Posts Tagged ‘Idv’

La politica di oggi è volgarità e cattiveria: non ci appartiene!

aprile 8, 2011

Io arrivo sempre dopo con i miei commenti sui fatti quotidiani di rilevanza nazionale: non è una mia innata lentezza nel mettermi in moto, ma il desiderio di prendermi sempre almeno un giorno in più di riflessione prima di esprimere le mie opinioni, cercando di mantenere un profilo il più possibile trasversale in modo da non offendere i ” credi ” altrui. Ma quanto sta accadendo nel nostro Parlamento è sempre più indifendibile: la volgarità e la cattiveria hanno toccato l’apice e noi cittadini non ci identifichiamo più in coloro che abbiamo contribuito ad eleggere e, sempre più spesso, ci vergogniamo. La foto in alto a sinistra è l’immagine del momento più basso e cattivo di questo periodo nero. (more…)

Tutti contro tutti e tutto: la Seconda Repubblica verso il fallimento

novembre 1, 2010

Quando in un Paese si combatte per distruggere e non per costruire… il suo destino è inesorabilmente segnato. Da quando è nata la Seconda Repubblica ogni più rosea speranza ed aspettativa dei cittadini partecipanti al progetto sono state tradite e vanificate: indipendentemente da chi abbia governato. Riferendosi agli ultimi due governi, quello di Prodi e di Berlusconi, l’esempio di fallimento e tradimento del rispetto degli interessi collettivi a favore di quelli personali appare sempre più evidente… lapalissiano! Il centro sinistra di Prodi è imploso per le rivendicazioni e le lotte delle minoranze interne determinanti per i loro ” no “, il centro destra di Berlusconi si sta disintegrando per gli stessi motivi, con l’aggiunta dell’odio che si porta dietro da 18 anni, odio che sta avvolgendo e dilaniando l’intera Italia. (more…)

Sacrifici ai calciatori, un atto di giustizia e di equità

giugno 7, 2010

I soldi che guadagnano divi, manager e calciatori sono sempre troppi e volgarmente spropositati: sono un perenne insulto alla crisi, ai disoccupati, ai cassaintegrati ed agli stipendi decurtati. Ma la colpa principale è nostra, perché quando un nostro idolo si lamenta di guadagnare solo un milione di euro all’anno…  invece di invitarlo ad  ” andare a lavorare ” veramente, noi gli diamo ragione e lo commiseriamo, come fosse ridotto in mutande. Come pure accettiamo le più grandi stravaganze da parte di  ” star ” nazionali ed internazionali, quasi fossero comportamenti naturali e fosse loro doveroso perdonare tutto. Benché le nostre tasche vuote(more…)