Piove su Genova e sulla nostra dignità

by
, con queste parole intitolavo un post di questo blog datato 4 ottobre 2009. Sono passati più di due anni e la situazione nel nostro Paese non è cambiata, anzi è peggiorata. E ciò che fa più rabbia è che qualsiasi catastrofe ci cade addosso e la subiamo quasi passivamente, con rassegnazione. Per risparmiare pochi soldi per interventi preventivi, se ne spendono poi vagonate per ripulire macerie e ricostruire, ma i morti… quelli non li restituirà mai nessuno. Gli abusi edilizi del passato pesano sulle nostre teste come i macigni e i tronchi che intasano fiumi e torrenti all’apparenza inoffensivi; corsi d’acqua deviati e i loro letti naturali violentati da speculazioni edilizie selvagge avallate da politicanti senza scrupoli e cognizione. Ma quello che ancora fa più incazzare è che la maggior parte di coloro che hanno provato a intervenire preventivamente  per ripulire, anche a proprie spese, fiumi apparentemente addormentati di tutte le sporcizie accumulate… sbattono il muso violentemente contro veti e vincoli assurdi che impediscono qualsiasi operazione, perché il mercato degli inerti è sempre appetibile ed ha il sopravvento su qualsiasi logica ecologica. Mi spiego meglio: c’è sempre qualcuno che impedisce di pulire e scavare, se non adeguatamente unto, perché, secondo lui, ciò avviene non per prevenire ma solo per procurarsi ghiaia e sabbia. La burocrazia ha ucciso l’Italia cibandosi di sospetti di illeciti possibili, incrementando quelli veri figli di mazzette e privilegi immeritati.
Nell’articolo del 2009 avevo puntualizzato che mentre l’Italia affondava nel fango, la politica a sua volta affondava nell’odio. Ebbene, anche politicamente la situazione è peggiorata. L’odio si è trasformato in bile e guerra senza esclusione di colpi…da una parte e dall’altra. Negli altri Paesi nei momenti di difficoltà popolo e politici si compattano, da noi si preferisce distruggere, radere al suolo e poi… provare a ricostruire. La maggioranza è indebolita ed  accerchiata, ed ogni suo labile tentativo di rimediare e legiferare si infrange contro il muro di un’opposizione inesistente a livello identità e idee migliori, ma sostenuta solo dal desiderio di eliminare Berlusconi, indipendentemente da chi lo sostituisca…andrebbe bene anche il diavolo. Che schifo! Che situazione schifosa e senza uscita! Siamo prigionieri di un conflitto che si combatte esclusivamente sulla nostra pelle. Le tasche dei nostri politici sono ben rigonfie… le nostre, esauste! Che finisca al più presto, che qualcosa succeda finalmente: che esca fuori un vincitore! Almeno così ci risparmieremo questo quotidiano sfinimento fatto di stress e previsioni funeree e deprimenti. Noi famiglie e cittadini italiani dobbiamo trovare per forza delle soluzioni alternative. Non possiamo più fidarci ciecamente della politica per la nostra sopravvivenza. Non dico che dobbiamo disobbedire e convergere in comportamenti anarchici, ma nemmeno continuare a subire passivamente. Siamo possessori di braccia ed intelletto. Cerchiamo fra noi, nelle nostre alleanza, sbocchi e rassicurazioni. La nostra Italia pullula di artigianato sano, di terra fertile e spiagge e montagne appetibili. Impariamo ad usarli con la nostra testa scambiandoci frutti ed informazioni utili. Ritroviamo la fiducia in noi stessi ed in quelli che ci sono accanto. La fiducia è il solo carburante che ci può risuscitare da questo torpore ed impedirci di lasciarci morire lentamente. 
 
Umberto Napolitano
 
Famiglie  d’Italia
 
Annunci

Tag: , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: