Sistema per la produzione ottimale delle alghe e ” L’abbracciapalo ” : largo ai giovani! ( Econota 109 )

by

clip_image002

Una sedicenne mette a punto l’ennesimo sistema per la produzione ottimale di alghe

Morgana Matus fonte: Inhabitots

Se vi sentite un po’ pessimisti circa il futuro ricordate che ci sono brillanti giovani che sono disposti a prendere in carico e sviluppare soluzioni per le grandi sfide del mondo. 16 anni, Evie Sobczak da St. Petersburg, Florida ha progettato un nuovo metodo di trasformare le alghe in biocarburante. Ha determinato un nuovo e più efficiente modo per far crescere i organismi vegetali, estrarre l’olio e utilizzare il prodotto come biodiesel. Il suo metodo non utilizza agenti chimici e crea olio per un 20 per cento in più rispetto alle attuali tecnologie. Grazie ai suoi sforzi ha vinto il suo primo posto di Intel International Science and Engineering Fair. Il Progetto di  Sobczak, dalle alghe all’ olio via coltivazione foto autotrofica e osmotica, è il più recente nella sua lunga serie di sforzi scientifici. Ha già realizzato un orologio che era alimentato dall’acido proveniente da arance, un generatore di energia a pale per il vento. Evie ha iniziato il suo lavoro con le lghe in terza media e ha lavorato per quattro anni per perfezionare la sua tecnica.

“Credo davvero che le alghe potrebbero essere la nostra prossima fonte di combustibile, perché non ci vuole un sacco di terra e non si consumano nostre fonti di cibo. Se si utilizzasse i miei processi, così da non usare prodotti chimici, non danneggeremmo il nostro ambiente. Io vivo in Florida, quindi abbiamo un sacco di problemi di alghe, così ho pensato : perché non utilizzare qualcosa di negativo per aiutare il nostro mondo? “.

Oltre a formare un nuovo metodo per la generazione di biodiesel, ha progettato tutta la propria attrezzatura compreso un bioreattore, cellulosa blaster e vasi.  Evie è già un bioingegnere brillante ; non vediamo l’ora di vedere che cosa ci farà vedere Sobczak all’Università.

La pillola eco-impegnata di Paolo Broglio,  ovvero “quelli che fanno “……o almeno ci provano

L’abbracciapalo

clip_image002

Un’idea semplice e alla portata di tutti perché ognuno possa concorrere a migliorare la città. Nasce da un paio di ragazzi amanti del verde e del “bene comune”. Facciamola vivere tutti insieme nelle nostre strade, la prossima DomenicAspasso. Tutto è nato da due ragazzi con percorsi di studio diversi, ma una comune passione per il verde e la sua cura e la voglia di ideare qualcosa di concreto per abbellire la città.
Nasce così l’idea dell’”abbracciapalo” (questo è il nome del progetto che si può guardare nel dettaglio sul blog blogspot.it/”>http://abbracciapalo.blogspot.it/), un’idea semplice, caratteristica, poco costosa e facilmente condivisibile per gli spazi pubblici di Milano. Un’idea che è piaciuta agli amici, tanto da decidere di proporla al Comune di Milano, attraverso alcuni Consigli di Zona, con l’intento di partecipare attivamente alla prossima “DomenicAspasso”. La funzione principale di “abbracciapalo” è quella di andare a “colpire” le periferie, le zone più bisognose di un tocco di verde e colore. Bastano un contenitore riciclato (ad es. una latta di passata), un po’ di terriccio, una piantina e un laccio e ognuno può regalare una pennellata di bellezza e di grazia allo spazio comune.
Il progetto è nato per affrontare il tema del verde in città, ma anche quello del proprio essere cittadino in modo più attivo e partecipato. Piccole azioni individuali a bassissimo costo, sparse sul territorio, che cambiano il volto della propria via, del quartiere, della città.
L’idea vive sull’impegno di ognuno di noi, senza dover aspettare ingenti risorse, patrocini e permessi. L’azione è molto semplice quanto intelligente: utilizzare contenitori di scarto di piccole/medie dimensioni (come le latte, piccole ceste di legno o vimini, ecc), abbellirli, riempirli di terra e metterci una piantina. Può essere un’erba aromatica, fiori (possibilmente non troppo fragili) o piante grasse. Una volta pronta, si lega il barattolo con un laccio a un palo, a una ringhiera o in tanti altri posti, in tutti quei punti della città particolarmente grigi o da recuperare, per dar loro un tocco di verde o una nota olfattiva.L’abbracciapalo è un progetto che muta a seconda di chi lo fa: può arricchire di aromi il quartiere regalando a tutti i profumi della natura, può colorare una zona con piante fiorite, può creare un percorso di piante da scoprire per adulti e bambini, può essere un momento di scambio di semi, di talee, di consigli.L’idea, quindi, è proprio questa: ognuno può fare una piccola cosa per migliorare la propria città e, in fin dei conti, la qualità della vita di tutti.

Ci piacerebbe molto riuscire a portare l’iniziativa anche in zona 3.

Gli amici di “abbracciapalo” ( fonte: www.100ambiente.it)

 

rubrica a cura di

Paolo Broglio

Famiglie  d’Italia

Advertisements

Tag: , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: