Diamo meno soldi ai dentisti con la prevenzione, cominciando dai nostri figli ( Famiglie d’Italia Salute News )

by

denti

Oggi vi propongo un post molto interessante pubblicato da Tgcom24, ma nascosto in un angolino, quasi timidamente non volesse dare troppo nell’occhio e recare un insolito disturbo ad una categoria, quella dei dentisti, che gode di una strana e consenziente protezione da parte di tutti, a cominciare proprio da noi doloranti pazienti che, pur di risparmiare qualche euro, siamo costretti ad ingrassarli in modo spropositato. Risparmiamo l’Iva, perché lo Stato non ci permette di recuperarla, pensiamo di avere dei grossi sconti, il che è alquanto aleatorio, e diventiamo complici conniventi di evasori incalliti e, quasi sempre, impuniti. Quindi, costando in modo volgarmente caro la cura dei nostri denti e non avendo un’adeguata copertura da parte della previdenza sanitaria nazionale, il risparmio dobbiamo prevederlo noi con un’adeguata prevenzione che comincia fin dallo svezzamento dei nostri figli. E come?… Il post a seguire vi fornirà alcune informazioni essenziali.

Boom di carie tra i bambini: in aumento del 15% in cinque anni ( fonte: Tgcom24 )

La prevenzione si comincia già nel pancione

 I denti dei bambini non sono immuni da problemi, anche se da latte. L’incidenza della carie tra i più piccoli è cresciuta del 15% negli ultimi cinque anni. Dietro quest’aumento ci sono cattive abitudini delle madri in gravidanza ma anche lo spettro della crisi che colpisce le famiglie italiane. Il quadro è emerso dalle Linee guida approvate dal ministero della Salute per la prevenzione della salute orale in età pediatrica.

Prevenzione in gravidanza – Soffrono di carie circa 120mila piccoli di quattro anni, e quasi 250 mila fra i ragazzini di dodici. Questi problemi possono essere causati comportamenti scorretti della madre in gravidanza, come lo scarso uso dello spazzolino o un’alimentazione non regolare. Questi due comportamenti favoriscono la presenza nel cavo orale del batterio responsabile dell’insorgenza di carie, trasmissibile al nascituro, che erediterà la probabilità di lesioni cariose nella dentatura da latte, con possibili recidive o denti malati anche in adolescenza e età adulta.

Crisi e salute – Ad aggravare il problema si aggiungono i fattori economici, le cure odontoiatriche sono trascurate anche a causa della crisi e un’offerta di servizi non sempre soddisfacente. Tra 0 e 4 anni vengono effettuate soltanto 520mila prestazioni, coprendo solo in minima parte le necessità assistenziali dei bimbi. Influisce anche l’alimentazione sbagliata, con cibi troppo zuccherosi, preferiti a frutta e verdura per risparmiare, e snack salati ipocalorici e cibi ricchi di carboidrati facilmente fermentabili con la saliva, che favoriscono carie.

Antonella Polimeni, presidente del collegio nazionale dei docenti di Odontoiatria, spiega: “L’attenzione alla salute del cavo orale della madre in gravidanza è una raccomandazione cardine delle nuove linee guida. Unita a una sana alimentazione con pochi zuccheri e un alto contenuto di principi nutritivi costituisce il primo passo per la prevenzione e tutela della salute della bocca del bambino”. 

( fonte: Tgcom24 )

Introduzione a cura di

Umberto Napolitano

Famiglie  d’Italia

Annunci

Tag: , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: