Posts Tagged ‘Casinò’

E’ nato l’ Ambetto “… per il colpo di grazia al poveretto!

ottobre 18, 2013

hqdefault

Ambetto, Vinci Anche se gli vai Vicino: notare le maiuscole al punto giusto per creare l’attenzione sulla nuova sirena che faciliterà ancor di più la strada verso la morte anticipata del poveretto programmata  dallo Stato, attraverso i suoi manovratori , pur di rimediare a decenni di sprechi e di abusi e fare cassa facilmente. Visto che stanno per cambiare la Costituzione, credo che il nuovo articolo 1 potrebbe essere ” l’Italia è una Repubblica basata sul gioco d’azzardo “, ovvero la più grande bisca del mondo che si estende su un territorio di 301.340  km². Casinò ovunque, slot machine per tutti i gusti e per tutte le età… pensate che solo queste ultime generano un flusso di oltre 93 miliardi di euro, cioè oltre 180 mila miliardi delle vecchie lire: e cosa siamo, il bancomat dello Stato?

Vi ricordo  altri continui prelievi attraverso il gioco: bingo, casinò online e televisivi, lotto e super-enalotto 3 volte alla settimana, più estrazioni continuate giornaliere di numeri con frequenza e puntate ogni 5 minuti, gratta e vinci a iosa,senza dimenticare le varie scommesse sportive e qualche lotteria tradizionale, etc,etc.

Non facciamoci più ammaliare da questi biscazzieri scorretti! Tanto, anche se si vince qualche volta, alla fine si perde sempre , e i superfortunati che azzeccano il colpo gobbo della vita… il più delle volte, visto che la vita è un’insieme di situazioni che alla fine si compensano tra loro, spesso al colpo super fortunato segue quello super sfigato.

La vita è amore e lavoro e le scappatoie non esistono! Questo è il messaggio che dovrebbe arrivarci dallo Stato… solo se gli uomini che lo dirigono fossero all’altezza del compito divino loro assegnato.

L’Ambetto è, ripeto, un’ulteriore vergognosa sirena inventata ( se usassero tanto ingegno in modo più eticamente corretto e  produttivo ) per dare il colpo di grazia al poveretto che annaspa aggrappato ad un pezzo di legno in mezzo all’oceano della disperazione e della povertà; non fatevi ammaliare ulteriormente e ricacciatelo negli abissi!

Umberto Napolitano

Famiglie  d’Italia

Annunci

Etica: la Politica non può parlare di etica ai propri cittadini quando ha trasformato l’Italia in un’enorme bisca

gennaio 4, 2012

Cari amici, il modo corretto di vivere un’esistenza normale e serena dobbiamo costruircelo da soli. Non dobbiamo più assolutamente prendere esempio da quanto ci viene proposto dalle Istituzioni attraverso i suoi rappresentanti politici perché rischiamo di sballare completamente ed appassire in un mondo virtuale, lontano dalla realtà e da quanto ispiratoci dalla nostra morale e dalla nostra tradizione cristiana.

I nostri politici sono esempio di rissa continuata, spesso colti in flagranti reati di peculato, appropriazione indebita, soprusi e favoritismi vari. Ci riempiono di balzelli senza compassione ( la nostra benzina costa quasi il 20 % in più rispetto agli altri Stati dell’Unione Europea ), riducono gli stipendi magri di un popolo depresso, e non toccano un euro dei loro sfarzosi emolumenti… hanno trasformato l’Italia in un’enorme bisca, 24 ore su 24!

Dal vecchio Gioco del Lotto una volta alla settimana, Totocalcio, Totip e qualche Lotteria Nazionale…sono passati ad un Lotto ufficiale 3 volte alla settimana, abbinato al Superenalotto conseguente, più Gratta e Vinci e Lotti istantanei continuati, Bingo e Slot Machines su tutto il territorio e su Internet, e dulcis in fundo… Poker e Casino con Roulette e campione completo di tutti i giochi, grazie ad internet, senza interruzione… a casa tua ed, ora, anche su iPad e cellulari. Giochi tassati alle origini,e, ultimamente, anche sulle vincite. CHE SCHIFO!!! Non invidio il mio omonimo Presidente Giorgio Napolitano, che non so con quale spirito si appresti ogni giorno a rappresentare senza ansia una Nazione in così galoppante degenerazione.

Ma noi nelle Istituzioni dobbiamo continuare a credere perché sono sacre e senza di esse nemmeno esisteremmo!… Come potete vedere io uso sempre le iniziali maiuscole quando le nomino. E’ la generazione politica attuale che le rappresenta che è cariata: gli interessi personali hanno causato una serie di errori che ci hanno portato sull’orlo del default ed i soldi invece di andarli a pretendere prima di tutto da coloro che lo hanno causato ( politici incapaci, troppo accondiscendenti per strategie elettorali, conniventi con finanzieri e bancari speculatori, etc. ), si attaccano senza ritegno e misura su di noi, cittadini inermi e pazienti.

E noi dobbiamo, ancora una volta, dare il buon esempio… e come?

Usiamo il buonsenso e la nostra intelligenza. Riprendiamo fiducia in noi stessi. Non attendiamo inerti le soluzioni da chi dovrebbe darcele e guardiamoci attorno cercando di capire cosa possa esserci utile per sopravvivere e resettarci. E’ una vita che lo scrivo: noi non siamo una Nazione industriale… lo siamo diventati per interessi altrui.I lavoratori di tale settore non sono che una piccola parte: rispettiamoli creando loro delle vie d’uscita, degli sbocchi dove confluire quando gli ammortizzatori sociali non saranno più in grado di sostenerli…e già loro sono fortunati ad averli per un certo periodo, perché la totalità di coloro che sono fuori dai loro settori, la maggior parte dei lavoratori, se perdono il posto non hanno meno diritti e devono risolversi da soli i problemi. Ed allora ritorniamo a ciò che di noi ha fatto un popolo autosufficiente ed emergete. L’Agricoltura, il Turismo e la forza e la qualità del nostro Artigianato! Siamo ancora in tempo: il cibo viene dalla terra e di questa ne abbiamo a iosa; il sole, le montagne, il mare e la Storia ci avvolgono in una coperta ampia e rassicurante, la qualità del nostro ingegno è riconosciuta in tutto il mondo: forza, volgiamo a queste risorse i nostri sguardi, perché esse sono reali.. le altre sono sirene virtuali che oggi ci danno un illusione e nel tempo ci distruggono definitivamente!

 
Umberto Napolitano
 
Famiglie  d’Italia

Casinò Italia: chi meno ne ha, più ne metta!

febbraio 2, 2010

Ieri pomeriggio ho seguito su Rai 1 Lamberto Sposini che, a  ” La vita in diretta ” , conduceva un reportage sul gioco d’azzardo legalizzato in Italia. Ho ascoltato le interviste di ex malati del gioco che raccontavano delle fortune dilapidate e delle famiglie messe in crisi, e gli interventi di ospiti in studio,  come Daniele Capezzone, che giustificavano il ruolo di biscazziere dello Stato che rastrellava soldi destinati, se no, alla malavita.

Orbene, un’idea avevo e tale è rimasta: sono tutte scuse e, per giunta, banali! Lotto e Superenalotto rapinano soldi ai disperati tre volte alla settimana, Gratta e Vinci e Videopoker tutti i giorni e a tutte le ore, per non parlare di Bingo, Lotterie, SMS in quiz televisivi, anche due volte nella stessa trasmissione, come accade da ieri a Chi vuol essere milionario condotto da Jerry Scotti. L’Italia si è trasformata in un’enorme Las Vegas, nella quale si infrangono sogni ed illusioni ed aumentano a dismisura debiti e disperazione, ingrassando usurai legalizzati e non… altro che levare soldi alla malavita. (more…)