Per l’Ambiente è stato un 2010 di alti e bassi ( Econota 51 )

by

 2010. Per l’ambiente un anno di alti e bassi

Dal disastro Deep Water Horizon all’allarme biodiversità

Dal peggior disastro petrolifero della storia, all’allarme lanciato per l’anno mondiale della biodiversità, al caldo record in Russia, gli eventi, i fatti e i dati più importanti in campo ambientale nell’anno 2010.

Deepwater Horizon: il disastro da 40 milardi di dollari della piattaforma Bp è stata la più grande catastrofe petrolifera accidentale nella storia. Undici persone sono morte e 17 sono rimaste ferite nell’esplosione del pozzo, il 20 aprile scorso, e per i tre mesi seguenti una falla sul fondo marino ha rovesciato nel golfo del Messico 4,9 milioni di barili di petrolio. La valutazione del danno nell’area, già pesantemente inquinata e ipersfruttata per la pesca, non è ancora stata completata: si va da previsioni catastrofiche a lungo termine a ipotesi di danni relativamente circoscritti. Negoziati sul clima: il 2010 ha visto la ripresa dei negoziati Onu a Cancun. Dopo la debacle diplomatica di Copenaghen a fine 2009, segnata da pesanti rotture tra paesi, ci sono voluti tre incontri a Bonn perchè si tornasse a trattare sotto l’egida Onu. Alla fine la conferenza di Cancun, pur chiudendosi con un accordo, ha evitato di affrontare i punti più importanti, come i tetti alle emssioni di gas serra dei paesi industrializzati e il finanziamento dell’adattamento all’aumento delle temperature dei paesi poveri.

Biodiversità: il 2010 è stato l’anno Onu della biodiversità, culminato con la conferenza di Nagoya, a cui hanno partecipato 193 paesi e 18.000 persone, destinata ad affrontare l’allarmante perdita delle specie vegetali e animali. I paesi si sono offerti di proteggere gli ecosistemi, di dimezzare il tasso di perdita di habitat naturali, di proteggere gli ambienti marini, corallini e costieri e di risanare almeno il 15% delle aree degradate. Resta da stabilire se i governanti abbiano la volontà politica di attuare le loro promesse. Intanto i satelliti mostrano immagini di paesi come la Cina dove vengono piantati milioni di alberi, mentre in altre parti del mondo le foreste continuano ad essere distrutte. Secondo altri studi gli Usa e il Canada distruggono più foreste del Brasile, che nel 2010 ha ridotto del 75% il tasso di disboscamento. Le email rubate dei climatologi: la storia del climategate è cominciata nel 2009 con il furto e la pubblicazione di centinaia di email private dei più autorevoli climatologi mondiali, accusati di manipolare e distorcere i dati per avvalorare la teoria del riscaldamento globale propdotto dall’uomo. Ma sono sorti anche dubbi sulla serietà dell’Intergovernmental panel on climate change (Ipcc) dell’Onu, vincitore di un premio Nobel, dopo la scoperta di una serie di errori contenuta nell’ultimo rapporto pubblicato dall’organismo guidato da Rajendra Pachauri. Quattro separate inchieste hanno assolto i climatologi coinvolti nekllo scandalo delle email rubate. Pachauri è sopravvissuto agli attacchi, ma l’Onu ha deciso una profonda riforma dell’Ipcc. Pesce: è stato generalmente un buon anno per gli oceani. L’amministrazione Obama ha reintrodotto il bando delle trivellazioni offshore nel golfo del Messico orientale e sulla costa atlantica, il Cile ha salvato una riserva marina nota per il suoi rari pinguini di Humboldt, balene blu e leoni marini, dalla costruzione di una centrale elettrica a carbone e gli Usa hanno vietato la pesca a strascico al largo della loro costa atlantica sudorientale. Il Belize è diventato il terzo paese al mondo a bandire totalmente la pesca a strascico, Marocco e Turchia hanno vietato la pesca con reti dotate di galleggianti. La cattiva notizia è che la Ue non è riuscita a fermare lo sfruttamento delle specie già spvraesposte, riducendo del solo 5% il pescato autorizzato per il 2011. Temperature: in via provvisoria il 2010 è stato l’anno più caldo mai registrato, ma sono state segnalate anche temperature insolitamente rigide, con forti nevicate. Diciassette paesi hanno segnato nuovi record di temperatura, ondate di caldo e incendi hanno attanagliato la Russa e il Medio oriente per settimane. In Pakistan è stato toccato il record asiatico con una tenmperatura di 53,7 gradi centigradi e sull’Artico è stata registrata la terza maggior perdita di ghiaccio. Stranamente, le temperature hanno toccato i massimi in aree dove la popolazione è scarsa, mentre le zone temperate densamente abitate, come Europa e Stati uniti, hanno sopportato temperature sotto la media. L’anno si chiude con il massimo assoluto di concentrazione di gas serra. Trend per il 2011

Popolazione: il tema, fionora piuttoso trascurato, balzerà alla ribalta il prossimo anno quando al mondo saremo in sette miliardi, meno di 13 anni dopo aver toccato quota sei miliardi. Raccolti geneticamente modificati: l’Africa è il nuovo terreno di scontro. Le compagnie chimiche premono per l’ingresso nei paesi più poveri e sostengono che la tecnologia constrasta il cambimento climatico.

Clima: dopo Copenaghen, il climategate e le elezioni di midterm americane, che hanno messo nel cassetto qualunque progetto di legge Usa per fermare il cambiamento, i politici sonmo meno sotto pressione. Questo dovrebbe cambiare uin vista della conferenza Onu di Durban, a fine anno, dove sono attesi impegni precisi sul taglio dei gas serra.

Fonte: LASTAMPA.it

La pillola eco-impegnata di Paolo Broglio,  ovvero quelli che fanno “……o almeno ci provano

  

 6 Storie di Green Architecture 2010

 

Per rimanere nel 2010, è ‘stato un anno rivoluzionario per l’architettura verde : dalle nuove innovative tecnologie di costruzione , alle case sotterranee , ai grattacieli sott’acqua . Anche se questi approcci possono sembrare diversi a prima vista, una cosa hanno in comune ed è una visione di come l’architettura possa creare ambienti di vita più sostenibili, sani e socialmente responsabili.

Ecco sei esempi da studiare e osservare:

 1. Grattacielo subacquea è un numero sufficiente di City Self in mare

 

2. 6 Case affascinanti sotterranei che vanno ben oltre

3. Casa più grande e più costosa del mondo Completato

4. Sonnenschiff: City Solar produce 4X dell’energia che consuma

5. 3-D stampante crea interi edifici da Rock Solid

6. Wind Turbine In: Il Mondo Strata gli grattacielo con Built-First

a cura di:

Paolo Broglio

Famiglie  d’Italia

Annunci

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

2 Risposte to “Per l’Ambiente è stato un 2010 di alti e bassi ( Econota 51 )”

  1. build a solar panel from scratch Says:

    Hello! I know this is kind of off topic but I was wondering which blog platform are you using for
    this website? I’m getting tired of WordPress because I’ve had issues with hackers and I’m looking at options for another platform. I would be great if you could point me in the direction of a good platform.

  2. famiglieditalia Says:

    I work with wordpress and I find myself well and I wouldn’t know which platform best advise.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: