Posts Tagged ‘bambini’

Lo Spirito del Natale ( Famiglie d’Italia Rewind )

dicembre 18, 2014

Spesso gli adulti si dimenticano completamente dello Spirito del Natale, e aspettano ed usano questa festa solo per fare affari e guadagnare più soldi ( vedi i vergognosi ed ingiustificati ulteriori rincari dei carburanti di questi giorni ). Poi si lamentano che la maggior parte degli esseri umani li odino, come borbotta ringhiando il nostro vecchio zio Paperone, o, peggio ancora, restano indifferenti. Pensano soltanto ad accumulare denaro anche se ne posseggono già a iosa, denaro su denaro, poca importa se molti non abbiano un tozzo di pane ne un focolare dove scaldarsi… Così il mondo non può andare avanti e la crisi recente, non ancora passata, ne è la testimonianza più reale. Per fortuna esistono ancora i bambini,… quelli che un giorno saranno adulti, ma che ora sono ancora non del tutto intossicati ed avariati dalle  ” logiche dei grandi “. Ed è proprio tra loro che bisogna spulciare per trovare l’esistenza di messaggi di speranza. I nostri ragazzi, se osservati con amore e non con superficialità, possono indicarci i percorsi che abbiamo scordato, spronarci a ricomporre le regole che abbiamo disintegrato, e, soprattutto a riscoprire quello Spirito di Solidariatà che è l’unico che possa assicurare un futuro alla nostra umanità. Matteo, il giovane figlio di 11 anni di un mio carissimo amico, Stefano Micheli, è l’autore di un tema scolastico scritto poco prima dell’inizio delle vacanze: il padre me lo ha mostrato con orgoglio per la semplicità del contenuto e per i  valori espressi. Attraverso la sua pubblicazione voglio rendere onore alle nuove generazioni affinché siano il faro dei nostri ravvedimenti.

LO SPIRITO DEL NATALE Tra breve sarà Natale, la festività più adorata dai bambini: per loro è un momento magico. Questa festa la ricordo anche io, il 25 dicembre, un momento di armonia e di felicità da condividere con gli altri. Io, però, il 24 dicembre festeggio il mio compleanno e quindi non possono mancare i regali, in abbondanza ma,… il Natale non significa solo questo, vuol dire anche stare vicino ai bisognosi, agli anziani, ai malati e alla famiglia. Prima che arrivi, bisogna preparare ed addobbare la casa con presepi e alberi natalizi ma, bisogna prepararsi anche dentro, con preghiera e meditazione. Non per tutti, però, esiste addobbare la casa, perché sono senza tetto, o stare vicino alla famiglia, perché sono orfani.  Quindi è carino aiutare queste persone per strappargli un sorriso di Buon Natale. Festeggiare il Natale vuol dire anche avere almeno un grande desiderio da esprimere; il mio è che tutti possano essere felici e dire “auguri e buone feste”. Auguro un Buon Natale a tutti ed in particolare alla mia famiglia. Questa festa serve per stare insieme e non è solo Babbo Natale che arriva con i regali: è anche una preparazione di preghiera per la nascita di Gesù bambino. Io spero che questo Natale si possa festeggiare con tanto amore e con la felicità di tutti, perché è una cosa veramente importante, lo so magari non si potrà fare, ma l’importante è che aiutiamo gli altri e che la nostra stella cometa continui a brillare, insieme ai nostri amici, anche a quelli che non ci sono più, come la maestra Rossella che voglio ricordare perché lei ha aiutato noi. Auguri di Buon Natale e Felice anno Nuovo.

Matteo Micheli

introduzione a cura di

Umberto Napolitano

Famiglie  d’Italia

Annunci

Lo Spirito del Natale

dicembre 27, 2010

Spesso gli adulti si dimenticano completamente dello Spirito del Natale, e aspettano ed usano questa festa solo per fare affari e guadagnare più soldi ( vedi i vergognosi ed ingiustificati ulteriori rincari dei carburanti di questi giorni ). Poi si lamentano che la maggior parte degli esseri umani li odino, come borbotta ringhiando il nostro vecchio zio Paperone, o, peggio ancora, restano indifferenti. Pensano soltanto ad accumulare denaro anche se ne posseggono già a iosa, denaro su denaro, poca importa se molti non abbiano un tozzo di pane ne un focolare dove scaldarsi… Così il mondo non può andare avanti e la crisi recente, non ancora passata, ne è la testimonianza più reale. Per fortuna esistono ancora i bambini,… (more…)

Sem Galbiati, sindaco di Cavenago di Brianza, scrive a Babbo Natale

dicembre 17, 2010

Tra le tantissime letterine che in questo periodo sono indirizzate a Babbo Natale, me ne è capitata tra le mani, attraverso vie privilegiate che ometto, una molto carina ed interessante che un intraprendente ed indomito sindaco di una cittadina della Brianza ha inviato con amore e con speranza al grande vecchio che da sempre esaudisce in questo periodo i desideri più reconditi di bimbi ed adulti buoni. Sem Galbiati è un buon uomo e sindaco diligente che svolge con onestà ed applicazione il proprio incarico… per cui Babbo Natale non potrà esimersi dall’ impegnarsi affinché le sue richieste vengano esaudite.

LETTERA DI UN SINDACO A BABBO NATALE (more…)

Latte scaduto e ribollito: anche se ” per legge “, mi sento truffato! ( Famiglie d’Italia news )

ottobre 18, 2010

 Il 16 ottobre è stata proclamata la giornata mondiale dell’alimentazione, che ha messo in risalto la malnutrizione, che colpisce soprattutto i bambini. Si calcola che nel mondo siano malnutriti 195 milioni di bambini. Tra loro, per l’ Organizzazione Mondiale della Sanita’, 20 milioni sono affetti da malnutrizione grave. La conseguenza e’ che ogni anno muoiono per patologie legate alla malnutrizione tra i 3,5 e i 5 milioni di bambini di eta’ inferiore ai 5 anni.

Voglio prendere spunto da un’iniziativa così importante e solidalmente aggregante per evidenziare, nel contempo, qualcosa di terrificante per la nostra salute nel campo dell’alimentazione e che ho scoperto grazie ad una mail inviatami da un amico, il quale mi invitava a leggere un articolo pubblicato da http://surfatoreblog.spaces.live.com/blog/cns!C9A0A92AB51… e ripreso da INFO@CONSUMATORI proprio il 16 ottobre: (more…)

Benvenuto raggio di sole…( Ferruccio Jarach ) II parte

novembre 29, 2009

Innanzi tutto Buona Domenica29 novembre 2009! Oggi, per chi volesse dedicare un po’ del suo tempo ad una sana lettura, contribuendo così ad alleggerirsi in parte dell’inquinamento culturale in materia energetica che inesorabilmente lo sovrasta , potrei offrire l’occasione per  trasformare questo giorno uggioso in una domenica speciale. Per cui, riprendendo l’articolo di ieri…  

 Forse Valentina può insegnarci qualcosa. Forse può prenderci per mano, farci smettere di picchiare la testa contro il muro, mostrarci dove è questa porta aperta e come attraversarla. I suoi occhi possono aiutarci a vedere quella porta, mentre noi rimaniamo fermi, riempiendo il mondo di parole su quello che dovremmo fare, ma restando lì dove siamo. (more…)

Prete a bimbi: Babbo Natale non c’è!

dicembre 17, 2008

babbo-natale-3 Tra le notizie nascoste, o meglio, che passano quasi inosservate, ne ho notata una a pagina 125 del televideo di Mediaset che mi ha dato l’occasione di soffermarmi e  di meditare, perplesso, come spesso mi capita in occasioni simili.

Un anziano parroco  di Garlasco, non considerando il fatto che in chiesa fossero presenti molti bambini, ha basato la sua omelia domenicale su un tema molto antico: l’esistenza di Babbo Natale è solo una favola, non esiste e non è mai esistito!

Chiaramente i bambini ci sono rimasti molto male e, fra le lacrime, hanno assalito i genitori con un infinità di domande, alla ricerca di conferme che rinnegassero in qualche modo quanto affermato dall’incauto curato.  E ai genitori?…non è rimasto che rassicurare i pargoli e reclamare furibondi.

Devo ammettere che mi è venuto subito in mente l’articolo dell’amico Michael Gray, pubblicato da Famiglie d’Italia il 7 dicembre ed intitolato ” Il licenziamento di Babbo Natale “.

Non me la sento di giudicare severamente il ” povero ” parroco, il cui unico torto è quello di cercare di portare a termine nel modo migliore il proprio compito, cioè quello di promulgare la parola di Dio ed i suoi comandamenti, ma un appunto, da destinatario dei messaggi e da convinto credente, mi sento obbligato a fare ed a sottolineare:

” Per un genitore, in una società che avvolge le famiglie in una tetra cappa di smog mediatico carico di notizie negative, aberranti ed avvilenti, il compito di confrontarsi con i propri figli, specialmente nell’età adolescenziale, è sempre più arduo e complicato. Da tale realtà è così difficile difendersi, che se uccidiamo anche i sogni, ci esponiamo inermi alle inequivocabili conseguenze. Dio è amore e tutto ciò che esprime amore, da Gesù Bambino a Babbo Natale, Lo rappresenta degnamente ed aiuta a crescere meglio: ogni età ha i suoi tempi, per cui lasciamo ai bambini la possibilità di credere nelle favole, almeno… fiché la vita loro lo concede. “

Umberto Napolitano