G20, ridare vigore ad una ripresa lenta ( Famiglie d’Italia news)

by

Soliti scontri tra blak bloc e polizia e solita città messa a ferro e fuoco. Soliti giovani vestiti di nero e con i volti coperti da passamontagna che sfilano sotto gli  occhi vigili della polizia… polizia che interviene ed arresta soltanto dopo che scoppiano i disordini e gli atti di vandalismo, violenza che non colpisce i  “ potenti “, ma che danneggia soltanto i ” poveri cittadini indifesi “.  Questo è il G20 di Toronto, simile ai G8 che lo hanno preceduto… Quello che non capisco è il perché della mancanza di qualsiasi intervento preventivo da parte delle forze dell’ordine, e questo in qualsiasi parte del mondo: come se una divisa nera e, soprattutto, un volto coperto non siano validi motivi di arresto tendente ad evitare guai peggiori… Ma così, a quanto pare, va il mondo, per cui anche a Toronto si è rivisto e rivissuto il solito squallido teatro di violenza e di fuoco… Intendiamoci, io non mi permetto di contestare il diritto sacrosanto di dissentire e protestare contro le disuguaglianze e gli stenti causati da una globalizzazione esasperata, contesto fermamente il vandalismo gratuito non in grado di sfiorare neanche lontanamente  i ” portafogli ” dei vari Obama, Merkel, Medvedev o Berlusconi, tanto per citare quattro dei venti  ” potenti ”  presenti al G20.

Per informarvi dei lavori svolti a Toronto, mi limito a pubblicare un comunicato a cura dell’agenzia di stampa Apcom.

G20/ Bozza comunicato: piani stimolo per dare vigore a ripresa
New York, 27 giu. (Apcom) – La strada verso la ripresa è ancora lunga. “Se, da un lato, si assiste a un ritorno alla crescita, dall’altro la ripresa è diseguale e fragile, l’occupazione in molti paesi resta ancora a livelli inaccettabili e l’impatto sociale della crisi è ancora ampiamente sentito. Risulta dunque cruciale dare vigore alla ripresa”. E’ quanto si legge nella bozza del documento finale del G20, i cui lavori si chiudono oggi a Toronto. Per questo, per sostenere la ripresa, bisogna continuare a mettere in atto “piani di stimolo esistenti, adoperandoci al contempo per creare le condizioni per una vigorosa domanda privata”. Secondo i Paesi del G20 occorrono “piani di sostenibilità fiscale credibili, graduali e favorevoli alla crescita, che rispondano alle specifiche esigenze nazionali”, mentre “i paesi con gravi problemi fiscali devono accelerare il ritmo del consolidamento”, anche attraverso una serie di misure per riequilibrare la domanda globale e garantire una crescita sostenibili. Nel comunicato si legge inoltre che “sono necessari ulteriori passi avanti sul piano del risanamento e della riforma fiscale” in un’ottica di maggiore trasparenza, potenziamento dei bilanci delle istituzioni finanziarie e sostegno alla disponibilità di credito. “È altresì fondamentale completare le riforme delle istituzioni finanziarie internazionali”, si legge nella bozza.

Umberto Napolitano

Famiglie  d’Italia

 

Annunci

Tag: , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: