Posts Tagged ‘Corriere della sera’

La Danimarca tassa i grassi saturi ( Famiglie d’Italia Salute News )

ottobre 5, 2011

Oggi vi propongo una notizia molto interessante. Riguarda un’iniziativa, secondo me saggia, presa dal governo di uno Stato, la Danimarca, che ha a cuore la salute dei propri cittadini. I grassi saturi sono la causa primaria dell’obesità e di molte malattie collaterali dovute all’eccesso di colesterolo che circola nel sangue. Non è difficile paragonare l’importanza di tali danni a quelli procurati dal ” fumo “, per cui, se quest’ultimo viene tassato per diminuirne l’uso ed evidenziarne i pericoli, il sottoscritto, pur essendo contrario all’abuso della tassazione che così male influisce sulle nostre tasche già fin troppo tartassate, penso che quest’ultima potrebbe servire da deterrente e fornirebbe l’occasione per usarne i proventi in modo saggio, destinandoli alla ” ricerca “. Penso veramente che i ” grassi saturi ” debbano essere limitati al massimo ed è proprio per questo motivo che io spesso ricordo l’esistenza di un prodotto ” miracoloso ” in materia, il Muscolo di Grano, gustosissimo al palato e ricco di tutte le proteine necessarie al corpo, nonché assolutamente privo dei famigerati ” grassi ” in oggetto. Sull’argomento odierno vi propongo un post firmato da Elmar Burchia ed edito da Corriere della Sera .it

In Danimarca la prima tassa sui ” Grassi “

” Fat Tax ” su tutti gli alimenti, in proporzione ai ” grassi saturi ” . E grazie al burro le casse dello Stato si gonfiano. 

MILANO – Ogni anno i danesi si trovano ai primi posti delle classifiche come popolo più felice del mondo. I motivi sono molteplici e noti. Certo, la Danimarca non ha l’euro e vive le turbolenze della moneta unica e della crisi economica con relativo distacco. Tra le uniche preoccupazioni c’è la propria corona che Copenaghen conta non si apprezzi troppo. E la salute dei propri cittadini. Nonostante meno del 10 per cento dell’intera popolazione risulti essere clinicamente obesa, una percentuale ben al di sotto della media europea, dal primo ottobre è entrata in vigore una tassa sui grassi saturi contenuti negli alimenti. Lo scopo? Salvaguardare la salute pubblica del popolo danese, ma soprattutto rimpinguare le casse dello Stato. Con la «fat tax» arriveranno infatti ogni anno non meno di 200 milioni di euro.

TASSA SUL GRASSO DANESE – Da sabato 1° ottobre in Danimarca viene applicata quella che è considerata in assoluto la prima «fat tax». E tutto (o quasi) in nome della salute. Per i danesi che vanno a fare la spesa significa un aumento dei prezzi dei prodotti ad alto contenuto di grassi saturi, i veri nemici delle arterie, poiché accusati di aumentare il colesterolo e favorire di conseguenza l’insorgenza delle malattie cardiovascolari. I ricercatori danesi dell’Institute of Food and Resource Economics di Copenaghen convengono sul fatto che il 4% delle morti premature nel Paese siano il risultato di un eccessivo consumo di grassi saturi. Il nuovo provvedimento si applica a tutti i cibi venduti, quale che sia la natura e la provenienza, mentre l’alimento viene tassato in misura degli acidi grassi saturi che contiene. Gli alimenti che subiscono il tributo addizionale più sostanzioso, ha scritto recentemente il Copenhagen Post, sono il burro, gli oli e i prodotti lattiero-caseari in generale. L’imposta per i cibi con oltre il 2,3% di grassi saturi è in misura pari a 16 corone danesi (2,15 euro) al chilogrammo di nutriente. In altre parole: da oggi i danesi dovranno sborsare il 30% in più per una confezione di burro da 250g; l’8% in più per un sacchetto di patatine, mentre un litro d’olio d’oliva costerà loro il 7,1% più del solito. Altri numeri: l’imposta dovrebbe però ridurre il consumo di grassi saturi di quasi il 10 per cento e il consumo di burro scenderebbe secondo le previsioni del 15%.

I GRASSI D’EUROPA – La scelta danese non è isolata, anzi è un esempio che viene seguito da diversi governi europei: la Francia ha deciso di aumentare dal 2012 la tassazione sulle bevande zuccherate, ritenute tra i responsabili dell’aumento dell’obesità in terra transalpina. La cosidetta «tassa sulla Coca Cola» dovrebbe generare 120 milioni di euro in più da destinare alla previdenza sociale. Caso analogo in Ungheria dove a inizio mese è stata introdotta una «tassa anti-obesità», un tributo addizionale sui cibi confezionati ad alto contenuto di sale, di zuccheri o carboidrati, come patatine e cioccolata. Se Finlandia e Norvegia hanno già introdotto questa tassa, anche in Svezia gli esperti spingono per una «fat tax». L’obesità è infatti considerata una vera e propria malattia, spesso complicata da altre patologie (cardiovascolari, respiratorie etc.) e da gravi alterazioni del metabolismo. In Italia sono 5 milioni gli obesi a cui si aggiungono almeno 20 milioni di italiani in sovrappeso, secondo gli ultimi dati diffusi dalla Società Italiana dell’Obesità. Notevoli sono le differenze tra le regioni che vedono la Campania in testa con il 49% di persone con eccesso di peso e la Valle d’Aosta in coda alla classifica con il 23%. Quello che «preoccupa maggiormente», ha affermato invece qualche giorno fa il ministro della Salute Ferruccio Fazio, è l’obesità pediatrica, «considerato che il 35% dei bambini italiani, dunque circa 1 milione, è obeso o in sovrappeso».

Elmar Burchia ( Corriere della Sera )

introduzione a cura di

Umberto Napolitano
 
Famiglie  d’Italia

Annozero 10 marzo… finalmente

marzo 11, 2011

Ieri sera, finalmente, il sottoscritto, ultimo romantico che prova a seguire i programmi televisivi politici sperando di intravvederci una conduzione non sfacciatamente schierata, ha potuto gustarsi una puntata di Annozero veramente all’altezza della sua fama, con un contradditorio pacato, benché l’eterogeneità dei partecipanti, dal ministro Giulio Tremonti, al fondatore de La Repubblica Eugenio Scalfari, al direttore del Corriere della Sera Ferruccio De Bortoli e all’ex Presidente della Camera Fausto Bertinotti. (more…)

Nucleare sì nucleare no: i torti e le ragioni

gennaio 9, 2011

E’ consuetudine di questo blog riportare news che spesso sfuggono per palese sopraffazione da parte di altre notizie maggiormente evidenziate dai media per vari motivi strategici o opportunistici. C’è in corso una polemica, l’Italia è il Paese delle polemiche, riguardo ad uno spot che in questi giorni imperversa sui nostri teleschermi. E’ uno spot che in qualche modo, anche un po’ furbescamente, cerca di far soffermare l’attenzione del pubblico sul fatto che forse il ” nucleare ” non sia poi il male peggiore per la nostra collettività. Ognuno ha il diritto di esporre i propri pensieri, ma mi pare ” eccessivo ” urlare alla pubblicità ingannevole, quando nei vari anni è stata attuata una politica non molto dissimile basata sulla “ paura “, ma che ci ha nascosto che gli altri Stati non solo avrebbero adottato la politica del nucleare, ma alcuni, come la Francia, ci avrebbero costruito le centrali proprio ai piedi delle Alpi ed in zone nelle quali, per effetto delle correnti, in caso di incidente, guarda caso… probabilmente, i primi ad essere investiti dalle radiazioni saremmo stati proprio noi. Secondo Corriere della Sera – Home Page esistono in Europa ben 13 centrali nucleari a meno di 200 chilometri dai nostri confini. (more…)

Caso Montecarlo: chi più ne ha, più ne metta

settembre 24, 2010

LA REPUBBLICA –  ” Dossier su Fini, ecco l’autore ” – Bocchino, il falso costruito da Lavitola, uomo vicino a Berlusconi.

IL GIORNALE – ” Il documento è vero ” – In una intervista a il << Fatto >> il ministro di Santa Lucia conferma l’autenticità della sua lettera che indica in Tulliani  il vero proprietario dell’appartamento. E lunedì spiegherà tutto pubblicamente.

CORRIERE DELLA SERA – ” Dossier contro Fini, ecco l’autore ” – Bocchino accusa in tv, Palazzo Chigi: basta illazioni sui servizi.

LIBERO – ” I servizietti di Fini ” – Futuro e Libertà ci prova: le carte contro il nostro leader create da uomini del Cav. Ma l’accusa va ribaltata; il dossieraggio falso è futurista. E Bocchino ce lo conferma vantandosi in tv delle relazioni speciali tra Usa e presidente della Camera.

IL FATTO QUOTIDIANOLa Repubblica delle porcate ” – ecc. ecc. ecc. ecc. ecc. ecc. ecc. …

Attenzione!!! Cittadini la situazione sta precipitando. I politici da noi votati e tutto il loro entourage hanno perso totalmente la bussola e l’oggetto  dei loro compiti primari. Negli ultimi tempi è apparso evidente che esponenti di tutti i partiti si sono equivalsi negli abusi a favore del soddisfacimento degli interessi personali. La guerra in corso è tremenda e difficilmente farà prigionieri: preparatevi all’elmetto ed alla tessera annonaria per andare a fare la spesa… qui sta andando tutto a catafascio! “

Beh, non vi è piaciuta?… Se mi ci metto sono capace anch’io,  come loro, a fare del cabaret. A proposito, qualcuno ha sottomano del bicarbonato da offrirmi?… Credo proprio di averne bisogno!

Umberto Napolitano

Famiglie  d’Italia

 

 

Lei 72 anni, lui 26… e lo chiamano amore ( Famiglie d’Italia news )

Mag 4, 2010

Anche ieri, purtroppo, la cronaca ha voluto riservarci un fatto  ” sorprendente “. Mi limito a riportare l’articolo pubblicato dal Corriere della Sera per ” offrirlo ” a chiunque sia sfuggito, evitando, però, di sprecarmi in commenti, perché ormai così va il mondo, un mondo garantista e sempre all’avanguardia. Fortunato il piccolo che nascerà come ” frutto ” d’amore dell’insolita coppia: potrà vantarsi di avere per genitori un papà e una nonna, nonché… una mamma usa e getta.

 

” Lei 72 anni, lui 26: «Facciamo l’amore tre volte alla settimana»

Nuova Zelanda sotto choc per la storia d’amore tra nonna e nipote.

Hanno comprato un ovulo, poi fecondato con lo sperma di lui e impiantato nell’utero di una madre surrogata (more…)

La Chiesa, unica opposizione…pare strano!

giugno 26, 2009

canguroEra dal 23 dicembre 2008 che non avevo più notizie  (si fa per dire ) dell’amico australiano Michael Gray: pubblico immediatamente quanto da lui inviatomi!

Dear Umberto,  rispondo all’ ultimo quesito del tuo articolo di ieri ” se il nostro interesse per i fatti politici venisse a mancare definitivamente…in mano a chi lasceremmo il nostro futuro? (more…)

Di Pietro e Franceschini… ascoltate Lucia Annunziata

Mag 13, 2009

Ieri, seguendo la puntata di Ballarò, ho avuto la conferma della coerenza e dell’onestà politica di Lucia Annunziata, colei che non fece sconti a Silvio Berlusconi durante una sua intervista, ma che non esitò a contestare la parzialità di Michele Santoro abbandonando clamorosamente la sua trasmissione Anno Zero. (more…)