Il New York Times accusa… l’Italia sotto assedio

by

Prima l’Inghilterra contro Berlusconi, ora gli Stati Uniti contro Benedetto XVI… l’Italia è oggetto da tempo di una serie infinita di attacchi, che ne stanno minando credibilità e posizionamento a livello mondiale. Siamo ormai considerati definitivamente un Paese di furbetti governato da un Premier-boss, sempre meno affidabili, razzisti e, dulcis in fundo, ora anche protettori… di preti pedofili. Anche se quest’ultima accusa riguarda solo il Vaticano, io la considero ugualmente visto che, in fin dei conti, lo Stato Pontificio sorge proprio nel cuore della nostra  Roma capitale.

Cosa significa tutto ciò? Come mai, improvvisamente, siamo diventati la pecora nera dell’intero mondo occidentale?… Diamo fastidio a qualcuno, o siamo diventati davvero il pericolo numero uno di un sistema che si è scoperto allergico a tutto ciò che riguardi il nostro Bel Paese?…

Bene, la risposta credo che non sia racchiudibile in una sola ipotesi. Per me le variabili sono molte, ma una mi affascina e mi convince particolarmente: l’Occidente, partendo dagli Stati Uniti, ha partorito la sua crisi peggiore del secolo; una crisi che ha ridimensionato progetti e aspirazioni, bruciando capitali e lasciando sul campo cadaveri di finanzieri, investitori ed ex lavoratori. Solitamente, in questi casi, i più scaltri e più ricchi fanno in fretta a recuperare posizioni e sostanze… a discapito dei meno accorti e dei più deboli. L’Italia, con il suo enorme debito pubblico, poteva essere la preda ideale da attaccare e prosciugare definitivamente, e invece?… diavoli di italiani, abbiamo sette vite come i gatti!!!… Invece di soccombere, siamo stati quelli che hanno saputo reagire meglio e per primi hanno provato a tirare fuori la testa dal guano; invece di svendersi e farsi conquistare sono andati addirittura, con la Fiat, alla conquista di una rinomata ” rocca ” statunitense ed i nostri cadaveri lasciati sul campo sono stati inferiori a quelli di tutti gli altri, riuscendo inoltre a suggerire strategie e panacee che, loro malgrado, sono state prese in considerazione ed attuate…

Un nostro lato debole, però, è rimasto scoperto: quello di non essere riusciti a rinunciare alla miriade di ” casini ” interni causati dalle guerre fra i  partiti, che non si chetano mai, e nell’insistere a continuare a farci del male da soli appiccando incendi a destra e a manca, senza risparmiare nulla e nessuno: ed ecco che così facendo ci siamo indeboliti ulteriormente ed abbiamo dato adito agli altri di attaccarci con più foga colpendoci nei nostri punti di riferimento, quali le istituzioni politiche e religiose.

E questo perché?… Perché viste l’inconsistenza e la cocciutaggine della nostra classe politica, prima o poi, potrebbe veramente aprirsi il varco giusto capace di permettere ai più solletici e ” svegli ” di fare un sol boccone, in un sol momento, di tutte le bellezze naturali e storiche della nostra cara Italia, tanto contesa e… perennemente sotto assedio.

Famiglie         d’Italia

Umberto Napolitano

 

Annunci

Tag: , , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: