Posts Tagged ‘Basta!’

Notizie Flash Famiglie d’Italia

settembre 1, 2009

1) Basta!!! … Non si fa così la politica! Continua il nostro invito al disinteresse per ogni notizia politica o polemica inerente a gossip o a pettegolezzi. Questo non per disaffezione, ma per dare un segnale forte a chi fa opposizione e a chi ci governa e ricordare loro che sono stati votati per risolverci i problemi e non per crearceli. (more…)

BASTA!!! Non si fa così la politica!

agosto 31, 2009

e-adesso-basta-2_zoomSì, basta! Non ne possiamo proprio più, la politica non si fa così…almeno in tempi così grami. Cos’è, un tentativo  bipartisan per farci dimenticare tutti i problemi che ci avvolgeranno con l’arrivo dell’autunno?… A noi, tutto sommato, dei problemi sessuali del Direttore dell’Avvenire, Dino Boffo, poco importa. (more…)

Oggi è il 25 aprile…che sia di tutti!

aprile 25, 2009

Da Famiglie d’Italia a chiunque ci legge.

Oggi è il 25 aprile, una data importante per tutti noi, la data che dovrebbe veramente rappresentare l’inizio di una nuova storia, di una riconciliazione totale…basta con lo stare  ognuno  sulle proprie posizioni, giudicare dall’alto, criticare e  chiudere ad ogni possibilità di dialogo. (more…)

Franceschini-Berlusconi: adesso basta!

marzo 13, 2009
https://i0.wp.com/www.clandestinoweb.com/images/stories/111AAANUOVOCLANDESTINO/ITALIA/POLITICI/BERLUSCONI/berlusconi_franceschini.jpg
AudioNews
06.01: Bocciata in Parlamento la proposta del Pd per un assegno mensile per i disoccupati esclusi dagli ammortizzatori sociali. ‘Il governo pensa sia inevitabile che ci sia qualcuno che soccomba’, critica Franceschini. ‘Il governo non lascerà indietro
——————–
Bene, credo che a questo punto il bicchiere sia colmo. Da una disputa ideologica siamo passati agli insulti mediatici. La maggior parte di noi è giunta al limite della sopportazione: con l’uscita di scena di Veltroni, ci eravamo illusi che il suo sostituto, presentatosi come figura di semplice transizione, si sarebbe preoccupato di riorganizzare le fila di un partito allo sbando e alla ricerca di una propria personalità smarrita, in modo da prepararlo ad un congresso dal quale far scaturire l’immagine del vero leader, apportatore di una politica chiara e producente, in modo da riproporsi immediatamente come contrappeso efficiente alla politica della maggioranza in proiezione di una naturale ed alternativa candidatura alla guida futura del paese... e invece no! Come e peggio di prima. Franceschini ha deciso di riproporre la tattica di chi lo ha preceduto, accentuandone i toni, in modo da meglio affiancarsi e contrastare  quella, apparentemente apportatrice di consensi,  ” dipietrana “, anzi rendendola ancora più aggressiva, in modo da sottolineare, a chi se ne fosse dimenticato, il diritto di  leadership del Partito Democratico tra i partiti di opposizione. Una tattica, che in qualche modo sembra funzionare tra i sostenitori della sinistra conservatrice ( almeno questo è parso da un collegamento di ieri sera, nella trasmissione di Anno Zero, con la Casa del Popolo di Firenze, dal quale è emersa una certa simpatia per l’aggressività del nuovo condottiero ), una tattica però che sta accendendo ancor di più i contrasti fra le due opposte fazioni,  creando una spaccatura all’interno della nostra nazione, con effetti non quantificabili, specialmente in momenti di crisi ed incertezza come quelli attuali. Perché Berlusconi, com’è nel suo carattere, non è che le cose le mandi a dire, anzi…risponde per le rime, in modo ancor più graffiante, e a volte sprezzante, dall’alto della sua posizione di vantaggio, per cui, invece di smorzare, incrementa la disputa col rischio di far degenerare il tutto in rissa.
 https://i0.wp.com/3.bp.blogspot.com/_0d2dE-TbvLM/SAtnAUhEVqI/AAAAAAAAAjQ/M-VSME_HUqA/s400/040_pugili.jpg
A questo punto le soluzioni consigliate sono due:
– o si organizza una puntata speciale di Porta a Porta, con Bruno Vespa in qualità di arbitro, con l’allestimento di un ring dove i due ci salgano e se le diano di santa ragione, e noi siamo pronti a tassarci per l’evento, mettendo a disposizione il ricavato a favore di chi vogliano…
– oppure i due ritrovino il senno di un atteggiamento più consono alle posizioni che occupano, nel senso che uno limiti la propria rabbia e l’altro, se l’avversario non può farne proprio a meno, faccia finta di niente, consapevole che le parole volano e d i fatti restano, è lui che governa in un ampio consenso, per cui… 
per cui ora basta!… I nostri conti sono troppo in rosso per non cercare di farli quadrare a causa di dispute faziose e puerili. Le nostre problematiche sono troppo tangibili per essere annebbiate da argomentazioni fumose e confuse. I nostri doveri nei confronti di chi ci ama ed amiamo sono troppo incombenti per essere distratti, per cui…basta, lo ribadisco con fermezza e convinzione, basta!!!
Ogniuno si riappropri del proprio ruolo e delle proprie responsabilità. Noi, di Famigie d’Italia, abbiamo ancora fiducia negli uomini che ci rappresentano sia al governo sia all’opposizione. Non toglieteci la speranza che non abbiamo sbagliato tutto e tutti nel credere in voi e nella vostra conduzione.
——————–
Umberto Napolitano