Foreste ancestrali… addio ( Econota 28 )

by

In Papua Nuova Guinea attacco alle foreste ancestrali

Le piantagioni su vasta scala di palma da olio, promosse da prestiti della Banca Mondiale, e alimentate dal nuovo business del biodiesel, hanno visto una rapida espansione ai danni delle terre comunitarie e dell’agricoltura di sussistenza. La Papua Nuova Guinea è forse l’ultimo paese al mondo in cui la carta costituzionale assicura la proprietà della terra (e della foresta) alle comunità tribali. Per decenni le comunità native hanno protetto le loro foreste ancestrali dalle brame delle multinazionali malesi del legno e dell’espansione delle piantagioni di palma da olio. Ora non sarà più possibile: il Parlamento ha modificato l’Environment and Conservation Act 2000, che regola la gestione delle risorse del paese, e le nuove norme assegnano al Direttorato Ambiente e Conservazione ampi poteri di autorizzare progetti presentati dagli investitori. L’autorità concessa è così ampia che la decisione finale non può essere rimessa in discussione neppure da un tribunale.

Secondo quanto riporta l’Irin, l’emendamento avrà un grave impatto sul diritto alla terra, alle foreste ancestrali e a un ambiente sano, per circa sei milioni di persone. Infatti fino ad oggi, le comunità tribali avevano il potere di proteggere i propri diritti consuetudinari o chiedere risarcimenti in caso di danno ambientale. Con la nuova legge, hanno perduto questi diritti. I gruppi indigeni della Papua Nuova Guinea hanno alle spalle una lunga battaglia per la difesa delle proprie foreste. Alla fine degli anni Novanta la loro battaglia contro le attività minerarie dell’industria del rame Freeport-Rio Tinto a Bougainville e Ok Tedi è costata numerose vite. Secondo alcune stime, oltre 5.000 persone sono state uccise in quel conflitto. Le comunità indigene si sono dovute battere anche contro le compagnie del legno che distruggevano le loro foreste tradizionali. Intanto una nuova industria si è affacciata sulle foreste della Papua Nuova Guinea: le piantagioni su vasta scala di palma da olio, promosse da prestiti della Banca Mondiale, e alimentate dal nuovo business del biodiesel, hanno visto una rapida espansione ai danni delle terre comunitarie e dell’agricoltura di sussistenza. L’abbandono dell’agricoltura di sussistenza e la concentrazione della proprietà delle terre rischiano di portare con sé, parallelamente alla distruzione della foresta (e alle conseguenti emissioni di gas serra), una lunga scia di miseria, perdita di sovranità alimentare per le comunità locali. La Papua Nuova Guinea ospita una delle ultime grandi foreste pluviali del pianeta. Si stima che circa 1.000 gruppi industriali hanno avviato piani di investimento nei 50 paesi in Asia, Oceania, Africa e America Latina.

(Fonte Salva le Foreste)

La pillola eco-impegnata di Paolo Broglio,  ovvero “quelli che fanno “……o almeno ci provano !

 L’Oscar dell’imballaggio 2010 ecologico è stato assegnato a …                                          

Nove premi, con un ex-aequo, per nove progetti di packaging innovativo ed eco-friendly: continua il percorso virtuoso verso l’ottimizzazione dell’impatto ambientale dell’intero ciclo produttivo e di recupero degli imballaggi intrapreso dall’industria e sostenuto da CONAI, il Consorzio Nazionale Imballaggi, e dall’Istituto Italiano Imballaggio, anche attraverso la promozione dell’ormai storico Oscar dell’Imballaggio.

Proprio grazie a questo impegno, in 10 anni il peso e lo spessore degli imballaggi si è ridotto in misura consistente, ad esempio di oltre il 9% per le lattine d’alluminio e del 30% per le scatolette d’acciaio, e l’uso di materiali da riciclo ha raggiunto livelli estremamente elevati contribuendo a diminuire in modo consistente l’impatto delle produzioni sull’ambiente: nel settore cartario, per esempio, la fibra di riciclo rappresenta il 90% della materia prima di fabbricazione degli imballaggi in cartone ondulato.

Anche nel settore del vetro, nel caso specifico delle bottiglie di birra da 330 ml, dagli anni Ottanta a oggi si è registrato un alleggerimento del 18%. Per la filiera della plastica è stato registrato un calo del 28% medio del peso dei singoli imballaggi in plastica. Nel caso degli imballaggi in legno, ogni anno vengono riparati 12.000.000 di pallet in modo da poterli riutilizzare, evitando così l’utilizzo di imballaggi nuovi.

Le eco-innovazioni che caratterizzano l’Oscar dell’Imballaggio 2010, vanno tutte dunque verso la ricerca dell’essenzialità come chiave di una maggiore funzionalità in termini ambientali e d’uso.

  1. Ringo Barilla è stato premiato per la semplificazione; il nuovo packaging è monomateriale  e facilita le attività di riciclo (ha conseguenti ricadute positive in termini di inferiori emissioni di Co2, – 60% per il tubo e – 12% per lo snack, con una riduzione annua di oltre 36 tonnellate di materiale)
  2. Crew Cup – NOVACART, il bicchiere con tappo a vite in cellulosa estensibile, progettato in collaborazione con CENTRO ITALIANO PACKAGING per la distribuzione automatica è stato premiato per l’immediatezza d’uso e l’agevolazione delle operazioni di recupero e smaltimento, (il tappo è in cellulosa estensibile)
  3. Vernel Mini, Nelsen, Dixan piatti, Bref Spray e Prill Brillantante di Henkel sono stati premiati per aver coniugato efficacemente standard qualitativo e utilizzo del 25% di Vernel Mini,. Di particolare interesse per i grandi quantitativi di materiale coinvolti. (Questa operazione ha comportato la sostituzione di 885 ton/anno di PET vergine con PET proveniente dalla raccolta differenziata)
    Ex aequo:
    Vernel Mini,– SUTTER INDUSTRIES è stato premiata per aver scelto la via della ricarica idrosolubile e biodegradabile e del risparmio del materiale da imballaggio (riutilizzando sempre lo stesso flacone, si arriva a risparmiare fino all’80% di plastica, riducendo anche il volume dei rifiuti domestici. Il sistema di confezionamento adottato da Sutter porta anche a drastiche riduzioni dei trasporti (-57%) e delle emissioni di CO2 (-62%)
  4. Massimo – LIC è stato premiato per la semplificazione (risparmio dello spazio a magazzino a vantaggio della pallettizzazione) 
  5. Confezione per apparecchiature elettroniche per domotica e videocitofonia – BITICINO è stata premiata per essere passata al monomateriale, supportato dalla riprogettazione di un ammortizzatore innovativo. Dall’analisi del ciclo di vita (LCA) si desume una riduzione di impatto ambientale (-53%), di CO2 emessa (-8,2 t) e peso (-35%).

Tre i premi speciali: Speciale Tecnologia, Quality Design, Speciale Comunicazione. Questi ultimi tre sono stati vinti rispettivamente da:

  • Giochino TM – LAMEPLAST è un esempio d’innovazione tecnologica applicata al settore farmaceutico, che garantisce l’erogazione di farmaci oftalmici privi di conservanti, grazie a un dispositivo che assicura l’assenza di risucchio di aria.
  • DUO-ITALPAK, premiato per il design, grazie alla sua versatilità permette l’utilizzo sia allo stato liquido che solido. 
  • Sleeve Pack – FINPAC ITALIA è un’ingegnosa sleeve preforata che presenta un’ampia superficie a disposizione della comunicazione. Funziona da multipack fino a 4 bottiglie e ne permette la separazione, mantenendo sulla bottiglia le informazioni utili al consumatore.

( Fonte : 100ambiente )

 

Paolo Broglio

Famiglie  d’Italia

 

Annunci

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

2 Risposte to “Foreste ancestrali… addio ( Econota 28 )”

  1. Arredo Country Says:

    Ciao Ho condiviso il tuo intervento, come altri che hai scritto, considero ricco
    di contenuti il tuo blog, e che grafica! e penso che ti metterò
    nei preferiti, Bye

  2. famiglieditalia Says:

    Grazie…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: