Cani e gatti in casa contro le allergie dei nostri bambini ( Famiglie d’Italia news )

by

Quando mio figlio era piccolo, parecchi anni fa, mi ricordo che il pediatra venne a visitarlo a casa perché da giorni la febbre e la tosse parevano non dargli e darci tregua e che mia moglie gli chiese se non fosse a causa del gattino che avevamo appena comprato e che giocava e dormiva sempre con lui, dato che i due si scambiavano bacini e leccate a iosa. Con mio stupore il dottore ci disse di tenere per un po’ il micio lontano dal nostro pargolo finché almeno il raffreddore non si fosse calmato, per evitare che fosse il micio a subirne le conseguenze, prendendosi a sua volte quel raffreddore con problemi di lacrimazione agli occhi, etc. Vedendoci stupiti, il pediatra incalzò assicurandoci che proprio grazie alla vicinanza del gattino, quando il bambino fosse stato meglio, avrebbe contribuito ad innalzare  le sue autodifese con un maggior numero di anticorpi sviluppati, preservandolo da allergie future di qualsiasi tipo. Ebbene, il nostro pediatra indovinò proprio tutto. Il sottoscritto soffre ancora delle allergie primaverili che si porta dall’infanzia, ma nostro figlio non ne è stato mai nemmeno lontanamente sfiorato. E così dicasi di qualsiasi altra forma di patologia allergica…Comunque, il post che segue, servirà a chiarirci le idee ancor di più in materia. 

Allergie bambini: cani  e gatti in casa non aumentano il rischio, anzi byTanta Salute | Salute e Benessere

Allergi e e animali domestici, un binomio pericoloso  i bambini? Non proprio, anzi: secondo una ricerca recente, condotta da un gruppo di esperti statunitensi, vivere con un amico a quattro zampe, un cane o un gatto, fin dai primi anni di vita, non aumenta il rischio di sviluppare allergie, anzi. Via libera, quindi agli animali domestici, come fedeli alleati della crescita dei bambini, senza paura di “relazioni pericolose” con la comparsa di reazioni allergiche.

 Il team di ricercatori a stelle e strisce ha finalmente fatto chiarezza su questa possibile relazione controversa tra allergie nei bambini e animali domestici. Secondo i risultati dello studio, pubblicato sulla rivista Clinical & Experimental Allergy e condotto da un gruppo di ricercatori del Department of Public Health Sciences dell’Henry Ford Hospital di Detroit, negli Stati Uniti, il rapporto di causalità non avrebbe basi scientifiche, anzi, sarebbe vero il contrario. La probabilità di sviluppare un’allergia ai cani o ai gatti potrebbe essere inversamente proporzionale alla quantità di tempo passato con gli amici a quattro zampe: più si frequentano, più il rischio diminuisce.
 
Gli studiosi d’oltreoceano hanno monitorato un gruppo di 565 bambini, da quando erano solo neonati fino al compimento del diciottesimo anno d’età, osservandone abitudini e caratteristiche, grazie al costante contatto con le famiglie dei piccoli coinvolti.
 
Se la fase della vita considerata più a rischio, per la comparsa dei fenomeni allergici è considerata quella della prima infanzia, del primo anno di vita, i ricercatori hanno constatato che i ragazzi cresciuti con un gatto o un cane, proprio nei loro primi dodici mesi di esistenza, hanno meno probabilità di soffrire di allergia. Il pericolo, per loro, è dimezzato.

introduzione a cura di

Umberto Napolitano
 
Famiglie  d’Italia

 

Annunci

Tag: , , , , , , , , , ,

2 Risposte to “Cani e gatti in casa contro le allergie dei nostri bambini ( Famiglie d’Italia news )”

  1. Look At This Says:

    It is indeed my belief that mesothelioma will be the most deadly cancer.
    It has unusual attributes. The more I actually look at it a lot more I am confident it
    does not act like a real solid cells cancer. When
    mesothelioma is a rogue virus-like infection, then there is the potential for developing a vaccine in addition to offering vaccination to
    asbestos exposed people who are at high risk of developing long run
    asbestos associated malignancies. Thanks for giving your ideas about this important health issue.

  2. Leonie Says:

    You actually make it appear so easy together with your presentation
    but I in finding this matter to be really something that I believe
    I might by no means understand. It sort of feels too complicated and very
    broad for me. I’m having a look forward on your next put up, I will try to get the hold of it!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: