Posts Tagged ‘greenMe.it’

Perché si festeggia il 13 dicembre, festa di Santa Lucia

dicembre 13, 2015

Santa Lucia

Oggi, 13 dicembre, si festeggia Santa Lucia e nella tradizione ricorda erroneamente come il giorno più corto che ci sia, perché, scientificamente sembra che ciò non sia vero in quanto ” il numero minore di ore di luce e la maggiore durata della notte nel corso dei dodici mesi si registrano infatti con il solstizio d’inverno, che di norma si verifica il 21 o il 22 dicembre: i nostri antenati, in realtà, non si erano sbagliati. “La differenza tra le date, che a noi ora appare come un errore, è dovuta alla riforma del calendario introdotta da Papa Gregorio XIII nel 1582. In oltre 10 secoli erano stati accumulati circa 10 giorni di sfasatura. Dunque con la riforma il solstizio si spostò al 21 dicembre, mentre il giorno di Santa Lucia rimase il 13. In precedenza la festa di Santa Lucia cadeva in prossimità del solstizio d’inverno. Da lì nacque il famoso detto relativo al giorno più corto” ( GreenMe.it )

La storia di Santa Lucia ha un finale tragico come la maggior parte delle storie dei nostri santi. Una storia che vi rinfrescherò offrendovi la lettura di un post scritto da Caterina Lenti e pubblicato da MeteoWeb.

13 dicembre, oggi è Santa Lucia: vita,storia e culto della Santa Patrona della vista.

Santa Lucia, Vergine e Martire, nacque a Siracusa sul finire del III secolo a. C. e morì il 13 dicembre del 304, sgozzata con una spada. Il suo corpo riposa a Venezia, accanto a quello di , su un altare laterale, dentro un’urna marmorea.

 

Santa Lucia, Vergine e Martire, nacque sul finire del III secolo a.C. a Siracusa, cittadina siciliana in cui si era fortemente diffuso il Cristianesimo, da una famiglia di nobili origini. La fanciulla, il cui nome significa “Luce), ancora bambina, perse il padre, rimanendo sotto la custodia della madreEutichia che soffriva da anni di emorragie, tanto da spendere molti soldi per consultare i medici, senza ricavarne giovamento.

SANTA LUCIA VITA 3Il 5 febbraio del 304, giorno Sacro a Sant’Agata,madre e figlia giunsero a Catania, recandosi al sepolcro di Sant’Agata, ascoltando il Vangelo letto dall’emorroissa, la donna che, toccando il lembo della veste di Gesù, ebbe la guarigione. Lucia disse alla madre: “Madre, se credi a quello che ora si è letto, crederai pure che Agata, la quale ha patito per Cristo, può chiedere per te a Gesù la guarigione. Se vuoi, dunque, tocca con fede il suo sepolcro e sarai guarita”. Lucia ed Eutichia si avvicinarono al sepolcro, si inginocchiarono e pregarono la martire tra le lacrime. Lucia, mentre stavano in preghiera, fu presa da una visione: vide, in mezzo a schiere di angeli, Sant’Agata che, rivolta a lei, le disse: “Lucia Sorella mia, Vergine Dio, perché domandi a me quello che tu stessa puoi concedere? La tua fede ha giovato a tua madre, ed ecco che è divenuta sana. Tu ti sei consacrata a Dio nella verginità e perciò come per me la città di Catania viene ricolma di grazie del cielo, così per te lo sarà la città di Siracusa”. Dopo la guarigione della madre Lucia, che fatto voto di verginità al Signore, distribuì le proprie ricchezze ai poveri, vivendo in povertà ed autentica fede cristiana.

SANTA LUCIA VITAA quei tempi anche la Sicilia era tormentata dalle persecuzioni contro i Cristiani. Un ragazzo, innamorato di Lucia, ma che la futura Santa rifiutò per amore del Signore e della promessa a Lui fatta, per dispetto, rese nota l’identità della ragazza al prefetto Pacasio che cercò di dissuaderla dal credere in Dio e di convincerla a convertirsi agli Dei e all’imperatore ma lei non cedette. Fu allora che Pacasio la sottopose a diverse prove di umiliazione e torture per costringerla ad obbedirgli: cercò di farle perdere la sua virtù, di farla maltrattare dai soldati, la fece trascinare da due buoi lungo le strade del paese, tentò di ustionarla con olio bollente, di bruciarla viva al rogo. Infine, dato che niente di tutto questo riusciva a smuoverla, venne sgozzata con una spada. Ma prima di sottoporsi ai martiri, Lucia volle parlare al popolo, annunciando che l’impero di Diocleziano e le persecuzioni dei Cristiani stavano per terminare e che Siracusa, da allora, l’avrebbe sempre onorata così come accadeva nella vicina Catania per Sant’Agata. Santa Lucia morì il 13 dicembre del 304, conservando il titolo della Verginità e del Martirio. Il suo corpo fu deposto nelle catacombe, poi spostato nella chiesa eretta in suo onore, in seguito trasportato a Costantinopoli dal generale greco Giorgio Maniace e infine traslato a Venezia dai Crociati Veneziani, dove ancora oggi riposa accanto al corpo di San Geremia su un altare laterale, dentro un’urna marmorea.

SANTA LUCIA VITA 2Nel 1904, il Cardinale Patriarca di Venezia, facendone la giuridica ricognizione, ne constatò il meraviglioso stato di conservazione: “il corpo della Santa è mummificato e conserva la pelle, molle al tatto. I piedi appaiono intatti, vi si scorge un’unghia nel piede destro e manca buona parte del braccio sinistro, che in vari tempi fu concesso come reliquia a papi e sovrani. Il corpo ha una tinta gialla di cartapecora languida, la testa è più nera, piuttosto piccola, regolarissima, come regolare è la parte superiore dell’osso nasale , rimasta ancora sana . Quattro ciocche di capelli neri incorniciano la fronte, uscendo sotto la corona di seta bianca. Meravigliosi sono gli occhi. Le occhiaie sono coperte da una membrana nera, morbida, costituita dall’occhio stesso e dalle palpebre mummificate. Si vede pure la traccia del suo martirio: un profondo buco vicino al petto, sul lato destro” . La tradizionale credenza che le siano stati strappati gli occhi o addirittura che lei stessa se li fosse strappati per non cedere alle lusinghe del peccato, è leggenda nata dal suo nome, affine al nome della luce. In relazione a questa leggenda, Santa Lucia è invocata da chi soffre di male agli occhi (celebre l’espressione:”Santa Lucia ti protegga la vista!”) ed è in Dante Alighieri allegoria della Grazia illuminante. Cristoforo Colombo, invece, diede il nome della Santa ad un’isola delle Piccole Antille, scoperta il 13 dicembre.

Caterina Lenti ( Fonte: MeteoWeb )

Introduzione a cura di

Umberto Napolitano

famigli d'italia

Annunci

Fusione fredda: l’E-Cat di Andrea Rossi funziona ( Econota 108 )

luglio 19, 2013

clip_image002

E-Cat: la fusione fredda di Andrea Rossi funziona

fonte : GreenMe.it

L’E-Cat, dispositivo prodotto dall’ingegnere italiano Andrea Rossi, funziona davvero. Questa volta a dimostrarlo è il rapporto del professor Giuseppe Levi dell’Università di Bologna, scritto con Evelyn Foschi, Torbjörn Hartman, Bo Höistad, Lars Tegnér, Hanno Essén, Roland Pettersson, pubblicato su arXiv e annunciato da Prometeon s.r.l.. Sarebbe stata dimostrata, infatti, una volta per tutte, l’emissione di calore anomalo da parte del “marchingegno” che ha sollevato tanto entusiasmo ma anche molte, moltissime polemiche e critiche. Forbes si sbilancia: “Forse il mondo cambierà davvero”, scrive addirittura la rivista economica in riferimento agli ultimi risultati dei test condotti dalle terzi parti indipendenti che erano stati a lungo rimandati, tanto da far dubitare dell’affidabilità di Rossi.  Ma gli esperimenti, condotti da esperti internazionali in diversi campi della scienza, dalla fisica nucleare, alla chimica, all’ingegneria elettrotecnica, che avevano il divieto di aprire il dispositivo, hanno verificato solo come l’energia emessa non provenga da fonti e/o da processi già noti. E non è poco. I problemi comunque non mancano. Non ci sono dati, ad esempio, sul combustibile utilizzato durante i test, cu cui Rossi mantiene il massimo riserbo.

Secondo le indiscrezioni si tratterebbe, tuttavia, di un composto di nichel, idrogeno e un catalizzatore segreto. In conclusione, per usare le parole di Forbes, “o si tratta di una delle truffe più elaborate della storia della Scienza, oppure stavolta il mondo potrebbe cambiare davvero. La velocità di questo cambiamento dipende esclusivamente da Rossi”.

Roberta Ragni

La pillola eco-impegnata di Paolo Broglio,  ovvero “quelli che fanno “……o almeno ci provano

La bici in cartone riciclato cerca fondi su Indiegogo

Cardboard Technologies punta in alto, mirando a raccogliere ben 2 milioni di dollari nei prossimi 45 giorni e già preannuncia che le prime consegne inizieranno nella primavera del 2015

clip_image002

Fonte:Rinnovabili.it

La notizia era rimbalzata qualche mese me fa nel web attirando la curiosità di cicloamatori e non: l’inventore israeliano Isear Gafni aveva fatto il suo ingresso nel mondo dell’ecodesigner con una bicicletta creata da cartone di recupero e con il dichiarato intento di offrire una versione economica dello strumento numero uno della mobilità sostenibile. Con un prezzo di produzione stimato in soli 10 dollari ed un telaio ottenuto direttamente dai rifiuti del packaging, l’idea non ha faticato a farsi notare. Ora il progetto ha raggiunto un nuovo livello e il prototipo della Alpha Bike – così è stata battezzata – potrebbe tra non molto arrivare anche nei rivenditori della vostra città.

Sì perché, Cardboard Technologies – la società che ha brevettato la speciale due ruote – ha appena lanciato una campagna di raccolta fondi sul sito di crowdfunding Indiegogo. L’obiettivo è semplice: raggiungere il capitale iniziale per potere iniziare una produzione su scala commerciale della bici in cartone. L’azienda punta in alto, mirando a raccogliere ben 2 milioni di dollari  nei prossimi 45 giorni e già preannuncia che le prime consegne inizieranno nella primavera del 2015.

Fondamentalmente l’idea è quella di un origami giapponese, ma noi non comprimiamo il cartone, né rompiamo la sua struttura“, ha spiegato in un comunicato stampa Gafni. “Al contrario superiamo le falle del materiale, mediante una ripartizione del peso per creare resistenza”. Per realizzare un telaio resistente a partire dai rifiuti di imballaggio, la società provvede a sottoporre il cartone ad un trattamento in grado di rendere la struttura completamente impermeabile ed ignifuga. I copertoni delle ruote sono ricavati da vecchi pneumatici, mentre i pedali sono in Pet riciclato e le cinghie di distribuzione in gomma, anche questa recuperata da auto rottamate. Cardboard Technologies ha spiegato di aver ricevuto diverse proposte di investimento, ma di aver scelto di raccogliere fondi attraverso il crowdsourcing, per non compromettere i propri valori sociali per i margini di profitto.

rubrica a cura di

Paolo Broglio

Famiglie  d’Italia

Raffreddore da fieno: aiuto! ( Famiglie d’Italia Salute News )

marzo 22, 2013

allergie_pollini_alimenti

E sì, è proprio il caso di dire ” Aiuto, è in arrivo il raffreddore da fieno! “. Per molti inizia il calvario primaverile che come una cambiale puntualmente scade e passa all’incasso. Occhi arrossati e naso gocciolante e un’infinità di etcì etcì… salute! Oppure, pillole varie e sonnolenza quotidiana assicurata, a meno che non ci si sia prima vaccinati in tempo, vaccini che però non con tutti hanno sempre a stessa efficacia. A me, per esempio, nel lungo periodo in cui sono stato ” infestato ” fin da ragazzino, erano talmente tante le fonti di allergie alle quali ero soggetto che ogni prevenzione poco funzionava. Per fortuna, come è arrivato, ad un certo punto della mia vita, avvicinandomi alla cinquantina, il maledetto raffreddore è sparito improvvisamente… ma che calvario fino ad allora!

Oggi, navigando su Google, la mia attenzione si è soffermata su un post molto interessante proposto da GreenMe.it e, che a mia volta, vi ripropongo pari pari, certo di farvi cosa gradita.

Alimenti e pollini: boom di allergie. Ma le api fanno da sentinelle

Non solo pollini. Anche gli alimenti contribuiscono ad incrementare le più comuni manifestazioni allergiche di questo periodo. È la cosiddetta SOA, la Sindrome Orale Allergica, la principale manifestazione da reattività incrociata tra pollini e alimenti.

In Italia a soffrirne è una percentuale di allergici ai pollini che va dal 47 al 70%. Si tratta soprattutto di adulti, meno frequentemente coinvolge anche i bambini perché la prevalenza aumenta con l’età.

Quali sono gli elementi che associati ai pollini provocano la Soa? Putroppo si tratta di cibi che fanno parte della dieta quotidiana, come frutta e verdura fresca che scatenano i sintomi soprattutto se consumati crudi. Ed ecco quali sono le associazioni più fastidiose:

  • pollini di Graminacee e pomodoro, frumento, kiwi, melone, anguria, arancia;
  • pollini di Urticacee (come la Parietaria) e basilico, piselli, ciliegie;
  • pollini di Composite e sedano, prezzemolo, camomilla, melone, anguria, mela, banana, lattuga;
  • pollini di Betulaceae e mela, pera, albicocca, carota, finocchio e noce.

È quanto emerso oggi a Como, nel corso del convegno “Non solo pollinosi. Pollini e alimenti: la sindrome orale allergica” organizzato, in occasione della VII Giornata Nazionale del Polline dall’Associazione Italiana di Aerobiologia (AIA), insieme all’Ispra, alla Fondazione Minoprio e alla Federazione Italiana delle Associazioni di Sostegno ai Malati Asmatici e Allergici.

Lo studio ha dedicato un’ampia parte al miele e alle api, le sentille dell’inquinamento e della sicurezza alimentare. In questo senso, esse consentono di effettuare valutazioni sulla qualità dell’ambiente in cui vivono. Attraverso fenomeni di bio-accumulo, scomparsa e mortalità, le api assorbono le sostanze presenti ad esempio nei pollini durante l’impollinazione. Spesso nel loro corpo sono state trovati contaminanti ambientali quali metalli pesanti (Piombo, Cadmio, Cromo, Mercurio, Nichel, Rame e Zinco), radionuclidi gamma emittenti, microinquinanti organici (diossine, furani), idrocarburi policiclici aromatici (IPA), policlorobifenili (PCB), pesticidi (insetticidi, fungicidi, erbicidi e battericidi), microrganismi patogeni (batteri, funghi e virus).

Animali preziosi, purtroppo poco tutelati visto che di recente la proposta di abolire per due anni l’impiego di pesticidi neonicotinoidi, che minacciare la sopravvivenza delle api, non ha ricevuto la piena approvazione dei paesi membri dell’Ue.

Intanto, dice l’Agenzia europea dell’ambiente che negli ultimi 20 anni è scomparso il 60% delle farfalle mentre un quarto degli insetti è a rischio estinzione.

by Francesca Mancuso ( fonte: GreenMe.it )

 

Leggi anche:

Allergie: rimedi naturali per alleviare i sintomi

Allergie ai pollini: ecco i rimedi naturali per contrastarle

Allergie: quello alimentari colpa dell’acqua del rubinetto o dei pesticidi?

 

Introduzione a cura di

Umberto Napolitano

Famiglie  d’Italia

Alimenti e trucchi sani per un’estate serena ( Estate Ecologica News )

agosto 21, 2012

Gli alimenti che danno la serenità

Cucinare fa bene alla mente, al cuore e all’anima. I benefici non sono solo per chi cucina ma anche per i familiari.  La “cucinaterapia” è una tecnica che fa sentire vitali: l’ideazione, la manipolazione e la creazione dei cibi sono un percorso che aiuta a ritrovare l’equilibrio e a stabilire rapporti armoniosi con gli altri.

Stare in cucina aiuta a conoscersi, a sfogare le emozioni, ma anche a socializzare con gli altri. Perchè stare ai fornelli ci rivela tanti aspetti della personalità.

Indivia, asparagi, patate, spinaci cavolfiori, biete, pomodori, peperoni, lattuga, pomodori, melanzane, arachidi, banane, noci, agrumi, aiutano ad allontanare malinconia e depressione. Merito del loro contenuto di  triptofano, che viene usato dall’organismo per produrre la serotonina, un neurotrasmettitore del benessere che regola umore, sonno e appetito. Al contrario, hamburger e salsa, patatine fritte, birra e dolci frenano l’arrivo del triptofano al cervello.

Scritto da: villeri77

Tre trucchi per vivere in forma

vivere bene

Tutti o quasi tutti vorremmo vivere quanto più a lungo possibile. Ma la longevità senza vitalità è pressoché inutile. La vitalità ci permette di vivere la vita in pieno e ci da la forza di goderci ogni attimo al massimo. Quando invece, come accade il più delle volte, nei giorni nostri siamo stanchi fisicamente e mentalmente tutto questo ci appare come un sogno, come fantascienza.

Ma il vero sogno o forse dovrei dire incubo, è questa vita stanca che abbiamo imparato a vedere come normale grazie al pesante condizionamento sociale.

Sapiamo quello che dobbiamo fare per vivere in salute e mantenerci giovani, lo abbiamo sentito svariate volte. Basta fare un po di attività fisica, mangiare sano e evitare lo stress. Lo sappiamo tutti tuttavia spesso ci perdiamo nella confusione e nelle nostre vite frenetiche dimenticandocene.

Ecco perché o deciso di fare insieme a voi un breve ripasso esponendo questi 3 suggerimenti brevi ed efficaci.

1. Migliorate la vostra dieta

Diffidate dalle diete miracolose che vi fanno perdere 2 chili in 5 giorni. L’unico modo per vivere bene e in salute è mangiando cibi sani e non trasformati, cibi integrali, genuini e del tutto naturali. La natura ha calcolato tutto per tutti ancor prima che noi imparassimo a modificare geneticamente, tagliare, sminuzzare, raffinare e uccidere ogni genere di cibo.

Un animale lasciato nel suo ambiente naturale non muore di fame e neanche non diventa obeso è sempre tranquillo e rilassato, ma anche agile e pronto a reagire se necessario. Sempre vitale, energico e al massimo delle sue potenzialità ed è questa la normalità signori miei. Non i dolori e i “soliti fastidi” che oggi giorno ci accompagnano quasi quotidianamente.

2. Fatte capire al vostro corpo che vi serve

camminare

Quando facciamo lavori sedentari oppure per una ragione o per un’altra usiamo poco il nostro corpo il messaggio che da esso viene recepito è uno solo. “Tu non mi servi”. E i risultati poi si vedono, il nostro sistema immunitario si abbassa, la nostra forza muscolare diminuisce sempre più, man mano che passano i giorni siamo sempre più stanchi e abbiamo sempre meno voglia di fare qualsiasi cosa.

Appena iniziamo a muoverci invece però, stranamente tutto va meglio, siamo più felici, durante il giorno ci sentiamo più energici, il nostro sistema immunitario si rinforza, il corpo si tonifica, la digestione migliora un sacco e diversi ormoni e anticorpi vengono liberati nel nostro organismo permettendole di funzionare meglio.

Questo perché siamo fatti per muoverci e vivere non per sederci e guardare la vita.

Un abitudine di almeno 30 minuti al giorno di attività fisica leggera miglioreranno il vostro benessere e la vostra energia personale a per tutta la vita.

3. Migliorate la vostra respirazione

respirazione

Il respiro è la cosa più importante in assoluto per il nostro benessere e per la nostra vita in generale, lo sapiamo tutti, è una cosa piuttosto ovvia senza respirare non siamo in grado di sopravvivere.

Quello che pochi sanno invece è che oggi giorno la nostra respirazione è sempre più danneggiata dalla tempesta di stress e emozioni di ogni genere con cui il nostro stile di vita attuale ci investe quotidianamente.

Quando siamo nati la nostra respirazione era perfetta esattamente come quella dei bimbi ed eravamo sani e pimpanti, infatti eravamo capaci di urlare tranquillamente per ore! Adesso invece il nostro respiro è sempre più debole e sopratutto errato. Errato perché spesso tendiamo a respirare gonfiando il torace mentre il modo corretto di respirare sarebbe il respiro diaframmatico cioè gonfiando la pancia. Se volete capire meglio come funziona la respirazione, quali sono i benefici di una corretta respirazione e scoprire anche un paio di esercizi per migliorarla naturalmente potete scaricare qui gratuitamente il mio ebook.

Tanta Gioia e Vitalità

by George Luis ( fonte: greenMe.it )

Estate Ecologica News

Rubrica a cura di Sabrina Parini

Famiglie                        d’Italia

Frutta e verdura da ben conservare ed una trota da preservare ( Estate Ecologica News )

agosto 7, 2012

Come utilizzare e conservare al meglio la frutta e la verdura matura

frutta matura

Gettare il cibo nella spazzatura in tempi di crisi rappresenta un vero e proprio spreco. Ma come comportarsi se per una ragione o per l’altra ci si ritrova ad avere a disposizione un quantitativo inaspettato di frutta o di verdura che sta per superare il punto ideale di maturazione?

Può darsi che possediate un orto molto produttivo, che dei vostri vicini o amici vi abbiano donato della frutta di loro produzione o che abbiate approfittato degli sconti sulla frutta e sulla verdura già molto matura al mercato o al supermercato. Oltre alla possibilità piuttosto ovvia di congelare ciò che si può (sempre a patto di avere spazio sufficiente a disposizione nel freezer), ecco alcune alternative possibili.

1) Essiccazione

bananas dried in glass

L’essiccazione è probabilmente uno dei più antichi metodi di conservazione della frutta, dato che perché essa avvenga basta avere a propria disposizione la luce ed il calore del sole. Si può inoltre decidere di utilizzare un essiccatoio professionale o di essiccare alcuni tipi di frutta all’interno del forno a bassa temperatura. Un essiccatore fai-da-te per l’estate può essere realizzato montando su di una cornice di legno una reticella che possa sostenere la frutta che disporrete su di essa. Che cosa essiccare? Frutti di bosco, fichi, albicocche, prugne, scorze di agrumi, banane e fettine di mela, ma anche peperoncini e pomodori.

Per conoscere maggiori dettagli sull’essiccazione degli alimenti vi potrebbe interessare leggere “Come costruire un essiccatore per alimenti homemade” e la procedura per ottenere Zucchine cotte al sole 

2) Dolci da forno

muffin

Mele, pere e banane che iniziano ad essere troppo mature possono essere utilizzate senza problemi per la preparazione di dolci da forno come torte lievitate, muffin e plumcake. Avrete il vantaggio di utilizzare come ingrediente di base della frutta molto matura, e quindi altrettanto dolce, un aspetto che vi permetterà di ridurre la quantità dei dolcificanti da utilizzare nelle vostre ricette, rendendole ancora più salutari. Le banane possono essere facilmente unite agli impasti dopo essere state affettate, spruzzate con del succo di limone e schiacciate o frullate. Le mele e le pere potranno essere tagliate a fettine o a cubetti e trasformate nel ripieno di muffin, plumcake, strudel o torte per la colazione. Un altro ingrediente adatto in tal senso sono le carote mature, anch’esse particolarmente dolci. (Leggi la ricetta del muffin vegan con polpa di mele)

3) Zuppe

Se avete acquistato della verdura matura poiché era particolarmente conveniente, utilizzatela immediatamente per la cena e preparate una buona zuppa che potrà richiedere l’utilizzo di patate, sedano, porri, cipolle, carote, zucchine, pomodori e quant’altro abbiate a disposizione. Se avete da parte alcune mele che stanno per superare il punto di maturazione, utilizzatele per la preparazione di zuppe salate in perfetto abbinamento con del sedano. Un altro importante accorgimento nella preparazione delle zuppe riguarda l‘utilizzo delle parti degli ortaggi considerate di scarto, come gambi e foglie. Soprattutto nel caso siate in presenza di verdure biologiche, non esitate ad utilizzare tali parti commestibili nella preparazione di zuppe e minestre (ciuffi dei finocchi, buccia delle carote ben lavata, parti dure degli asparagi, foglie esterne di cavoli e cavolfiori, eccetera). Ricordate che la maggior parte delle zuppe sono ottime anche se servite tiepide o fredde e possono dunque essere consumate anche in estate. Se desiderate conoscere delle apposite ricette per zuppe fresche estive, leggete qui.

4) Confetture e conserve

conserve fai-da-te

Approfittate della vasta disponibilità estiva di pomodori maturi per la preparazione di conserve casalinghe sotto forma di salsa da utilizzare lungo tutto il corso dell’anno successivo. Se avete a disposizione della frutta matura che pensate non riuscirete a consumare in tempo, mettetevi all’opera nella preparazione di confetture che potranno essere preparate senza l’aggiunta di conservanti. Per confetture dalla consistenza più densa, soprattutto nel caso utilizziate albicocche o prugne, aggiungete una mela per ogni chilo di frutta; per via del suo contenuto di pectina funzionerà come un addensante naturale. Ricordate di sterilizzare in acqua bollente i barattoli e i tappi che utilizzerete per le vostre conserve e confetture e di versarvi salse e marmellate ancora calde, subito dopo averle tolte dal fuoco.

Leggi anche la nostra guida sulle converve biologiche fatte in casa

5) Succhi, centrifugati e frullati

frullati

Avere a disposizione una centrifuga o un frullatore vi permetterà di consumare grandi quantità di frutta e di verdura più rapidamente, con sicuri benefici per la salute ed evitando di dover gettare nella spazzatura alimenti preziosi, solamente perché il loro aspetto non appare più perfetto, mentre il loro sapore potrebbe essere comunque ottimo. Datevi dunque da fare nella preparazione di frullati e di centrifugati da consumare a colazione, per uno spuntino o dopo cena. Gli abbinamenti tra diversi tipi di frutta e di verdura sono praticamente infiniti. I frullati, in particolare, sono molto gustosi e salutari, sono semplici e rapidi da preparare e per via dei loro colori vivaci saranno amati anche dai bambini che non apprezzano molto la frutta e la verdura. Potreste scoprire quanto possa essere gustoso abbinare frutta e verdura nella loro preparazione. Leggete anche le nostre 15 ricette per la preparazione di frullati supersalutari.

 Marta Albè ( fonte:greenMe.it )

Una trota da proteggere


E’ proprio vero: “Il mondo subacqueo nell’idrosfera interna concernente le nostre acque dolci, pullula di una vita ittica varia. 
trotaFario.jpgE’ un macrocosmo occulto ed affascinante giacche’di solito osserviamo gli animali che vivono sulla crosta terrestre come mammiferi ed uccelli e pensiamo poco alla vita nascosta all’occhio umano sotto il pelo d’acqua”. Grazie Giancarlo Lorenzon per questa piccola testimonianza. Per questa trota di genere “Fario” – Salmo trutta fario,  della famiglia delle Salmonidae.
trota fario ph.jpg
La Fario, mi spiega Giancarlo, e’ un pesce autoctono europeo che si spinge fino ai lontani Urali. E’ la trota più comune e ha sempre abitato le nostre acque soprattutto i grandi fiumi come Piave, Livenza e Sile.Non tollera temperature idriche superiori i 21 C. Si riproduce in mesi autunnali sino a marzo deponendo uova su fondali ghiaiosi e ciottolosi, mentre i colleghi ciprinidi fregano nelle idrofite.Secondo Giancarlo, la Fario è un’icona di pesce principe che pero’ e’ sempre più’ minacciato da inquinamenti, asportazioni sconsiderate d’acqua per fattori agricoli e industriali ed escavazioni per georegimazione delle acque.

Salmo_trutta_fario_5.jpg
“Gia’ il Temolo e’ in via d’estinzione nelle nostre acque – solo nel Livenza  nuota qualche esemplare autoctono ed endemico: mi dispiacerebbe perdere questa specie pinnuta dalla livrea isabellina punteggiata di un rosso rubino”.
Già. Dispiacerebbe anche a me. Anche i pesci soffrono.
 
Macri Puricelli
 

Estate Ecologica News

Rubrica a cura di Sabrina Parini

 Famiglie                        d’Italia

 
 

Rifiuti elettronici e pasta con carboidrati a zero calorie ( Estate Ecologica News )

agosto 1, 2012

Rifiuti elettronici: Nuova normativa europea. Dal 2014 obbligo di ritiro nei grandi negozi. ( 1 contro 0 )

Rifiuti elettronici. Lo scorso 24 luglio è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale Europea la nuova Direttiva sui Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE), che andrà ad arricchire la legislazione comunitaria in materia. La principale novità riguarda il fatto che i grandi esercizi commerciali avranno l’obbligo di ritirare gratuitamente i piccoli elettrodomestici anche senza l’acquisto di un prodotto nuovo equivalente.

L’uno contro uno, valido dal 2010, il 14 febbraio 2014 (data in cui la direttiva dovrà essere recepita dai singoli stati) lascerà il posto al ritiro senza condizioni dei vecchi elettrodomestici da parte dei negozianti, l’uno contro zero che riguarderà però i rifiuti elettronici di piccole dimensioni. Infatti, mentre la precedente direttiva obbligava i commercianti a ritirare gratuitamente un dispositivo elettronico per ogni acquisto effettuato dal cliente, tra qualche anno non sarà più così.

Da cosa nasce tale revisione della normativa vigente? Semplice. Entro il 2016 dovranno essere raccolte 45 tonnellate di RAEE ogni 100 tonnellate di nuovi apparecchi elettronici immessi sul mercato. E dal 2019 tale cifra salirà a 65 tonnellate. E in Italia? Il nostro paese dovrà passare da una media pro-capite attuale di circa 4,2 kg per abitante a circa 7,5 kg per abitante nel 2016 e a 10 kg/abitante nel 2019.

Scopo della Direttiva comunitaria è quello del corretto smaltimento dei RAEE con la conseguente riduzione della presenza di sostanze pericolose tra cui il mercurio, il cadmio, il piombo, il cromo esavalente, i difenili policlorurati (PCB) e altre sostanze che riducono lo strato di ozono. Nonostante l’impegno dell’Ue, questi veleni sono ancora presenti in quantità troppo elevate e potenzialmente dannose per la nostra salute, anche a causa delle differenti politiche di riciclaggio tra i vari stati. Da qui la necessità di stringere ancora la cinghia.

Per questo la nuova direttiva punta anche alla prevenzione della produzione di RAEE e attraverso il loro riutilizzo, riciclaggio e altre forme di recupero, alla riduzione del volume dei rifiuti da smaltire. Senza contare che il recupero di alcuni materiali presenti nei rifiuti elettronici costituiscono una vera fonte di ricchezza. Un recente studio del Solving the E-waste Problem ha evidenziato che i rifiuti elettronici valgono più dell’oro.

Oggi è stato fatto un altro passo avanti per rendere più efficiente il sistema di recupero e riciclo dei RAEE“, ha detto Danilo Bonato, Direttore Generale di ReMedia. “Nella stesura finale la nuova direttiva apporta alcune novità rilevanti, in particolare per quanto riguarda gli obiettivi di raccolta. Tra quattro anni, infatti, in Italia dovremo raccogliere il 45% delle apparecchiature immesse sul mercato, target che sale al 65% calcolato sui tre anni precedenti o in alternativa l’85% sul totale dei RAEE generati dalle famiglie italiane”.

Conclude: “Ci auguriamo che, partendo da quanto è già stato fatto oggi, queste innovazioni siano di forte impulso per dare una svolta decisiva alla raccolta e al riciclo dei rifiuti tecnologici in Italia. Ritengo che i nuovi, importanti obiettivi siano alla portata del nostro Paese ma sarà necessario lavorare in modo sinergico con tutti i principali soggetti della filiera RAEE“.

Francesca Mancuso ( fonte:greenMe.it )

 

Pasta shirataki: carboidrati a zero calorie

È opinione comune quando si è a dieta, eliminare i carboidrati dalla nostra alimentazione quotidiana. Certo, non è mai facile restare lontani dalla pasta, soprattutto per i più affezionati.

La soluzione arriva dal Giappone e si chiama pasta shirataki, una pasta dietetica che abbassa i livelli di zuccheri nel sangue.

La normale pasta di grano, infatti, tende a far salire la glicemia nel sangue, provocando in molti casi degli scompensi. Con la pasta shirataki questo problema non si pone, essendo una pasta povera di carboidrati, che non contiene glutine né calorie ed è ricca di fibre. I pochi carboidrati della pasta shirataki, poi, non sono una minaccia per la nostra linea perché solo una piccola quantità di essi viene digerita.

Le tagliatelle shirataki sono prodotte partendo dalla radice della pianta amorphophallus Konjac, presente in diverse parti dell’Asia. La caratteristica principale di questa pianta è la glucomanna, una fibra che ha un ruolo attivo nel controllo del colesterolo e del glucosio nel sangue. Ma soprattutto favorisce la perdita di peso.

A confermarlo sono stati alcuni ricercatori tailandesi, sostenendo che anche un solo grammo di glucomanna diminuirebbe di molto l’assorbimento di glucosio nel sangue dopo aver mangiato carboidrati. Un’altra novità della pasta shirataki è che può essere consumata appena tolta dalla confezione dopo essere stata sciacquata bene. Le tagliatelle shirataki si trovano in due diverse varietà: tofu e yam, che possono essere condite a proprio piacimento.

Provate a cucinare le tagliatelle saltandole in padella, con il vostro sugo preferito o secondo le tipiche ricette asiatiche per mangiare qualcosa di diverso. Gusto e qualità sono garantiti.

Curiosi di assaggiare la nuova pasta shirataki? Provate a cercarla nei negozi biologici e riprendete a fare scorta di carboidrati ma…a calorie zero!

( fonte: Arturo )

Estate Ecologica News

Rubrica a cura di Sabrina Parini

 Famiglie                        d’Italia

Estate ecologica ( Famiglie d’Italia Green News )

luglio 27, 2012

Il catamarano fotovoltaico che ha fatto il giro del mondo senza carburante

Di Roberto Cicchetti | 26.07.2012 17:01 CEST

( Il catamarano ormeggiato a Las Palmas )

Ci ha messo due anni percorrendo 60mila km alla velocità di 15 nodi (27 km/h), però l’ha fatto senza utilizzare una sola goccia di carburante. Sfruttando i 537 mq di pannelli fotovoltaici che occupano tutto il ponte ha prodotto 260mila KWh di energia. È il Turanor, il catamarano svizzero di 35 metri comandato da Eric Dumont che ha attraccato ieri a Cagliari dopo aver compiuto il giro del mondo. “Sono contento che siamo riusciti a dimostrare che si può navigare attorno al mondo per più di due anni – dice il comandante – senza consumare un solo litro di carburante, rispettando l’ambiente e utilizzando solo l’energia solare. La nostra unica pecca è la velocità, 15 nodi, 27 km all’ora, ma il messaggio è quello che deve arrivare in prospettiva del 2050, quando non ci sarà più petrolio. Pensiamoci adesso”

Per Piergiorgio Massidda, presidente della Port Authority cagliaritana ”è l’occasione che sognavo: trasformare lo scalo in green port, dopo la presentazione dell’Air pod, auto ad aria compressa, che con un litro d’aria compressa percorre oltre 100 chilometri a Cagliari vogliamo tracciare una nuova strada per la navigazione”.

 

Ritenzione idrica: 5 rimedi naturali

( Creato Giovedì, 26 Luglio 2012 17:34 Scritto da Marta Albè. Fonte: greenMe.it )

 

Rimedi naturali per la ritenzione idrica– Sono numerose le donne che lamentano di soffrire di ritenzione idrica, un disturbo che spesso si accompagna alla comparsa della cellulite. Le regole di base per contrastare la formazione della ritenzione idrica, anche nel caso in cui essa sia già presente, consistono nello svolgere un’attività fisica regolare e nel seguire un’alimentazione che preveda un’ingente consumo di frutta e verdura e che limiti dolciumi e snack confezionati poco salutari. Oltre a bere almeno 2 litri di acqua al giorno, possibilmente la mattina.

Il fenomeno spesso comporta, oltre alla ritenzione di liquidi, un accumulo di tossine che l’organismo non si rivela in grado di eliminare in tempi brevi, per via di problemi che possono essere legati sia alla circolazione sanguigna che linfatica.

In alcune donne il problema della ritenzione idrica si acuisce nei momenti del ciclo interessati da un innalzamento del livello degli estrogeni. Con l’aiuto del medico e dell’erborista sarà possibile individuare i rimedi naturali più adatti per alleviare i disturbi legati ad essa. Eccone alcuni.

1) Succo di mirtillo

Se la ritenzione idrica è legata a problemi di circolazione, che non è in grado di funzionare a dovere per una completa ed efficace eliminazione delle tossine, è bene arricchire la propria alimentazione con del succo di mirtillo puro, adatto ad agire positivamente sulle funzionalità dei capillari. Al succo di mirtillo possono essere abbinati il consumo degli stessi frutti da cui esso è ricavato e l’impiego di integratori fitoterapici a base di estratto di mirtillo, da scegliere su suggerimento del medico e dell’erborista.

2) Alimentazione iposodica

In alcuni casi la ritenzione idrica può essere causata da un‘alimentazione eccessivamente ricca di sodio per via dell’utilizzo smodato del comune sale da cucina o per la consuetudine di consumare snack salati in maniera troppo frequente. Si potrebbe dunque provare ad eliminare per un po’ la saliera dalla tavola da pranzo e a ridurre la quantità di sale utilizzato durante la cottura delle pietanze. Esso verrà sostituito dall’impiego di spezie e di erbe aromatiche. E’ inoltre consigliabile diminuire il consumo di zucchero e di dolci confezionati in generale, oltre che di alimenti dall’eccessivo contenuto di grassi saturi.

3) Foglie di betulla

Le foglie di betulla vengono utilizzate per la preparazione di infusi, spremute, estratti, oli da massaggio e rimedi fitoterapici adatti a combattere la ritenzione idrica nel caso essa sia legata ad eccessi alimentari, come il consumo di alimenti troppo grassi o salati, oppure a problemi di circolazione.

L’estratto di betulla è un rimedio ottenuto dalla macerazione alcolica delle foglie e, come la spremuta di betulla, può essere preparato dall’erborista.

L’infuso invece può essere preparato autonomamente versando in una scodella colma d’acqua bollente due cucchiai di foglie di betulla essiccate e filtrando successivamente.

4) Gambo d’ananas

Il gambo d’ananas è ritenuto un’eccellente aiuto naturale per combattere la ritenzione idrica. Esso viene utilizzato per la preparazione di integratori fitoterapici in capsule, estratti in polvere o tinture madri. E’ considerato adatto a contrastare il problema della ritenzione idrica per via delle sue proprietà amtiedematose, che facilitano cioè il drenaggio dei liquidi, favorendo inoltre la circolazione, anche nel caso in cui si tema il pericolo di formazione di coaguli di sangue, e l’eliminazione delle tossine accumulate dall’organismo.

5) Tarassaco

Il tarassaco rappresenta il rimedio ideale per chi soffre di problemi di ritenzione idrica e desidera aiutare il proprio organismo a depurarsi. Con foglie e radici di tarassaco acquistabili in erboristeria, o da raccogliere in zone collocate lontano dal traffico e da lasciare essiccare, può essere preparato un infuso diuretico da consumare alla mattina o alla sera secondo le indicazioni fornite dall’erborista o dal medico.

L’estratto di tarassaco si trova inoltre in vendita in forma liquida o di compresse fitoterapiche, la cui assunzione potrebbe variare a seconda dell’entità del problema.

Marta Albè

Rubrica a cura di Sabrina Parini

Famiglie                        d’Italia

 

Non lasciamoli soli… ( Famiglie d’Italia S.O.S. Estate 2012 )

giugno 27, 2012

ABBANDONO CANI: OLTRE 500MILA I RANDAGI IN ITALIA ( di Roberta Ragni, fonte: greenMe.it )

Quando arriva l’estate, tempo di sole, di mare, di vacanze e, purtroppo, anche tempo di abbandoni, il guinzaglio può trasformarsi in un cappio al collo. Per ricordare agli italiani che abbandonare un cane equivale a condannarlo a morte, il Ministero della Salute ha lanciato una campagna di sensibilizzazione e prevenzione del randagismo, con uno spot esplicativo e duro in cui la cordicella a cui è legato un cane si trasforma in un mortale cappio, che andrà in onda fino al 10 luglio sulle reti Rai.

In Italia si stima ci sia un numero di cani randagi che oscilla tra i 500 mila e 700 mila animali. “I cani randagi non sono aumentati, ma non vengono denunciati– ha spiegato il sottosegretario alla Salute con delega alla Sanità pubblica veterinaria Adelfio Elio Cardinalela campagna contro il randagismo è un contributo alla cultura di civiltà. Se riusciremo a salvare anche un solo animale dall’abbandono avremo raggiunto un risultato. E non bisogna dimenticare che si tratta di un reato“.

Non tutti gli animali “vaganti” –così vengono chiamati in gergo tecnico i pelosi senza padrone, sono veri randagi ma molti di essi un proprietario ce l’hanno o lo hanno avuto: “nella maggior parte dei casi un cane randagio è un cane che è stato abbandonato. La ‘maglia nera’ in questo caso spetta alla Campania“, dove ci sono circa 66.500 cani randagi. Davvero troppi rispetto, ad esempio, ai 500 della Toscana. Secondo Cardinale, “la sensibilità nei confronti di questo tema sta cambiando negli ultimi anni in Italia, ma occorre dare un ulteriore contributo a questa battaglia culturale, di civiltà. Il ministero si è attivato istituendo un tavolo con le associazioni animaliste e con questa campagna, ma c’è bisogno di un lavoro di sistema per ottenere dati certi e iniziare una collaborazione fattiva per difendere i diritti di chi non ha voce, come gli animali“.

Sono, invece, quasi 6 milioni (5.815.727 per l’esattezza, dato che comprende anche i cani ospitati nei 915 canili/rifugi nazionali e iscritti a nome dei Comuni) i cani di proprietà iscritti all’anagrafe nazionale degli animali d’affezione. Ma, in realtà, i numeri potrebbero essere molto più alti, visto che “circa il 50% dei proprietari potrebbe non aver registrato il proprio animale all’anagrafe e questo è un problema rilevante“, ha detto Cardinale. A tal proposito, Gaetana Ferri, direttrice generale della Sanità animale e dei farmaci veterinari, ha ricordato che “il possesso di un animale comporta responsabilità e l’abbandono è un reato“. Quanto ai canili sanitari, ha detto la Ferri, il loro numero “è troppo elevato e le strutture sono sovraffolate. Questo dimostra che il problema del randagismo esiste: è necessaria una azione di sensibilizzazione forte contro l’abbandono dei cani“.

In attesa di vedere in tv lo spot del Ministero, tra i numerossisimi video girati negli anni per combattere questa orrenda abitudine estiva degli italiani, vi lasciamo con il simpatico ed efficace corto realizzato dalla Ferrafilm, «L’abbandono di un cane», vero e propio viral con oltre 600.000 visite su youtube. Con ironia velatamente misogena, ecco perché non abbandonare un cane è meglio di continuare a tenersi che una fidanzata che ti stressa:

 

 
Roberta Ragni ( greenMe.it )

 

Famiglie  d’Italia