-30% Gas Serra nel 2020: lo chiede l’Europa (Famiglie d’Italia news )

by

” Germania, Francia ed Inghilterra unite in nome del Pianeta lanciano un appello tramite i maggiori quotidiani dei rispettivi paesi. L’Europa deve orientarsi verso una riduzione delle emissioni del 30% “.  A seguire proporrò un articolo pubblicato da Rinnovabili.it, articolo in linea con la maggior parte di quelli apparsi sulle varie testate inerenti all’argomento… una cosa però mi pare  giusto evidenziare e che a quanto pare la maggior parte dei media dimentica: gli allevamenti di bestiame sono tra le cause primarie dei gas serra ( solo la flatulenza degli animali da macello incide per ben un 18 % sul tasso atmosferico di Co2, contro un 13% delle emissioni ” fumogene ” ), per cui qualche rimedio penso che possa passare anche da una nuova cultura alimentare che preveda una diminuzione del consumo sfrenato della carne a favore di prodotti alternativi che il mercato, ultimamente, sta cominciando ad offrire con maggiore impegno e serietà ( vedi Muscolo di Grano , per esempio ). Quanto affermato fa parte di una precisa campagna di informazione che questo blog sta attuando da tempo, perché è nella sana alimentazione che si risolvono a priori la maggior parte delle problematiche esistenziali future.

Umberto Napolitano

( Fonte: Rinnovabili.it ) – Gli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra dovrebbero essere ulteriormente alzati, passando dal 20% stabilito a Copenhagen fino al 30% entro il 2020. La richiesta è stata avanzata con decisione dai Ministri di Germania, Francia e Regno Unito sulle pagine di quotidiani internazionali come il Financial Times, il Frankfurter Allgemeine Zeitung e Le Monde. “Siamo convinti della necessità per l’Ue di adottare un obiettivo di riduzione di emissioni di CO2 del 30%” scrivono rispettivamente i ministri Norbert Röttgen, Jean-Louis Borloo, e Chris Huhne.
“Attenendosi ad un taglio del 20 per cento, l’Europa rischia di perdere la competizione a basso tenore di carbonio con paesi come la Cina, Giappone o Stati Uniti, dove tutti stanno cercando di creare un ambiente più interessante per investimenti low carbon”, hanno riferito i ministri.
Grazie alla proposta risulta quindi di nuovo aperto il dibattito circa la possibilità di irrigidire i target di emissioni nonostante le perplessità espresse a seguito della proposta comunitaria di un ulteriore 10% di taglio da aggiungere al 20 già stabilito in precedenza.
Aumentare il target di riduzione equivale, per i tre ministri, ad aumentare la sicurezza energetica del continente, decisi a portare avanti il loro obiettivo nonostante la disapprovazione dei Ventisette d’Europa “Siamo convinti della necessità per l’Ue di adottare un obiettivo di riduzione di emissioni di CO2 del 30%” hanno dichiarato sottolineando come la scelta rappresenti per loro “un reale tentativo di limitare l’aumento delle temperature nel mondo di due gradi”, ma anche “una scelta economica giudiziosa”. L’unica preoccupazione dei tre dicasteri rimane il prezzo attuale del carbone, così basso da non invogliare alla conversione alle eco energia che al contrario richiedono investimenti più importanti in un momento, quello dell’attuale crisi economica, che sta segnando l’economia mondiale. Il passaggio ad una economia low carbon potrebbe però, secondo quanto diffuso da Germania, Francia ed Inghilterra, crescita economica e il conseguente rilancio dell’occupazione oltre al già citato rafforzamento della sicurezza energetica.

Rinnovabili.it

 

Famiglie            d’Italia

Annunci

Tag: , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: