o di parte, ma solo la triste constatazione di come la selezione di una manifestazione così importante venga affidata ad un unico ” giudice ” con risultati,  che  da anni sono più che  evidenti.

Ma Sanremo è Sanremo e dobbiamo accontentarci perché, evidentemente, è  il massimo che ci meritiamo… sia come pubblico sia come artisti.

Umberto Napolitano

Famiglie d’Italia

Annunci

Tag: , , , , , , , , , ,

Una Risposta to “Festival di Sanremo 2010… un breve commento”

  1. Perché Sanremo è Sanremo « Umberto Napolitano Says:

    […] Perché Sanremo è Sanremo Festival di Sanremo 2010… un breve commento […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: