Posts Tagged ‘Berlusconi’

L’Aquila: la terra trema e con lei il G8

luglio 4, 2009

abruzzo Mercoledì comincia il G8 e la terra intorno all’Aquila, che non ha mai smesso di tremare, ha deciso di aumentare l’intensità dei suoi infiniti sussulti. Sembra quasi la trama di un evento scritto e voluto dalla ” terra ” stessa, stanca degli abusi subiti nell’ultimo secolo, che ha deciso di riunire in sé i ” padroni del mondo ” attirandoli, sfidandoli per ricordare loro di  essere lei la sola padrona dei destini di chi la calpesta… a suo rischio e pericolo. (more…)

Sulla via di Damasco…

giugno 28, 2009

damascoQuesto meraviglioso Caravaggio del 1600, che i fortunati abitanti di Roma possono ammirare nella cappella Cerasi di Santa Maria del Popolo, rappresenta la folgorazione di Paolo di Tarsa, sulla via di Damasco, quando Cristo entrò in lui: ” non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me “. Domani, 29 giugno scadrà l’anno speciale giubilare che il 28 giugno dell’anno scorso Benedetto XVI ha indetto e dedicato a San Paolo. (more…)

La Chiesa, unica opposizione…pare strano!

giugno 26, 2009

canguroEra dal 23 dicembre 2008 che non avevo più notizie  (si fa per dire ) dell’amico australiano Michael Gray: pubblico immediatamente quanto da lui inviatomi!

Dear Umberto,  rispondo all’ ultimo quesito del tuo articolo di ieri ” se il nostro interesse per i fatti politici venisse a mancare definitivamente…in mano a chi lasceremmo il nostro futuro? (more…)

La politica ci considera tutti asini

giugno 18, 2009

Pensiero di oggi, venerdi 19 giugno

Ecco amici, questi siamo noi, o meglio quella è tua moglie con tuo figlio. No, non sono pazzo…i pazzi sono altri! Sono quei rappresentanti, a qualsiasi corrente appartengano, a cui abbiamo affidato il destino dell’Italia con il nostro voto. Sì, perché in quella foto è rappresentato ciò che  pensano di noi. Noi siamo una massa di asini a cui raccontare quello che vogliono, sotto gli occhi dei quali litigare e dire quello che passa nel loro cervello in un momento stabilito. (more…)

Gheddafi come Fidel…anzi, no

giugno 12, 2009

gheddafi Il nostro Paese è in grado di sorprendermi ogni giorno di più: quello che è successo ieri a Roma, almeno per quanto abbia potuto analizzare a mente fredda nella mia testa, ha quasi dell’incredibile. Gheddafi, l’ultimo dei rivoluzionari, che vediamo a lato accanto a Berlusconi nella sua originale uniforme, essendo ormai Fidel Castro (more…)

Basta, con il teatrino della politica !!!

giugno 10, 2009

E’ chiaro che con i ballottaggi in vista i prossimi 15 giorni saranno terribili! Ne ascolteremo di tutti i colori; la maggior parte saranno cose senza senso, specialmente da parte di chi è in svantaggio e deve recuperare. (more…)

Letizia Noemi: una squallida storia per mancanza di argomenti.

Mag 26, 2009

https://i0.wp.com/www.corriere.it/Hermes%20Foto/2009/04/29/0KITM17N--180x140.jpgQuando finirà?…Il giorno dopo della consultazione elettorale?…Speriamo! Come papà sono nauseato, come cittadino…deluso. Il padre di Letizia può gridare ai quattro venti le sue verità, tanto una parte ascolterà e l’altra…ignorerà, considerandolo un bugiardo, un venduto o, peggio ancora, un ruffiano… (more…)

Mediterraneo in Piazza: per disintossicarci per qualche giorno dai veleni politici

Mag 20, 2009

Questa è l’immagine della nostra politica, ogni giorno, ogni ora..ogni minuto. Maledette elezioni che non riescono mai a coincidere tutte in una volta, se non nello stesso giorno, almeno nello stesso mese: avremmo la possibilità di passare 5 anni sereni e vedere i nostri politici concentrati solamente a risolvere i nostri problemi e a permetterci un futuro dignitoso da consegnare ai figli. E invece no! Prima le veline di Berlusconi ( e il litigio con  sua moglie Veronica Lario), poi le fatture di Di Pietro ( tenute al fresco da qualche anno ), e adesso il caso Mills ( del cui esito  si sapeva da tempo per scandalizzarci adesso ) e domani…chissà cos’altro ancora. Io, domani, sto scrivendo prima che cominci Porta a Porta, sarò a Milano a presenziare alla conferenza stampa di Mediterraneo in Piazza, manifestazione che prenderà il via il giorno dopo al PalaSharp di Lampugnano offrendo ai visitatori dieci giorni di spettacolo e tutto ciò che di meglio rappresenta la cultura mediterranea dal cibo al turismo. Una manifestazione a cui Famiglie d’Italia ha aderito offrendo il proprio patrocinio con collaborazione ed iniziative di cui vi terrò informati: per ora vi invito a visitarne il sito cliccando su   http://www.mediterraneoinpiazza.eu.

Umberto Napolitano

Letizia Noemi, allarme rientrato… Berlusconi non è un pedofilo!

Mag 5, 2009

Era molto difficile per me oggi trovare un titolo per questo breve articolo che mi appresto a scrivere. Alla fine ho scelto il più semplice: Letizia Noemi, allarme rientratoBerlusconi non è un pedofilo!. E perché allarme rientrato?… (more…)

Famiglie d’Italia news: scelte per voi

aprile 30, 2009

30 aprile 2009 Famiglie d’Italia news copertina. Eccolo qui il volto sorridente di Barbara Matera, la candidata della discordia, a causa della quale si è gridato allo scandalo per la sua candidatura alle Europee, e  che ha rischiato addirittura  di mettere in crisi il matrimonio fra il premier Berlusconi e la sua consorte Veronica Lario. La sua colpa, pur laureata in Scienze della formazione primaria all’università La Sapienza di Roma, è quella, per un periodo della sua vita, di aver preferito la carriera di annunciatrice televisiva e attrice cinematografica per poi scegliere quella politica, come già visto in passato in  esempi come Carla Gravina, Ombretta Colli…tralasciando pornostar,etc… Quindi, come al solito da noi, quanto urlare per nulla! (more…)

Il paese dei manganelli…e delle parole, no?

aprile 24, 2009

L’opposizione in parlamento non esiste, e di questo, purtroppo, ce ne siamo resi conto tutti. L’opposizione attraverso i media…meno che mai! Trasmissioni, come quella di ieri sera, che intitolano ” Il paese dei manganelli “… e che continuano a dire e a sputare quello che vogliono, non sulle politiche di chi governa, ma su come questi sia arrivato a governare, ormai interessano solo per curiosità.  (more…)

Le famiglie: i veri ammortizzatori sociali

aprile 3, 2009

Ieri sera la puntata di Anno Zero è stata, finalmente dopo tanto tempo, una puntata politicamente corretta, non schierata e godibile per i reportage , le analisi e i dibattiti riscontrati. Marco Travaglio è apparso meno sibilante e più preciso del solito, mentre  Michele Santoro ha condotto il tutto con la maestria che gli si riconosce quando non si fa troppo prendere la mano da riflessioni e considerazioni decisamente di parte. Il tema è stato il mostrare il volto di una crisi, che benché in Italia affrontata e vissuta, almeno per ora, meglio che in altri Paesi, si rivela in ogni caso drammatico e di non facile risoluzione immediata. Molti lavoratori sono a spasso impreparati a situazioni di disagio che non avrebbero mai immaginato. Per chi è abituato a combattere tutti i giorni con l’esigenza di garantirsi un giaciglio ed un tozzo di pane, come accade regolarmente  nelle famiglie numerose del tipo  di quella del mio amico Luca Leoni, la crisi non lo coglie impreparato e non lo abbatte più di tanto, ma per chi è cresciuto con l’ideale del posto fisso, della sicurezza totale… una situazione del genere arriva come un fulmine a ciel sereno e allora scoramento e depressione si sommano alle difficoltà finanziarie. L’onorevole Casini ha sottolineato una realtà che ci appartiene: rispetto ad altre Nazioni, il governo italiano può avvalersi di ammortizzatori sociali naturali come quello delle famiglie a cui ricorrono i figli e i nipoti non più in grado di mantenersi autonomamente. Un vantaggio, però, destinato a non durare in eterno. Per buoni risparmiatori che possiamo essere riconosciuti internazionalmente, a forza di grattare, prima o poi, il fondo si esaurisce. Abbiamo il vantaggio di poter resistere un po’ più a lungo, in attesa di soluzioni che volgano al sereno.

E su questo punto, l’imprenditore Diego Della Valle ha indicato una via che il nostro governo dovrebbe seriamente prendere in considerazione: sostenere le piccole aziende, il vero motore dell’Italia, aiutarle a superare questi momenti, mettere in stand-by la loro posizione di sofferenza con le banche, anzi aumentarne la possibilità di esposizione debitoria, in modo da permetterne la sopravvivenza…perché se muore una grande impresa, come giustamente ha fatto notare il manager, questa può rinascere dalle sue ceneri da qualche altra parte, ma se muore un’ impresa familiare è molto difficile, per svariati motivi, che questa possa risorgere: prima di tutto la marchiatura perenne di insolvenza che ne accompagnerà il proprietario, e poi lo spegnimento degli stimoli che potrebbero far ritentare la rinascita attraverso i figli. E dovrebbe essere abrogato quel patto che hanno fatto le banche  per non concedere più fidi a chi abbia avuto problemi, anche uno solo, con una qualsiasi di loro, perché sembra veramente un’ingiustizia terrificante, tanto più che molte volte la causa delle rovine e delle insolvenze sono originate proprio dalle banche, con il loro indiscriminato diritto di revocare per qualsiasi motivo e in qualsiasi momento i fidi, pretendendo un rientro immediato e portando il più delle volte al fallimento del cliente.

Di soluzioni alternative alla crisi non  ne esistono molte; certo il piano casa, messo in atto in un modo coscienzioso e non speculativo e inosservante delle regole ambientali essenziali, è un ottimo inizio…ma si può fare di più. Non basta dare soldi alle banche, se queste poi ne destinano l’uso per risolvere i propri problemi. I manager che hanno sbagliato devono essere perseguiti come negli Stati Uniti, devono restituire il maltolto…altro che pretendere buone uscite. E poi, come proposto, sempre, durante Anno Zero, il confiscare ogni proprietà o bene la cui provenienza non venga dimostrata, sarebbe il modo ideale per frenare le grandi evasioni ed eliminare i paradisi fiscali… Che bello sarebbe se lo Stato intervenisse personalmente per finanziare le piccole aziende in difficoltà, bypassando le banche, come fa con le grandi imprese… Ma purtroppo questo è destinato a rimanere un sogno, anche se a volte da un Presidente del Consiglio imprevedibile come Berlusconi possono avverarsi dei colpi di scena inaspettati.

Speriamo, ma nel frattempo, cari amici di Famiglie d’Italia, diamoci da fare ad ingegnarci a trovare delle soluzioni inter-nos. Stiamo elaborando delle iniziative tendenti a facilitare scambi di interessi fra associati e non , anche residenti in comuni distanti l’un dall’altro. Appena pronti, li diffonderemo e li metteremo in essere, come già si sta realizzando nella sezione FDI di Desenzano: aiutati che Dio ti aiuta!

Umberto Napolitano