Sono innocente, grida Sabrina… ma lo siamo anche noi, che non centriamo nulla

by

E’ molto difficile in questi giorni scrivere qualcosa di sensato ed equilibrato su questo blog senza farsi sopraffare dallo scoramento susseguente a quanto di marcio e violento si sta abbattendo inesorabilmente su di noi: siamo alla mercè di un mondo i cui valori sono in caduta libera e la vita umana conta sempre meno. Si uccide per un nulla… per una lite alla stazione, per un dissidio familiare, per interesse personale, per l’onore infranto da una parola di troppo, per un cagnolino sfuggito al controllo del padrone, per una presa di posizione politica, per nascondere un imbroglio, per egoismo, per gelosia, per desiderio di sopraffazione, per un pugno di euro… insomma, qualsiasi pretesto è buono per trasformarsi in giudici e carnefici. Tra tutti questi esempi quello di Sarah e del suo disumano sacrificio è quello che in questi giorni addolora di più e sta tenendo in apprensione un’intera nazione. I colpi di scena si susseguono sotto lo sguardo vigile delle telecamere, alle quali nulla sfugge, come la trama di un ” Grande Fratello ” live a cui non occorre un set da studio per raccontare il proprio evolversi. Sabrina da dietro le sbarre urla sorpresa e disperata, ma anche stizzita, la propria innocenza… quasi a voler affermare ” come hanno potuto, come hanno osato ! ” Ma Sabrina, indipendentemente dalla sua innocenza o colpevolezza, paga un desiderio sfrenato di essere stata parte di questo reality in prima persona, sotto i riflettori, nel desiderio di impersonare un ruolo da protagonista in una faccenda scabrosa dove dolore e dignità  sono stati interpretati in modo corretto solo dai genitori e dal fratello di Sarah, capaci di restare ai margini pur essendo gli unici e veri disperati protagonisti.

La violenza si è insinuata in noi come un virus incontrollabile, un virus liberato dal malessere di cui soffrono in primis Istituzioni e Media. Ha ragione chi ha la voce più stentorea e chi attacca per primo; si usa la legalità come alibi di ogni azione, ma il più delle volte la si abusa. Mai come adesso ognuno vede la pagliuzza nell’occhio dell’avversario e non la trave nel proprio: i politici si azzuffano, i sindacati si combattano, gli operai sono a spasso…insieme ad imprenditori, artigiani, impiegati e studenti che abbandonano aule nelle quali non si riconoscono più in una proiezione futura. E la famiglia?… e la famiglia, contenitore naturale di ogni anima in pena, traballa e si disperde alla ricerca di un’identità  offuscata e ormai perduta.

Sabrina grida, a ragione o torto, la sua innocenza… ma i veri innocenti siamo noi, cioè quelli che nei fatti e nei comportamenti possono evidenziare di non essere ancora stati contagiati dal virus violento e distruttivo di cui sopra. Noi che per ora  siamo solo spettatori ma che non sappiamo per quanto tempo ancora il nostro cervello sarà in grado di controllarci e di guidarci con saggezza e in armonia.

Il buon esempio e la cura devono arrivare dall’ ” Alto “, e questo blog lo va affermando da lungo tempo ormai. Ognuno si prenda le proprie responsabilità e scenda dal piedistallo: non esistono buoni e cattivi, almeno in politica o in chiunque condizionato nei propri atteggiamenti da appartenenze di partito. Esistono gli interessi personali , e questo lo abbiamo capito da tempo anche se non possiamo intervenire e porre rimedio. La nostra unica speranza è che gli interessi personali possano coincidere il più possibile con quelli collettivi, e ciò potrà accadere solo se sapranno mettersi una mano sulla coscienza e, soprattutto, rendersi conto che in un piatto si può mangiare solo se questo è pieno… ma il piatto Italia si sta svuotando sempre di più!

Umberto Napolitano

Famiglie  d’Italia

Annunci

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Una Risposta to “Sono innocente, grida Sabrina… ma lo siamo anche noi, che non centriamo nulla”

  1. Il silenzio degli innocenti… « Umberto Napolitano Says:

    […] Sono innocente, grida Sabrina… ma lo siamo anche noi, che non centriamo nulla […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: