Posts Tagged ‘Afghanistan’

Aveva ragione Gino Strada… era una bufala!!!

aprile 19, 2010

Come il 12 aprile scorso avevamo dato risalto alla notizia dell’arresto di tre medici italiani in Afghanistan, evidenziando con  tristezza l’eventualità della caduta ai nostri occhi dell’ennesimo mito, in questo caso quello degli operatori di Emergency che si sacrificano e rischiano la vita ogni giorno nelle loro missioni di pace e di  solidarietà, ora con gioia festeggiamo la loro liberazione e caliamo un velo pietoso sul ” penoso “episodio gridando, però, a tutta voce: AVEVA RAGIONE GINO STRADA… ERA UNA BUFALA!!!

Famiglie                  d’Italia
 
Umberto Napolitano

Afghanistan, help!… Da noi è primavera, ma i miti cadono come le foglie in autunno

aprile 12, 2010

Le notizie che arrivano dall’Afghanistan sono sconvolgenti: i tre medici italiani di Emergency arrestati avrebbero confessato di far parte del piano per uccidere il governatore di Helmald e benché Gino Strada gridi ” è una bufala! “, le autorità afghane accusano i tre italiani anche di aver assassinato  Adjmal Nashkbandi, l’interprete di Daniele Mastrogiacomo, giornalista del quotidiano La Repubblica, rapito il 5 marzo 2007, a pochi chilometri da Lashkargah, capoluogo della provincia meridionale di Helmand, insieme all’autista Sayed Haga, di 25 anni, e, appunto, al giornalista Adjmal Nashkbandi, di 23, che gli faceva da interprete. Mentre Mastrogiacomo alla fine fu rilasciato, il suo interprete, prima liberato e poi ripreso dai talebani, fu assassinato una ventina di giorni dopo. Il Times ( fonte TgCom ) ricorda che all’epoca alcuni operatori dell’ospedale di Emergency vennero accusati dalle autorità di Kabul di aver avuto un ruolo nel rapimento del giornalista italiano. Secondo il quotidiano britannico, “la pressione del governo italiano bloccò ulteriori indagini” sull’ospedale da parte delle autorità afghane. (more…)

Sanaa, ” la religione non c’entra niente “… , allora l’attonito Imam ci spieghi qualcosa!

settembre 19, 2009

Mohamed Ovatiq, Imam della moschea di Pordenone, ha commentato ” attonito ” gli ultimi tragici avvenimenti che hanno visto Sanaa, una giovane ragazza appena affacciatasi alla vita, felice e innamorata, sgozzata come un vitello per ” un fatto davvero strano ( come afferma lo stesso Imam ), che noi stessi non riusciamo a spiegarci perché il delitto non ha nulla a che fare con la religione: il padre della giovane, infatti, non era affatto un musulmano praticante. Di solito beveva alcolici e non veniva mai in moschea, El-Ketawi è stato colto da un raptus di follia “. Allora tutto quanto avviene in Afghanistan, in Iraq e altrove, ogni attentato kamikaze seguito da orrende morti sono raptus di follia che  non c’entrano nulla con la religione… e allora con che cosa mai centrerà visto che i delitti avvengono in nome di Dio?… Ci spieghi meglio Mohamed Ovatiq, visto che noi non riusciamo a trovare nessuna risposta logica. (more…)

Afghanistan: missione e sofferenze bipartisan

settembre 18, 2009

afghanistanIl giorno dopo di un evento tanto temuto e, purtroppo, atteso… i nostri soldati in guerra sono bravi ragazzi, bravi italiani che aiutano la popolazione, offrono cibo e giocano con i loro bimbi… ma sono sempre soldati, nemici da abbattere prima o poi ed annoverare nel numero delle vittime di un confronto impari per entrambe le parti: gli ideali ed il professionismo da una parte, la disperazione e la determinazione dall’altra. Afghanistan, terra di tutti e di nessuno, quasi a significare l’ombelico di un mondo che ha deciso di concentrare  in quelle terre scarne e montuose, piene di insidie e prive di campi aperti dove scontrarsi e misurarsi, tutto l’odio e le differenze che emergono tra due concetti completamente opposti nel modo di interpretare la vita. E su ciò i potenti si confrontano e non si intendono, quelli visibili e …. quelli occulti: con gli uni il progresso ed il benessere che avanzano, con gli altri le tradizioni e la povertà che non retrocedono. (more…)

Di Pietro-Berlusconi: è guerra!… E noi, saremo spettatori o vittime sacrificali?

agosto 21, 2009

Quanto sta accadendo va oltre ogni  logica previsione. La primavera è stata calda, l’estate bollente e l’autunno si preannuncia torrido. Come e peggio che in Afghanistan, dove il governo viene combattuto con qualsiasi mezzo  nell’intento di rovesciarlo, senza esclusione di colpi e di vittime, usando tutti i mezzi, dagli attentati agli attacchi suicidi… Ed in quest’ultima voce intendo inserire le dichiarazioni di Di Pietro che ultimamente, partite dal suo blog, riecheggiano su tutte le testate. Il suo attacco è senza via di scampo ed alla fine qualche morto, parlo politicamente, dovrà restare per forza sul campo. (more…)

Afghanistan: una guerra infinita per una pace impossibile

luglio 14, 2009

15 luglio 2009, l’Italia è in lutto. … Famiglie d’Italia ricorda il 14° caduto italiano in Afghanistan, Alessandro Di Lisio, primo caporal maggiore dei paracadutisti della Folgore e del 1° Reggimento Bersaglieri. Un ragazzo di appena 25 anni che ha dato la sua giovane vita per un grande ideale, ma di difficile attuazione in una regione perennemente in guerra: la pace. (more…)