Posts Tagged ‘allergia’

Cani e gatti in casa contro le allergie dei nostri bambini ( Famiglie d’Italia news )

giugno 15, 2011

Quando mio figlio era piccolo, parecchi anni fa, mi ricordo che il pediatra venne a visitarlo a casa perché da giorni la febbre e la tosse parevano non dargli e darci tregua e che mia moglie gli chiese se non fosse a causa del gattino che avevamo appena comprato e che giocava e dormiva sempre con lui, dato che i due si scambiavano bacini e leccate a iosa. Con mio stupore il dottore ci disse di tenere per un po’ il micio lontano dal nostro pargolo finché almeno il raffreddore non si fosse calmato, per evitare che fosse il micio a subirne le conseguenze, prendendosi a sua volte quel raffreddore con problemi di lacrimazione agli occhi, etc. Vedendoci stupiti, il pediatra incalzò assicurandoci che proprio grazie alla vicinanza del gattino, quando il bambino fosse stato meglio, avrebbe contribuito ad innalzare  le sue autodifese con un maggior numero di anticorpi sviluppati, preservandolo da allergie future di qualsiasi tipo. Ebbene, il nostro pediatra indovinò proprio tutto. Il sottoscritto soffre ancora delle allergie primaverili che si porta dall’infanzia, ma nostro figlio non ne è stato mai nemmeno lontanamente sfiorato. E così dicasi di qualsiasi altra forma di patologia allergica…Comunque, il post che segue, servirà a chiarirci le idee ancor di più in materia. 

Allergie bambini: cani  e gatti in casa non aumentano il rischio, anzi byTanta Salute | Salute e Benessere

Allergi e e animali domestici, un binomio pericoloso  i bambini? Non proprio, anzi: secondo una ricerca recente, condotta da un gruppo di esperti statunitensi, vivere con un amico a quattro zampe, un cane o un gatto, fin dai primi anni di vita, non aumenta il rischio di sviluppare allergie, anzi. Via libera, quindi agli animali domestici, come fedeli alleati della crescita dei bambini, senza paura di “relazioni pericolose” con la comparsa di reazioni allergiche.

 Il team di ricercatori a stelle e strisce ha finalmente fatto chiarezza su questa possibile relazione controversa tra allergie nei bambini e animali domestici. Secondo i risultati dello studio, pubblicato sulla rivista Clinical & Experimental Allergy e condotto da un gruppo di ricercatori del Department of Public Health Sciences dell’Henry Ford Hospital di Detroit, negli Stati Uniti, il rapporto di causalità non avrebbe basi scientifiche, anzi, sarebbe vero il contrario. La probabilità di sviluppare un’allergia ai cani o ai gatti potrebbe essere inversamente proporzionale alla quantità di tempo passato con gli amici a quattro zampe: più si frequentano, più il rischio diminuisce.
 
Gli studiosi d’oltreoceano hanno monitorato un gruppo di 565 bambini, da quando erano solo neonati fino al compimento del diciottesimo anno d’età, osservandone abitudini e caratteristiche, grazie al costante contatto con le famiglie dei piccoli coinvolti.
 
Se la fase della vita considerata più a rischio, per la comparsa dei fenomeni allergici è considerata quella della prima infanzia, del primo anno di vita, i ricercatori hanno constatato che i ragazzi cresciuti con un gatto o un cane, proprio nei loro primi dodici mesi di esistenza, hanno meno probabilità di soffrire di allergia. Il pericolo, per loro, è dimezzato.

introduzione a cura di

Umberto Napolitano
 
Famiglie  d’Italia

 

Allergie, un filtro nasale per bloccare il polline

aprile 21, 2011

 

Continuando nella linea editoriale di questo blog rivolta ad una minor attenzione ai ” fatti ” politici , ultimamente sempre più rissosi e noiosi per mancanza di idee e lucidità, è con gioia immensa che,scorrendo tra le notizie relative al nostro benessere, ne ho scoperto una che, oltre a riempirmi il cuore di gioia, mi offre un appiglio di speranza che mi io mi possa liberare una volta per tutte dalla convivenza allergica al polline di qualsiasi natura che, fin da piccolo, mi tiene compagnia all’annunciarsi di ogni primavera. Si tratta di una scoperta italiana della quale vi rendo partecipe riproponendovi un post appena lanciato da NewNotizie.it e firmato da Adriana Ruggeri: (more…)

I Giardini della Salute contro le allergie ( Famiglie d’Italia news )

marzo 17, 2011

Anche se il tempo brutto quest’anno sembra non volerci dare tregua, tuttavia la primavera è alle porte e la natura si prepara al suo incredibile ed immancabile show di esplosione di colori e di gioia  nel tornare a vivere e rinnovarsi. I prati e gli alberi si rianimano ed il polline riprende a fluttuare nell’aria intrigante e brigante come, ad esempio, i fiocchi di pioppo che puntualmente invadono il naso facendo starnutire e lacrimare gli occhi dei poveretti cui l’allergia da sempre non offre scampo. Ed ecco a Milano, insieme ai fiori, sbocciare anche un progetto ad hoc del quale vi offro informazioni interessanti riscontrabili in un post proposto da ItaliaNews.it

Allergie: a Milano nascono i Giardini della Salute 

(IAMM) La primavera è alle porte e chi soffre di allergie sa che si avvicinano tempi duri. A Milano è partito ieri il progetto ‘Milano Allergy Free – Dona una pianta anallergenica a Milano’ che prevede la realizzazione, in varie zone della città, di giardini non allergenici. Il primo è il Giardino della Salute in largo dei Gelsomini, a cui seguirà quello in piazza Udine.
<!– –>

“Milano ha bisogno di verde, ma di verde sano non allergenico  – dichiara l’assessore alla Salute Giampaolo Landi – ed è per questa ragione che ho deciso di lanciare questa iniziativa in collaborazione con FISMA (Fondazione Internazionale per le Scienze Mediche e Allergologiche)”. Allergie e fenomeni allergici, sottolinea Landi, “provocano sintomi anche invalidanti in un numero crescente di cittadini… Rinite e asma rappresentano circa il 75% dei disturbi allergici di cui soffre almeno il 10% degli abitanti dei Paesi industrializzati, una percentuale in crescita, soprattutto per quanto riguarda l’asma bronchiale, una delle patologie definite ‘croniche’ che secondo l’Oms entro il 2015 aumenteranno del 20%”. Inoltre è allergico 1 bambino su 4. “Il nostro obiettivo è costituire dei parchi allergy free (I Giardini della Salute), ossia delle aree verdi piantumate con alberi a bassissimo rischio di allergia donati dai cittadini tramite l’Associazione Italiana Vivaisti. Zone dedicate alla salute del respiro, in cui intendiamo estendere anche il divieto di fumo”.

introduzione a cura di

Umberto Napolitano
 
Famiglie  d’Italia