Lotta all’Aids, un altro passo avanti ( Famiglie d’Italia news )

by

 Mentre su tutti i media imperversano solo notizie negative o futili relative a disastri, guerre, attentati, scontri politici, vip con le natiche e i seni al sole, flirt nati e vissuti nell’arco di un weekend, fornendo l’immagine di una società alla sbando, senza futuro e, soprattutto, senza speranza… le notizie in grado di tirarci sul morale e di farci guardare al domani con un pizzico di ottimismo in più, passano e scivolano inosservate, relegate negli angoli più reconditi loro assegnati dalle politiche di media sempre più affamati di orrore che di amore. Famiglie d’Italia non deve fare fatturato e non è al servizio di trame sconosciute: osserva e vigila, e se trova qualcosa di positivo ed utile lo segnala immediatamente. Pensate che non sia importante, dopo anni di flagello Aids, la conferma che la sua definitiva debellazione sia ormai più che prossima? Noi pensiamo di sì e vi proponiamo un post edito da Virgilio Notizie, dal titolo:

Medicina/ Lotta a Aids, studio mostra svolta in prevenzione

Trattamento con antiretrovirali rende pazienti meno infettivi

New York, 12 mag. (TMNews) – Il trattamento con farmaci antiretrovirali potrebbe segnare una svolta nella lotta all’Aids. A riportarlo è il Wall Street Journal, che cita Anthony Fauci, direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases, l’istituto nazionale di allergie e malattie infettive: “questa scoperta dimostra in maniera convincente che una terapia tempestiva sulle persone infette può avere un impatto enorme nella riduzione della trasmissione dell’Hiv”.

Lo studio esamina coppie in cui un partner è affetto da Aids conclamato e l’altro è sano ed è stata registrata una netta diminuzione dei casi di contagio e i risultati sono stati talmente convincenti che si è deciso di diffonderli quattro anni prima della conclusione dello studio. Per capire l’entusiasmo dei ricercatori basta qualche numero. Le 1.763 coppie (il 97% delle quali è eterosessuale), provenienti da nove paesi degli Stati Uniti, sono state divise in due gruppi.

Nel primo gruppo il partner con Aids ha iniziato subito a prendere gli antiretrovirali. Nel secondo si è aspettato che la malattia avanzasse, come succede attualmente in molti stati. In questo secondo gruppo ci sono stati 27 casi di infezioni e tutti i contagi sono avvenuti prima dell’inizio della cura. Nel primo gruppo, invece, si è registrato solo un caso. In termini percentuali, significa che i pazienti che prendono antiretrovirali hanno il 96,3% di probabilità in meno di trasmettere il virus. In parole ancora più semplici, gli antiretrovirali riducono in maniera drastica la quantità di virus presente nel corpo e quindi la probabilità di contagio.

 

I ricercatori hanno anche offerto a tutti i partecipanti una consulenza sui modi per evitare la trasmissione dell’Hiv, oltre ad avere consegnato loro preservativi e altri metodi di protezione. Questo tipo di precauzioni nelle coppie continuano a essere fondamentali anche quando il partner infetto assume antiretrovirali. La cura ha mostrato un netto miglioramento anche riguardo ad altre patologie legate al virus, riducendo per esempio il rischio di contrarre un particolare tipo di tubercolosi.

 Virgilio Notizie

introduzione a cura di

Umberto Napolitano
 
Famiglie  d’Italia
 
Annunci

Tag: , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: