La salute viene dall’erba ( Econota 27 )

by

Erba di grano, panacea universale     

fonte:  www.greenews.info

La salute viene dall’erba. Una piantina particolare però, che si può mangiare fresca, oppure liofilizzata. È l’erba di grano, conosciuta dagli Esseni in epoca Romana e riscoperta 50 anni fa dalla dottoressa americana Anne Wigmore, che a questa pianta dedicò lunghi studi.

Da anni negli Stati Uniti esistono infatti centri curativi che fanno uso del succo di erba di grano che, come dice la Wigmore “aiuta il corpo a svolgere la sua funzione naturale di autoguarigione“… L’azione curativa può essere così sintetizzata: potenziamento dell’energia psicofisica, miglioramento dei processi digestivi ed assimilativi, miglioramento dello stato anemico, stimolazione del metabolismo e disintossicazione cellulare, azione anti-invecchiamento. In Italia Luciano Pecchiai, primario patologo dell’Ospedale Buzzi di Milano e fondatore del Centro Eubiotica, ha confermato le proprietà di questa medicina verde.

Abbiamo chiesto a Lidia Tarditi presidente dall’associazione “Impariamo la Salute“, che da anni si occupa di divulgare informazioni sulla salute e l’utilizzo curativo delle piante, di parlarci delle virtù apparentemente miracolose di questa “medicina” naturale.

D) Come ha scoperto l’erba di grano?

R) Molti anni fa attraverso un amico insegnante di yoga che l’aveva trovata in California, in un drugstore: dopo averla provata raccolse molta documentazione e me la passò e così iniziai a produrla.

D) Perché ha deciso di coltivarla?

R) Dopo aver appreso tutte le proprietà di quest’erbetta sono rimasta molto colpita. Così ho iniziato a coltivare a casa i primi vassoi e a bere ogni mattina il succo estratto. Dopo soli pochi giorni mi sono ritrovata un’energia che non avevo mai avuto: riuscivo a lavorare più ore al giorno senza sentire la stanchezza e con grande lucidità mentale. Così ho pensato: perchè non dare a tutti la possibilità di sentirsi meglio?

D) Quali sono dunque le proprietà benefiche dell’erba di grano?

R) La più importante è il contenuto di clorofilla, che arriva al 70%: aiuta a purificare il sangue, a bloccare la crescita di batteri nocivi e a migliorare le funzioni degli organi del corpo. Il succo poi contiene la maggior parte delle vitamine e dei minerali di cui l’organismo ha bisogno. Inoltre è un alimento completo, ricco di proteine e di grandi quantità di enzimi ed è una fonte di calcio, ferro, magnesio, fosforo, potassio, sodio, zolfo, cobalto, e zinco. Infine drena il sistema linfatico, ripulisce il corpo dai residui di farmaci, e aiuta a distruggere i radicali liberi.

D) Ma allora perché è così poco diffusa?

R) Direi perché non se ne può fare un gran business. La coltivazione deve essere rigorosamente biologica e i metodi di estrazione a freddo oltre ad essere molto costosi necessitano di accorgimenti particolari. Purtroppo soltanto le grandi aziende possono permettersi la pubblicità. Quindi l’unico modo per farla conoscere è il passaparola, che è lento ma efficace.

D) Quella dell’erba di grano é una coltivazione sostenibile dal punto di vista ambientale?

R) Sì, come dicevo, il metodo di coltivazione deve essere biologico o biodinamico altrimenti andremmo ad assumere un concentrato di pesticidi!

D) Esistono produttori locali o è necessario importarla?

R) Noi abbiamo prodotto direttamente, per molti anni, l’erba di grano, ma a causa di problemi normativi siamo stati costretti a sospendere. L’esperienza di anni ci ha però portato a scegliere un prodotto di altissima qualità, proveniente dagli Stati Uniti.

D) Farla arrivare dall’America non è però troppo inquinante?

 R) Purtroppo sì, inutile negarlo. L’ottimo sarebbe un prodotto locale. Per avere maggior rispetto per l’ambiente è tuttavia necessaria in primis una maggior consapevolezza, che si può raggiungere soltanto con un più sano equilibrio psicofisico. Il benessere del nostro corpo è davvero il punto di partenza per migliorare, a catena, tutti gli altri aspetti della vita, perché senza la salute non si ha nulla.

D) A chi consiglia l’uso dell’erba di grano?

R) Può sembrare un po’ eccessivo ma in realtà a tutti. Oggi la nostra alimentazione è basata su alimenti molto elaborati e raffinati ma poveri di sostanze nutritive essenziali: questa è la causa principale di gran parte delle malattie, insieme con la presenza di sostanze tossiche nel cibo che mangiamo. Chi ha tempo e ama il fai da te può divertirsi a coltivare l’erba di grano in casa o sul terrazzo, in vassoi, usando chiaramente terriccio e semi biologici. Dopo 10-12 giorni a seconda della temperatura l’erba sarà pronta da tagliare.

di:  Marco Bobbio

 

La pillola eco-impegnata di Paolo Broglio,  ovvero “quelli che fanno “……o almeno ci provano !

 

 Turbine innovative dal quel genio di Nikola Tesla

di Philip Proefrock

Una società di ricerca in New Hampshire ha annunciato di recente il brevetto riguardante una turbina eolica senza pale basata su un brevetto rilasciato a Nikola Tesla nel 1913. La Fuller Wind Turbine sviluppato da Solar Aero ha una sola parte rotante, l’albero motore a turbina. L’intero marchingegno è contenuto all’interno di un contenitore, in modo che questa turbina offre diversi vantaggi rispetto alle tradizionali (principalmente del tipo ad asse orizzontale) turbine. Con un griglia all’ingresso e all’uscita questa turbina non presenta un pericolo per la fauna selvatica come i pipistrelli e uccelli. Per un osservatore esterno l’unico movimento visibile è il corpo intero turbina che si autoregola per captare al meglio il vento.

Secondo la società la turbina dovrebbe fornire energia ad un costo comparabile a centrali elettriche a carbone. Il totale dei costi di gestione, per tutta la vita della macchina, dovrebbero essere circa $ 0.12/kWh… La turbina dovrebbe avere anche una minore manutenzione con conseguente durata inferiore dei costi operativi. La stessa turbina può anche essere sostenuta da cuscinetti magnetici e mantenuta al livello del suolo, il che renderà anche più facile la manutenzione. La società stima che il “costo finale sarà di circa $ 1.50/watt potenza nominale, pari a quasi due terzi il costo delle unità paragonabile di tipo tradizionale”.

La turbina di Tesla opera utilizzando il flusso di un fluido viscoso per far girare la turbina e quindi produrre energia. La turbina di Tesla ” consiste in una serie di dischi molto lisci con ugelli lussanti aria orientati verso il bordo del disco. Il gas ( l’aria ) e trattenuta sul disco per mezzo della viscosità e dell’aderenza dello strato superficiale del gas. Poiché il rotore non ha sporgenze ed è molto robusto ” i dischi nella turbina devono essere ravvicinati, al fine di catturare il flusso viscoso. Per essere efficace la turbina Tesla ha anche bisogno di avere dischi estremamente sottili per ridurre al minimo la turbolenza sui bordi. Tesla non era in grado di trovare i metalli di qualità sufficiente per fare questo lavoro in modo efficace, ma a quanto pare, quasi un secolo dopo, quei limiti sono stati superati.

L’attuale esempio Aero Solar è un trailer montato in una unità senza pretese avente la dimensione di quello nella foto ( vedi sito web : solaraero.org/ ) ” è in grado di produrre 10kW in uscita senza alcun problema”, secondo l’inventore. Il numero di dischi determina la quantità di energia che può essere prodotta. Sarà interessante vedere se questa tecnologia decolla e se la tecnologia è qualcosa che può essere realizzata con un livello di produzione interessante o se è solo un sistema di nicchia…

Paolo Broglio

Famiglie  d’Italia

 

Annunci

Tag: , , , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: