Silvio Berlusconi all’assemblea del Pdl mette i puntini sulle ” i “

by

Io penso che molti di voi avranno notato ultimamente un certo distacco da parte di questo blog sulle questioni politiche. Sì, magari qualche accenno laconico, ma nulla di convinto e realmente partecipato.  Tutto ciò ha evidenziato uno stato di disagio e di disaffezione verso la politica, quando questa si fa portatrice di chiacchiere e discussioni inutili e poco costruttive.

La giornata di ieri, in occasione dell’assemblea del Pdl, ha restituito invece al Popolo della Liberta e , soprattutto, alla Nazione la figura di un leader nuovamente determinato e coerente. Accantonati per una volta i ” problemi personali “, Silvio Berlusconi ha ritirato fuori gli “ attributi ” mettendo Gianfranco Fini di fronte ad una serie inconfutabile di puntini sulle ” i “, ai quali adeguarsi o cambiare ” rotta ” e porti d’attracco. Ha sottolineato un out out ben preciso: discutere dei dissensi esclusivamente all’interno del partito in un confronto democratico e costruttivo, smettendola definitivamente con i continui ” distinguo ” dall’alto della sua carica istituzionale, tendenti a creare soltanto confusione e spaccature all’interno del partito e nella testa dei cittadini.

Gianfranco Fini è stato messo di fronte ad una scelta: remare insieme o abbandonare l’imbarcazione… L’opposizione ha gridato subito allo ” spettacolo sgradevole ” andato in onda, ma io mi permetto di dissentire: è stato uno scontro duro, leale e chiaro,  senza possibilità di interpretazioni differenti da quanto si è potuto vedere con i propri occhi ed ascoltare con le proprie orecchie. I cittadini trovano sgradevoli soltanto gli spettacoli ” fumosi ” e poco costruttivi, nonché le ” risse ” le cui origini sono oscure  ai più. E’ stato uno scontro dal quale il Pdl è uscito compatto e rafforzato. Mi dispiace dissentire completamente anche da Pierluigi Bersani, il quale ha affermato che sono uscite fuori  ” due destre “: i fatti dicono che il documento dei coordinatori, in accordo con la linea del Premier, è stato approvato con 160 voti a favore, 11 contrari ed un astenuto… un plebiscito, dal quale partito e leader sono usciti decisamente rafforzati.

 Ricordo per l’ennesima volta che la posizione di Famiglie d’Italia è politicamente trasversale, nel rispetto delle ideologie dei propri componenti e simpatizzanti. Per scelta statutaria appoggia sempre il governo democraticamente eletto collaborando con proposte, evidenziando carenze e malumori, compiacendosi dei successi, ma offrendo sempre una critica decisa e costruttiva  nei momenti di difficoltà. Ci preoccupiamo dello stato di salute dei nostri politici… tutti! Ed in questo momento siamo preoccupati soprattutto di quello di coloro che dovrebbero rappresentare l’opposizione. A noi preme che anche Bersani tiri fuori gli ” attributi ” e disegni una politica propositiva e non soltanto attendista. Affermazioni basate su ” frasi ad effetto ” non ci accontentano più, ne ci interessano politiche che contrastino l’avversario andando solo a rovistare nell’armadio dei suoi scheletri. Nessuno è santo e nessuno è delinquente… l’equilibrio e la saggezza stanno nella via di mezzo. Tutte le mandate elettorali, con i loro risultati, hanno evidenziato che agli italiani non interessano le debolezze e le marachelle del passato, preferiscono  la determinazione e l’onestà del presente per sentirsi protetti e  proiettati verso un futuro certo e… rasserenante.

Famiglie                   d’Italia
 
Umberto Napolitano

 

Annunci

Tag: , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: