Posts Tagged ‘Coldiretti’

Muscolo di Grano, la carne vegetale del futuro, trionfa a Expo Milano quale unico prodotto alimentare veramente innovativo

ottobre 4, 2015

Lucia Premiata

Alla presenza delle massime cariche Coldiretti nazionali, in occasione di Oscar Green, il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti ha assegnato venerdì 2 ottobre il Premio Nazionale Expo 2015 a Muscolo di Grano, con la seguente motivazione: ” per essersi affermata come la migliore e originale innovazione alla Manifestazione Universale di Milano Expo “.

Lucia Marascio e Il Ministro Galletti

” Il premio è stato assegnato a Lucia Marascio ( nella foto a sinistra mentre illustra al Ministro Galletti le qualità di Muscolo di Grano  ), che brillantemente guida l’azienda, in rappresentanza di tutta la sua famiglia che da 30 anni propone e migliora costantemente il prodotto e, soprattutto, di suo padre Enzo Marascio, che di Muscolo di Grano è il geniale inventore. Grande festa e gioiosi sorrisi fra i migliaia Giovani Coldiretti arrivati da tutta Italia per presenziare alla premiazione, sotto l’occhio orgoglioso e soddisfatto, per questo riconoscimento meritatamente assegnato, del Presidente Pietro Molinaro e di tutta la Dirigenza Coldiretti Calabrese, in quanto calabrese, di Isca sullo Ionio, è la famiglia Marascio ( nella foto a seguire, in centro, mentre festeggia la vittoria ), e, dalla Calabria dove l’azienda è sorta ora si sta espandendo proiettandosi a livello mondiale.

famiglia marascio

Considerazione finale: la vittoria di Muscolo di Grano assume un’importanza epocale perché, preciso quanto segue solo per chi non abbia ben compreso l’importanza, significa porre all’attenzione mondiale un prodotto che risponderà a tante domande fino adesso rimaste tali e, soprattutto, risolverà moltissimi problemi sia di salute sia etici per le prossime generazioni. La popolazione sta aumentando in modo esponenziale e di conseguenza, per sopperire alle esigenze proteiche, si ricorre ad un’intensificazione selvaggia degli allevamenti animali, a discapito, naturalmente, della qualità. Si sta andando contro natura, modificando i cicli naturali della crescita di un animale, il tutto con l’aggiunta di ormoni che, di conseguenza, assimileremo noi nutrendocene. Muscolo di grano, in possesso di tutte le proteine necessarie, giuste calorie, zero carboidrati e zero grassi saturi, non intende eliminare la carne, ma si pone come cibo alternativo almeno nei giorni che si vuol far riposare un po’ il nostro corpo, ed in particolare il nostro fegato.

enzo

Enzo Marascio, una trentina di anni fa, per risolvere alcuni problemi seri della sua salute, causati da una alimentazione non adeguata alle necessità del suo corpo, si adoperò per cercare delle alternative, rispettanti anche il palato e l’occhio, che in qualche modo soddisfacessero in toto le sue necessità e quelle della sua famiglia, dei figli in particolare che, crescendo con una alimentazione non corretta, non andassero in contro ai suoi stessi problemi. Si ricordò di quanto gli raccontava il nonno quand’era piccolo, e cioè che la carne dei poveri era la pasta accompagnata dai legumi … e da lì iniziarono i suoi studi e i suoi esperimenti. Scoprì che il grano possedeva pelle, muscolo e cotenna: fu l’illuminazione che lo portò alla creazione di Muscolo di Grano , ovvero una lavorazione speciale di farina di grano con farina di lenticchie, ed altro che rappresenta, logicamente, il suo giusto segreto. Però, importantissimo, è sottolineare che la farina di grano usata nella lavorazione proviene da una pianta non modificata geneticamente, quindi non causa di allergie varie che hanno portato a sviluppare nel tempo la famigerata ” celiachia “, malattia allergica del secolo che colpisce le persone di costituzione più debole quando assumono prodotti, appunto, a base di grano modificato, quello maggiormente presente sul mercato.

Enzo Umbi

Io ho sposato la causa di Muscolo di Grano e del suo profeta ormai da molti anni e la mia salute e quella del mia famiglia sono decisamente migliorate, tant’è che mi onoro del pregio di esserne diventato testimonial ufficiale. Infatti nella foto sopra mi vedete insieme a Enzo Marascio festeggiare la vittoria dell’Oscar Green a Expo Milano. Ne sono orgoglioso, anche per la consapevolezza che Muscolo di Grano, oltre a migliorare la qualità della vita di ognuno, in un futuro prossimo sarà anche in grado di offrire benefici all’occupazione agricola, creando molti posti di lavoro, e non solo in Calabria o in Italia, … ma in tutto il mondo, e, ne sono più che convinto!

ISCA

Umberto Napolitano

famigli d'italia

Annunci

Frutta e verdura per abbronzarsi meglio ( Famiglie d’Italia Salute News )

giugno 18, 2012

 

Estate 2012: Top 10 della frutta che abbronza

Carote, radicchi e albicocche salgono sul podio degli abbronzanti naturali in grado di “catturare” i raggi del sole e garantire una tintarella naturale ma anche utilissimi per difendere l’organismo dalle elevate temperature. È la Coldiretti a stilare la speciale classifica top ten del cibo che abbronza in occasione dell’arrivo  dall’Africa di “Scipione”, il vastissimo anticiclone con afa e caldo che anticipa di una settimana rispetto al solstizio del 21 giugno l’arrivo dell’estate, dopo una primavera 2012 che si classifica al sesto posto tra le più calde da 210 anni con una temperatura superiore di 1,29 gradi centigradi rispetto alla media.

“Con il grande caldo, infatti, consumare carote, insalate, cicoria, lattughe, meloni, peperoni, pomodori, albicocche, fragole o ciliegie serve a difendersi dai colpi di calore, ma anche – sottolinea la Coldiretti – a preparare l’abbronzatura estiva. Anche chi è ancora costretto a rimanere in città infatti può difendersi dal caldo e prepararsi la tintarella estiva con una dieta adeguata che si fonda sul consumo di cibi ricchi in vitamina A che favorisce la produzione nell’epidermide del pigmento melanina per donare il classico colore ambrato alla pelle”.

Il primo posto è conquistato dalle carote che contengono ben 1200 microgrammi di vitamina A o quantità equivalenti di caroteni per 100 grammi di parte edibile. Al secondo posto, secondo la Coldiretti, salgono i radicchi che ne hanno circa la metà mentre al terzo si posizionano le albicocche seguite da cicoria, lattuga, melone giallo e sedano, peperoni, pomodori, pesche gialle, cocomeri, fragole e ciliege che presentano comunque contenuti elevati di vitamina A o caroteni.

Per consentire a tutti di poter acquistare frutta e verdura italiana al giusto prezzo la Coldiretti ha aperto in tutta Italia oltre mille mercati di Campagna amica dove è possibile acquistare direttamente dagli agricoltori, frutta e verdura fresca e di grande qualità. Un’importante iniziativa per combattere l’afa con un maggior consumo di frutta e verdura che sono fonte di vitamine, sali minerali e liquidi preziosi per mantenere l’organismo in efficienza e per combattere i radicali liberi prodotti come conseguenza dell’esposizione solare.

“Antiossidanti ‘naturalì sono infatti le vitamine A, C ed E che – sottolinea la Coldiretti – sono contenute in abbondanza in frutta e verdura fresca. Questi vegetali sono dunque alimenti che soddisfano molteplici esigenze del corpo: nutrono, dissetano, reintegrano i sali minerali persi con il sudore, riforniscono di vitamine, mantengono in efficienza l’apparato intestinale con il loro apporto di fibre e si oppongono all’azione dei radicali liberi prodotti nell’organismo dall’esposizione al sole, nel modo più naturale ed appetitoso possibile”.

Fonte: Canicatti Web  ( Scritto da Redazione Canicatti Web Notizie il 18 giugno 2012, alle 08:04 )

 

Famiglie                        d’Italia

Biocarburanti causa del rialzo dei prezzi degli alimenti ( Econota 75 )

gennaio 13, 2012

Il rialzo dei prezzi degli alimenti causato dai biocarburanti: la World Bank lo sapeva  di Mario Delfino  ( fonte: Blogo.it )

L’anticipazione era stata di The Guardian.

Qualche giorno dopo, è arrivato l’articolo di conferma che riporta il documento della World Bank.

Nel rapporto della World Bank, si analizza il rialzo dei prezzi dei generi alimentari. E si individua la causa principale nei biocarburanti.

Al contrario di quanto affermato dalla Casa Bianca, secondo la quale lincidenza dei biocarburanti sul rialzo dei prezzi degli alimenti sarebbe stata dell’ordine del 2-3%, il rapporto della World Bank sostiene che l’ influenza idei biocarburanti sui prezzi degli alimenti arriva al 75%.

E che l’aumento della domanda di cibo da parte di Cina ed India costituisce un fattore marginale, ai fini dell’aumento dei prezzi.

Il rapporto riporta la data dell’8 aprile 2008, ma è rimasto segreto, perché it was too hot for the Bank to handle.

La pillola eco-impegnata di Paolo Broglio,  ovvero quelli che fanno “……o almeno ci provano

 

Mobilità e crisi: un pieno è più caro del pranzo di Natale

( fonte: Last Minute Geek )

 

Per l’ultimo Natale abbiamo speso di più per un pieno di benzina o per il classico pranzo natalizio, magari a Km0 o con prodotti biologici? La risposta non è scontata perché abbiamo speso di più per la benzina e la stima la fa Coldiretti:

Fare il pieno ad un’auto di media cilindrata con un serbatoio di 50 litri costa ben 85 euro, un importo leggermente superiore a quello  destinato in media dalle famiglie italiane per la preparazione del pranzo di Natale.

La manovra Salva Italia perciò potrebbe essere l’occasione giusta per portare un po’ di sobrietà nei consumi di carburante e non solo per l’economia. Roma e Milano hanno già sforato più volte i limiti consentiti di PM10 con le conseguenti giornate interdette al traffico dei veicoli.

Il prezzo della benzina è alle stelle causa accise. Peraltro dal 2012 le Regioni potranno destinare una delle accise del valore di 1 centesimo per litro al sostegno del trasporto pubblico. E io continuo a chiedermi: perché non si riprende a usare massicciamente la bicicletta? perché non si ritorna a camminare a piedi?

rubrica a cura di:

Paolo Broglio

Famiglie  d’Italia

Uova e pecorino e ritorna l’allegria ( Famiglie d’Italia news positive )

settembre 26, 2011

Oggi comincia una nuova settimana e lo stress da politica invadente, monotona ed  ” incazzosa ” ci ha privato perfino del sereno piacere che ci spetterebbe ogni fine settimana, circondati come siamo dagli infiniti ” faccia un passo indietro, si dimetta… non ci penso nemmeno, sfiduciatemi “, etc. Sempre la stessa solfa.  Il tema di una politica stantia, inaridita dall’odio e dalla sete di un potere che si dimostra giorno dopo giorno sempre più aleatorio che reale. Sì, ci rappresentano, ma solo sulla carta, perché per la maggioranza di noi italiani ormai non esistono più nel significato più ” serio e rispettoso “. Sono lì perché siamo obbligati a mettere qualcuno, ma in realtà se non ci fossero e ci adattassimo a rispettare delle regole internazionali civiche e di buon senso, non ne sentiremmo la mancanza e staremmo molto meglio. Le loro risse, oltre ai danni continui alle nostre tasche, si sono insinuate maleficamente nelle nostre anime come un cancro maledetto che ha corroso speranze e buon umore, per trasformarci in zombie irascibili che si trascinano per effetto di un abbrivio conseguente e, pare, inarrestabile.

Occorrerebbe cambiare rotta al più presto, ma non è facile. Tutto appare complicato, o meglio, viene reso sempre più complicato… Eppure le soluzioni sono sempre nelle risposte più semplici e naturali, ma quelle, probabilmente, sono esclusivamente a nostro favore ed a discapito dei grandi burattinai, per cui escluse in partenza. Però, qualche piccolo rimedio possiamo cercarcelo anche noi… io ho smesso di leggere i giornali, limitandomi ad una rapida occhiata. Evito di entrare nei particolari e di leggere sempre le stesse cose, per evitare l’assuefazione ed il contagio psicologico. Faccio però più attenzione a quelle notizie che se ne stanno seminascoste in cantuccio e che, a volte, sono molto più interessanti e foriere di speranze in qualche, anche piccolo, miglioramento del nostro ” sopravvivere “. Ieri, ad esempio, l’ Ansa ci ha offerto un simpatico consiglio per migliorare il nostro umore: uova e pecorino, in modo semplice e naturale…come ai vecchi tempi.

Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Alimentazione > Salute:Coldiretti,malumore se menu errato,ok uova e pecorino ( nella foto flan di uova e pecorino )

(ANSA) – ROMA, 25 SET – Dai funghi coltivati al pecorino, e’ lunga la lista dei cibi che aiutano a combattere l’aggressivita’ ed il nervoso grazie all’elevato contenuto di triptofano al quale sono state attribuite proprietà rilassanti da una nuova ricerca dell’Università di Cambridge. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti in riferimento alla ricerca condotta da un team di studiosi, primo firmatario l’italiano Luca Passamonti del Cnr di Catanzaro, e pubblicata sulla rivista Biological Psychiatry. Lo studio dimostra come anche un menu sbagliato puo’ contribuire a fare perdere la calma.

Per giungere a queste conclusioni, 30 soggetti sani sono stati arruolati in uno studio random, controllato con placebo.

Su ogni trattamento, le risposte del cervello (volti arrabbiati, tristi, espressioni neutre) sono state misurate con la risonanza magnetica funzionale. Due metodi (psico-fisiologici di interazione in un modello generale lineare e dinamico modelli causali) sono stati poi utilizzati per valutare l’impatto de triptofano sulla connettività funzionale tra corteccia prefrontale e amigdala. Secondo la ricerca, la responsabilita’ del malumore sta nella riduzione della quantita’ di serotonina nel cervello che avviene quando si salta il pranzo o si ha una dieta carente di triptofano che e’ appunto un precursore della serotonina. ”Consigli che – sostiene la Coldiretti – sono particolarmente utili negli incontri a tavola per motivi di affari o di cuore quando e’ particolarmente importante non perdere le staffe”.

Secondo l’organizzazione agricola sono molti i piatti di uso comune che grazie al loro elevato contenuto in triptofano possono aiutare a rilassarsi e a combattere paturnie e nervosismo. Per evitare gli sbalzi d’umore e’ bene, conclude la Coldiretti – non fare mancare dalla propria dieta questi prodotti che l’agricoltura italiana offre in abbondanza. Oltre ai funghi coltivati, sono particolarmente efficaci pappa reale e mandorle ma anche bieta cruda, uova, spinaci crudi, cioccolato, noci, latte, fagiolini, farina di grano integrale, crescenza, zucchine, orata, agnello, tacchino, pecorino romano, secondo la lista elaborata dall’Inran.(ANSA).

introduzione a cura di

Umberto Napolitano
 
Famiglie  d’Italia

Cetriolo Killer: per ora in Italia nessun pericolo, ma è un’occasione per riflettere ( Famiglie d’Italia news )

maggio 31, 2011

Ogni volta che succede qualche imprevisto del tipo ” un batterio killer che si aggira fra i cetrioli ” ecco che il mondo si risveglia quasi incredulo: oddio, che succede…com’è possibile!?! Così è stato per la Mucca Pazza, per l’Aviaria, per la Suina, etc, etc… La realtà è che con la manipolazione della natura abbiamo esagerato ed a volte può succedere che essa si ribelli uscendo dal controllo della razionalità delle nostre azioni. Razionalità per modo di dire, perché mi sa che stiamo esagerando e che da un bel po’ abbiamo oltrepassato i confini di questa razionalità presunta. Occorre meditare e non accettare tutto ciò che ci viene propinato con la fiducia cieca di colui che non ha tempo di scegliere, si fida e lascia scegliere agli altri. Noi siamo ciò che mangiamo, e il modo migliore per rispettarci è la consapevolezza piena di ciò che offriamo al nostro organismo per il sostentamento. I centri commerciali sono belli ed accoglienti, la pubblicità è ammiccante, ma un’ indagine più accurata da parte nostra sulle etichette dei prodotti che siamo intenzionati ad acquistare non è mai una ” perdita di tempo ” e poi… un salto ogni tanto da un contadino non guasterebbe mai: sarebbe l’occasione per una piccola gita fuori porta, per un contatto con la natura e per acquistare alla fonte prodotti naturali in un modo naturale. Va bene che, a quanto si dice, L’Italia detiene  il primato qualitativo e quantitativo nella produzione di ortofrutta in Europa, ma la prudenza e la diversificazione responsabilizzata negli acquisti… non fanno mai male. (more…)