Una domenica di odio… ma per fortuna domani sarà San Valentino

by

Amici carissimi, mi è sempre più difficile provare solo a commentare quanto di nefando ed incredibile sta accadendoci intorno. Una guerra senza esclusione di colpi da una parte e dall’altra dove è difficile capirci qualcosa a meno che uno non voglia a tutti i costi intendere perché apertamente schierato da una parte o dall’altra. La ragione di ognuno rappresenta, però, un torto gravissimo nei confronti di chi non vuole in modo qualunquistico  tirarsi fuori, ma pretende di poter giudicare in base ad una contesa gestita ragionevolmente e non improntata sul ” chi ha più potere o chi più alza la voce vince “. Stiamo assistendo, in nome della costituzione, al calpestamento più evidente della stessa da parte di chi la invoca, chiunque sia! Ciò che è assolvibile per uno è condannabile per l’altro: assistiamo a lanci continui di pietre da parte di chi col peccato, come qualsiasi essere umano, ci convive quotidianamente. Si sono invertiti i ruoli: mai avrei immaginato una sinistra bacchettona contrapposta ad una destra rivoluzionaria nella sua ostentata lascività. Io, e lo ammetto a denti stretti, non sono in grado di stabilire onestamente chi dice il vero e chi ci imbroglia. Però, per il modo come tutto avviene, senza sosta, togliendoti il respiro in ogni giorno, in ogni ora, in ogni istante… mi sento un martire, un martire sacrificale del quale abusare per l’affermazione di un dogma, ma quale dogma?

Oggi è domenica, ma non è una domenica di pace… è una domenica rigonfia di odio. Oggi, però, si ricordano anche Sante Fosca e Maura martiri, due donne rigonfie di amore, una fanciulla e la sua nutrice, divenute cristiane ai tempi della famigerata persecuzione di Decio del III secolo e denunciate ma che, certe dell’ innocenza della loro fede, preferirono rinunciare alla protezione di un angelo che ne aveva impedito l’arresto, e presentarsi spontaneamente al prefetto Quinziano, dal quale vennero processate, crudelmente torturate ed infine decapitate un 13 febbraio.

Ricordando questo fatto di storia non intendo paragonare alle due donne nessuna delle parti contendenti nell’attuale disputa italica, anzi, i martiri siamo noi o potrebbe diventarlo la parte al momento soccombente se poi un giorno riabilitata… però, come è facile comprendere, non sempre alle buone intenzioni corrisponde un’ azione appropriata… ma per fortuna domani sarà San Valentino e parleremo soltanto d’amore!

Umberto Napolitano

Famiglie  d’Italia

Annunci

Tag: , , , , , , , , , ,

Una Risposta to “Una domenica di odio… ma per fortuna domani sarà San Valentino”

  1. stefano micheli Says:

    Umberto la tua analisi calza perfettamente con questa realtà, c’è una confusione tale nel nostro paese simile a quella della torre di babele, ciascuno ha il suo lingaggio e si sente detentore del Verbo anche se il Verbo è giusto ricordarlo …a codesti signori e signore alberga da ben tutt’altra parte e per fortuna. Non esiste più alcun rispetto per nessuno e soprattutto per la persona umana che viene vista solo come strumento per generare reddito fin che serve e poi viene buttata via come la carta di una caramella quando questa non serve più e poichè invecchia e si ammala diventa pure un peso per la società.La donna viene mercificata mortificata ed annientata da uomini di M….e l’esempio demoniaco di questa mercificazione questa volta viene da molto in alto ma, per nostra fortuna le donne sono anche quelle che ci allattano da bambini, ci crescono e ci curano quando siamo malati e che non ci abbandonerranno mai, loro ci amano e ci hanno amato senza alcun tornaconto personale e senza ambire a diventare parlamentari o veline,loro sanno da quale parte sta la giustizia e a loro va tutto il nostro rispetto perchè il futuro dei nostri figli è riposto nelle loro mani.Vogliamo u n mondo che sappia riscoprire il sudore di sapersi guadagnare da vivere,l’onestà, la parola data,l’amicizia senza interesse,l’amore ed il rispetto per altri soprattutto per coloro che soffrono nel corpo e nell’anima.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: