Posts Tagged ‘Pen’

Nucleare sì, nucleare no… questo è il dilemma?

settembre 8, 2010

Vogliamo lanciare un sondaggio: ” SI o NO al nucleare ” , le motivazioni ed eventualmente un articolo, il nostro blog è ; http.ourplanetlife.wordpress.com
Marialuisa della redazione di
http://www.ourplanet.it

Questo messaggio arriva sul nostro blog da Marialuisa della redazione di un altro blog, molto interessante e che vi invito ad andare a visitare: ourplanet life. Se desiderate aderire all’invito potete contattare direttamente Marialuisa ( marialuisacerchio@gmail.com ). (more…)

A Ballarò si discute su Berlusconi e Fini, a Bari con Asita si parla di scelte energetiche e di compatibilità ambientale.

dicembre 2, 2009

 ” In Puglia, nodo nevralgico del commercio e dei contatti politico-culturali con l’Est e il Mediterraneo, sede e crocevia di antiche civiltà, ASITA celebra quest’anno la tredicesima Conferenza. Nessuna sede può, meglio di Bari, interpretare l’esigenza di internazionalizzare le attività scientifiche e culturali; da Bari parte la sfida per dare al nostro Paese il ruolo che gli compete nel Mediterraneo. “… Come Famiglie d’Italia, noi siamo presenti dall’1 al 4 dicembre con la Consulta Geodomotica Lombarda e con Fare Ambiente Lombardia ( grazie a  Giorgio Pastorino, Paolo Francesco Rodogna e Mauro Langfelder ) in tre sessioni poster delle ventitrè previste. Il che per confermare che non tutti in Italia si limitano a presenziare a dibattiti e polemiche televisive, tipo quelle di ieri sera a Ballarò, per non tralasciare Porta a Porta ( caso Brenda-Marrazzo ) e Matrix ( no a nuovi minareti in Svizzera ), bensì esiste, per fortuna, una parte attiva che lavora e si adopera per trovare soluzioni a problemi che ci riguardano immediatamente o che lo faranno in un futuro molto prossimo. (more…)

LINEE GUIDA AL PIANO ENERGETICO

ottobre 29, 2009

mauroNei giorni precedenti grazie alla collaborazione dell’ing. Mauro Langfelder, Presidente di Fare Ambiente Lombardia e responsabile della Consulta GeoDomotica di Milano, è stato possibile proporvi alcuni articoli informativi sulle varie forme di approvvigionamento energetico. Oggi, per concludere la veloce carrellata, vi  presento, riassunti brevemente e gentilmente messi a disposizione dall’autore, i dieci punti relativi alle linee guida per la creazione di quel piano energetico nazionale ( PEN ) di cui l’Italia, ultima fra le grandi in materia, è tuttora sprovvista. La Consulta GeoDomotica Lombarda, con l’intento di colmare il gap con le altre nazioni, ha dato ufficialmente il via alla sua progettazione nel corso della riunione  tenutasi a Milano tl 20 ottobre 2009. (more…)

Le cinque generazioni del nucleare e le scorie

ottobre 27, 2009

Sempre a cura dell’ing. Mauro Langfelder, presidente di Fare Ambiente Lombardia e della Consulta GeoDomotica Lombarda, nata anche per sopperire in qualche modo al ” vuoto cognitivo ed operativo in materia ” causato dalla  mancanza di un piano energetico nazionale ( PEN ), riprendiamo a parlare delle fonti energetiche: dopo energie rinnovabili, carbone e gas, oggi è la volta del  ” nucleare “, un termine che solo a pronunciarlo incute da sempre timore.

nucle” Il 17,8 %, cioè quasi un quinto, del fabbisogno energetico italiano oggi ci deriva dal nucleare, ma è tutto di importazione. D’altronde per un po’ di anni, essendo realisti, non ce ne allontaneremmo molto. Se anche in quindici mesi potessero essere riavviati Caorso e Trino Vercellese ( è un’ipotesi improbabile in termini di piena fruibilità ), non ci discosteremmo molto da quel dato. … Ma qui si pone subito il problema delle ” cinque generazioni del nucleare “, che per essenzialità assegniamo ad altrettante ventine di anni di ciclo di vita piena. (more…)

L’OCSE accusa: l’Italia non ha un suo piano energetico

ottobre 22, 2009

Il 20 ottobre alle ore 16 presso la sede del Collegio degli Ingegneri ed Architetti di Milano, in corso Venezia 16, si è riunita la Consulta GeoDomotica Lombarda su richiesta del Presidente di Fare Ambiente Lombardia, ing. Mauro Langfelder. Scopo della riunione individuare delle linee guida atte alla creazione di quanto l‘OCSE( Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico ) ci accusa di totale carenza: un piano energetico  in grado di permetterci di affrontare le esigenze future del nostro Paese. Infatti, grazie a politiche sconsiderate sotto l’avallo di organizzazioni ecologiste non all’altezza del compito loro assegnato, l’Italia si ritrova nell’affanno continuo di acquistare altrove ciò che avremmo potuto produrre noi, riscoprendoci, inoltre, discarica consenziente di scorie internazionali altamente inquinanti. (more…)