Il mondo piange… e l’Italia si dispera

by

Ho preferito pubblicare l’immagine di Irene Fornaciari mentre interpreta il suo brano, sostenuta alle spalle da I Nomadi, sul palco del teatro Ariston piuttosto che la ” solita ” faccia del “ solito ” politico sotto i riflettori, nel bene e nel male. Cosa centra la politica con il Festival di Sanremo?… Centra, e come! Perché la politica si è trasformata in una carrellata di personaggi che, a differenza di quelli di Sanremo che si limitano a farlo una volta all’anno, quotidianamente cantano la propria canzone, la stessa, monotona ed opprimente, con poche  variazioni musicali e di testo, se non incitamenti vari a  divisioni e risse continuate. Che non se ne possa più questo blog lo ha dichiarato varie volte, per cui l’intento ora è quello di arricchire l’informazione sempre più di notizie cognitive e culturali, lasciando i gossip ad altre realtà. I gossip, di qualsiasi natura siano, rappresentano solo droga per poveracci che ” rintrona ” e appassiona  per far dimenticare la realtà dei veri problemi della vita. Ecco perché anche la politica si è trasformata in un gossip senza fine… per nascondere la propria debolezza e mancanza di ideali, unita a quella dei suoi principali interpreti. Oddio, questo, a dire il vero, sta avvenendo ormai in tutto il mondo favorendo l’insorgere delle minoranze agguerrite ed arroccate nei propri credo… però, se il ” mondo piange “, l’Italia si dispera veramente. La sua classe politica media, indipendentemente dalle militanze di partito, sta mostrando sempre più la sua vera faccia, e cioè quella appartenente ad uomini che, dimenticando i valori che dovrebbero rappresentare, APPENA POSSONO FANNO MAN BASSA SU TUTTO CIO’ CHE E’ ” RACCATTABILE “, lasciando a noi le briciole e la totalità dei problemi. Siamo di fronte ad una classe politica vecchia e che si sente prossima alla propria delegittimazione, per cui appare sempre più arrabbiata e violenta, e che ha messo da parte ogni regola calpestando i più umani diritti dalla privacy al rispetto dei più deboli, tipo i familiari delle vittime degli stessi attacchi di potere. Noi cittadini siamo costretti ad osservare ed a subire inermi e confusi: tra pochi giorni ci sarà la nuova tornata elettorale, per fortuna l’ultima per i prossimi tre anni, e dobbiamo cercare di capire in tanto “ bailamme ” a chi dare il nostro voto senza che questo sia disperso o mal usato. La classe politica va rinnovata completamente! Non ci si può più accontentare di qualcuno che si svegli una mattina e decida di darsi alla politica… Questi devono andare a scuola, sì, a scuola di politica! Devono ripassarsi tutte le buone regole dei comportamenti onesti e civili, devono svestirsi totalmente degli interessi personali e proiettarsi in toto nel grande progetto sociale. Solo così, anche se ci vorrà del tempo, noi italiani potremo guardare ad un futuro in modo meno disperato e porci come esempio positivo nei confronti anche delle altre nazioni… verso un mondo migliore e più vivibile.

Umberto Napolitano

Famiglie d’Italia

 

P. S. Letti gli esiti delle ultime indagini riguardo allo stato di salute delle famiglie italiane, delle quali il 30 % ha difficoltà ad arrivare a fine mese, ho deciso di ridare fiato e visibilità giornaliera, fino alla noia, ad una nostra iniziativa dell’estate scorsa che riguarda esclusivamente la sfera delle conoscenze personali di ognuno di noi… e che permette di dare una mano concreta a chi la necessita, i cui effetti positivi si possono vedere immediatamente e senza bisogno di inviare sms o indire collette nazionali.


{img_a}… Adottiamo una famiglia in difficoltà… è un’iniziativa che invita ogni famiglia a cui avanzi qualche euro, invece di depositarlo tutto sul proprio conto corrente, ad adottare una famiglia che conosce e che sa che è in difficoltà. Può accompagnarla una volta al mese ad un supermarket ed offrirle la spesa, adottando la formula, per non offendere, ” … a buon rendere, non si sa mai… “. Otterrà due risultati: aiutare chi ha bisogno ed immettere del denaro nel mercato. Questo consentirà di vivere meglio la crisi e di facilitarne una via d’uscita. State certi che ciò che avrete dato non sarà stato sprecato ed, in qualche modo, lo vedrete restituito.

” Adottiamo una famiglia in difficoltà ” è una proposta che non avrà un adeguato appoggio mediatico, ma che voi sarete in grado di far conoscere ed apprezzare con il vostro agire e con l’impegno di spargerne parola.  Noi di  Famiglie d’Italia lo ricorderemo ogni giorno da questo blog e voi, in qgrazie!ualche modo, fatemi sapere se l’iniziativa prenderà corpo, usando l’anonimato più discreto…

Umberto Napolitano

Famiglie d’Italia  click on per visitare il blog

Annunci

Tag: , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: