Posts Tagged ‘La stampa.it’

Meno carne, si vive meglio e più a lungo ( Famiglie d’Italia Salute News )

giugno 7, 2013

dieta

Dieta vegetariana: si vive più a lungo

( minor rischio di morte per malattia con la dieta verde: fonte: Salute – La Stampa )

La dieta vegetariana ridurrebbe il rischio di morte per le diverse cause e malattie. Foto: ©photoxpress.com/Piotr Przeszlo

Chi segue una dieta vegetariana è stato trovato essere a più basso rischio di morte per le diverse malattie, e in particolare per quelle cardiovascolari.
lm&sdp
Più protezione dalle malattie e vita più lunga per chi sceglie di alimentarsi vegetariano.
Questo quanto affermato da un nuovo studio riportato su JAMA Internal Medicine.

Come suggerito da precedenti studi, la protezione offerta dalla dieta verde si otterrebbe nei confronti di diverse malattie croniche e potenzialmente mortali come, per esempio, l’ipertensione.
Ma in questo nuovo studio, l’accento è stato posto sulla riduzione del tasso di mortalità per tutte le cause. Qui, il dottor Michael J. Orlich e colleghi della Loma Linda University in California hanno analizzato i casi di morte per tutte le cause e per causa specifica di oltre 73mila uomini e donne.

Dopo aver raccolto le risposte a un questionario sulle abitudini alimentari e la dieta seguita dai partecipanti, i ricercatori hanno diviso i volontari in cinque distinti gruppi, o categorie: i non-vegetariani (o onnivori); i semi-vegetariani; i pesco-vegetariani (ossia quelli che di animale mangiano solo pesce, compresi i frutti di mare); i lacto-ovo-vegetariani (quelli che mangiano anche uova e latticini e, infine, i vegani (quelli che non mangiano alcun prodotto di origine animale).

I risultati finali hanno mostrato che durante il periodo medio di follow-up, di quasi 6 anni, ci sono stati 2.570 decessi. Il tasso di differenza tra le morti avvenute tra gli onnivori e i quattro gruppi di vegetariani variava da uno 0,88 per cento a un 12 per cento, con una maggiore riduzione di questo tasso di mortalità tra i vegetariani.

Sebbene la causalità non sia del tutto chiara, è risultato evidente che vi era una maggiore riduzione del rischio di morte tra le persone che seguivano una dieta vegetariana. In più, l’associazione sembra favorire gli uomini, piuttosto che le donne, con una significativa riduzione nella mortalità per malattie cardiovascolari, ischemie e altri eventi cardiaci.
I ricercatori concludono pertanto che vi è un’associazione tra la dieta vegetariana e la riduzione del rischio di morte per le diverse malattie croniche, rispetto alla dieta onnivora.

fonte: Salute – La Stampa

Famiglie  d’Italia

Come scoprire la celiachia in tempo ( Famiglie d’Italia Salute News )

Mag 19, 2013

provette--330x185

Basterà un esame del sangue per scoprire la celiachia

( fonte: La Stampa .it )
Il test sviluppato dai ricercatori dell’Istituto pediatrico Gaslini
con l’Università di Verona
Alessandra Pieracci
Genova
Un test, sviluppato in anni di lavoro dai ricercatori dell’Istituto pediatrico Gaslini in collaborazione con l’Università di Verona, consente, grazie a una semplice analisi del sangue, di verificare se un soggetto predisposto alla celiachia si ammalerà o no (con un anticipo che varia da pochi mesi fino a sei anni). Si tratta di una diagnosi precoce importante soprattutto per i casi a sintomatologia atipica o silente. Il test è stato brevettato ed è pronto per un’utilizzazione pratica diffusa. Per il momento si può effettuare presso i laboratori del Gaslini. E’ un aiuto, come spiega il professor Antonio Puccetti del Laboratorio di Immunolo gia Clinica e Sperimentale del Gaslini (che ha lavorato con il professor Claudio Lunardi e la dottoressa Giovanna Zanoni di Verona) nella complessa battaglia contro una patologia benigna sì, ma molto diffusa.

La celiachia è la patologia più frequente delle malattie autoimmuni, prima ancora dell’artrite reumatoide (una persona su 100-150 in Nord America ed Europa), per un totale di 600 mila in Italia, anche se la diagnosi riguarda solo un settimo di chi ne soffre, perché ne esistono forme silenti: 135800 casi in Italia nel 2011, contro i 6000 del 2005, con un aumento del 19% l’anno. Nei bambini blocca la crescita, provoca forti dolori e disturbi intestinali, negli adulti può causare l’infertilità nelle donne, l’anemia negli uomini, in alcuni casi dermatite erpetiforme (il 5% dei celiaci diagnosticati), ma anche quadri neurologici che simulano la sclerosi multipla, come la demienilizzazione, di fatto la debolezza muscolare. L’opportuna dieta priva di glutine cancella i sintomi neurologici e l’infertilità, le dermatiti devono invece essere curate con farmaci.

Lo studio del Gaslini, pubblicato sulla rivista Immunologic Research, dimostra la possibilità di prevedere l’insorgenza della malattia prima del su esordio e della positivizzazione dei test diagnostici classici. I soggetti affetti da celiachia, ma non i soggetti sani, producono anticorpi diretti contro una particolare proteina del virus, detta VPZ. Studianto una casistica di oltre trecento bambini genericamente predisposti a sviluppare la celiachia (scelti tra piccoli affetti da diabete di tipo 1 per poter utilizzare prelievi di sangue che comunque i piccoli avrebbero dovuto effettuare) si è verificato che circa il 10 % dei soggetti analizzati ha sviluppato la malattia nel corso del follow up, e si trattava dei bimbi nel cui sangue comparivano già dieci anni prima gli anticorpi diretti contro la proteina VP7 del Rotavirus. Sono gli anticorpi che riconoscono anche una proteina presente sulla superficie di tutte le cellule intestinali e quindi interagendo destabilizzano la barriera intestinale danneggiando l’impermeabilizzazione e lasciando così aperta una via di ingresso al glutine, contro il quale viene rivolta la risposta infiammatoria che si sviluppa da parte del sistema immune dei soggetti celiaci.

Accertata la previsione di malattia, si potrà procedere con analisi del sangue semestrali per intervenire all’immediata insorgenza: una dieta preventiva infatti è inutile, oltre che costosa, dato che l’assistenza sanitaria italiana contribuisce all’alimentazione speciale solo dopo diagnosi effettuata con analisi del sangue, che verifica la presenza di particolari anticorpi diretti contro un enzima, Translutaminasi, e con gastroscopia (per effettuare una biopsia).

«La celiachia è una patologia subdola – dice il professor Lorenzo Moretta, direttore scientifico del Gaslini – che può portare danni notevoli a un organismo in accrescimento, quindi una diagnosi precoce è importantissima». Come spiega il professor Puccetti, la celiachia è una malattia cronica dell’intestino tenue, dovuta a una intolleranza al glutine (proteina contenuta nel frumento, orzo, segale e avena) assunto attraverso la dieta. La predisposizione è genetica, riconducibile alla presenza di uno di due geni, HLADQ2 o DQ4, ma non si tratta di una malattia genetica, ovvero inesorabile se i geni sono presenti. Ci si può ammalare o no, e questo nuovo test può stabilirlo in anticipo.

Fonte:  La Stampa.it ( Scienza 15/05/2013 – salute )

Famiglie  d’Italia

Meno sale e più attenzione ai reni: prevenire è sempre meglio che curare ( Famiglie d’Italia Salute news )

marzo 12, 2013

Settimana-meno-sale

Salute: indetta la settimana con meno sale

E’ noto che consumare cibi troppo salati faccia male alla salute ed aumenta il rischio di ictus. L’Organizzazione mondiale della Sanità, ha stabilito la giusta quantità di sale da assumere in una giornata, che si aggira intorno ai 5 gr per gli adulti, e ancor meno per i più piccoli. A quanto pare, mediamente, il consumo di sale pro-capite giornaliero è di ben 10 gr, quindi il doppio del previsto

Per limitare un po’ il consumo di sale, nella settimana che va dall’11 al 17 marzo, è stata indetta una campagna informativa, nata per sensibilizzare le persone su questo argomento. Il Gruppo di lavoro intersocietario per la riduzione del consumo di sodio in Italia (Gircsi) e gli Esperti della società italiana di nutrizione umana (Sinu), hanno comunicato l’inizio della campagna promossa dal Wash (World Action On Salt and Health).

La campagna indetta, il cui slogan è “Meno sale più salute nei pasti fuori casa”, vedrà coinvolti anche le strutture mediche e le aziende attive nel campo della ristorazione.

by UominiDonne

Non solo Uomini e Donne

 

rene

Prevenzione, giovedì è la Giornata mondiale del rene

Controlli e consigli gratuiti al Massaja

v. fa. (by Salute – La Stampa)

<!–

–>

Giovedì è la Giornata Mondiale del Rene, promossa dalla Società Italiana di Nefrologia (Sin) e dalla Fondazione Italiana Rene (Fir).

 Il personale medico e infermieristico dell’ ambulatorio di Nefrologia e Dialisi dell’Asl allestirà una postazione informativa nella hall del Massaja (dalle 8.30 alle 11.30). Saranno distribuiti opuscoli informativi. Inoltre, con la misurazione della pressione arteriosa, saranno anche forniti consigli sullo stile di vita e dietetici per prevenire la malattia perché “una corretta educazione sanitaria aiuta i cittadini nella prevenzione e consente di conoscere i pericoli delle malattie renali”. In Italia 6 milioni di persone che soffrono di una malattia renale: si prevede che entro la fine dell’anno 2,5 milioni di pazienti saranno trattati con emodialisi nel mondo, di questi 50.000 in Italia.
“Meglio tenere sotto controllo la pressione arteriosa, effettuare l’esame urina e il dosaggio della creatinina – consiglia Fulvia Caligaris, direttore Nefrologia e Dialisi – questi piccoli accorgimenti, gestiti con esperti sanitari, ci permettono di identificare una malattia renale in fase precoce, e quindi prevenirne e rallentarne l’evoluzione”. Per informazioni sulla Giornata Mondiale del Rene: ambulatorio di Nefrologia, 0141/486505.

by La Stampa.it Salute

Famiglie  d’Italia

“Semaforina”, stop alle metastasi ( Famiglie d’Italia news )

luglio 29, 2010

Tra le notizie importanti, ma che sempre più spesso passano in secondo ordine per dare spazio e risalto alle solite ed incessanti scaramucce politiche , apparre importante quella relativa alla scoperta di una proteina in grado di fermare il diffondersi delle metastasi: la ” semaforina “. Certi di rendervi un gradito servizio abbiamo scelto un articolo a riguardo  pubblicato su ” La Stampa.it “, a firma di  Marco Accossato. (more…)

Emergenza acqua nel mondo ( news, scelte per voi )

marzo 23, 2010

Notizia presa da WWW.PROMISELAND.IT , a cui è stata segnalata da Andreina Giacomelli ed inserita da Daria Mazzali della Redazione Promiseland.it

 

Emergenza acqua  – Muoiono quasi 5 milioni di persone all’anno, mentre il 12% della popolazione usa l’85% delle risorse idriche 22-03-2010 – ( Fonte: La Stampa.it ) (more…)