Posts Tagged ‘pesce’

Il decalogo Andid per una dieta intelligente ( Famiglie d’Italia Salute News )

aprile 24, 2012

Carissimi amici, andiamo verso l’estate ed il problema ” peso ” attanaglia la maggior parte di noi. Molti speculano sulle nostre debolezze e le ” diete fai da te “,  usando il metodo o farmaco più accattivanti nella loro presentazione, imperversano ovunque. Io invito alla prudenza ed ad un uso appropriato della propria intelligenza. Non esistono i miracoli e nulla si raggiunge senza privazioni e sacrifici, per cui, quando mi capita all’occhio qualche interessante argomentazione al riguardo, mi attivo subito per offrirlo anche alla vostra conoscenza. Oggi vi propongo questo interessantissimo ed equilibrato post pubblicato da inGusto :

La dieta inizia da un’alimentazione corretta. Il decalogo dell’Andid 

“Chi va piano, va sano e va lontano”, dice un proverbio della tradizione popolare. E a quanto pare, seppur antico, non perde di attualità, neppure in materia di diete. Secondo quanto riportato dai dietisti dell’Andid in occasione del 24esimo Congresso Nazionale, in Italia quasi la metà della popolazione è in sovrappeso, molti tentano la strada della dieta, ma con risultati insoddisfacenti. Pechè?

A quanto pare, sempre più spesso (addirittura nel 90% dei casi) si sceglie una dieta last minute, drastica fin dall’inizio nel tentativo di raggiungere il peso forma nel più breve tempo possibile. 

E se i primi risultati sembra si possano raggiungere subito, non sarà altrettanto facile mantenere la tanto agognata forma fisica perfetta. 

In questo periodo dell’anno, fanno notare dall’Andid, si può osservare un boom di diete precipitose, alla ricerca del peso forma in vista dell’imminente prova bikini. I dietisti, invece, suggeriscono l’estate, come periodo migliore dell’anno in cui intraprendere una dieta che sia sostenibile tanto durante, quanto in seguito, nei mesi più freddi, senza doversi per forza rassegnare a veder tornare l’ago della bilancia sulle cifre di qualche mese prima.

La raccomandazione, in sostanza, è sempre la stessa: evitare il fai da te rivolgendosi, invece, a professionisti del settore in grado di assegnare ad ognuno la terapia alimentare più idonea. 

Insieme a questa, fondamentale, regola, dal Congresso giunge anche un vademecum, una sorta di decalogo della dieta bilanciata:

1. Non saltare mai i pasti, prima di tutto la colazione.
2. Ad ogni pasto, includere una porzione di carboidrati, privilegiando quelli integrali, e una di verdure.
3. Per gli spuntini (non più di due al giorno) scegliere preferibilmente la frutta.
4. Limitare il consumo dei formaggi a 2-3 volte alla settimana.
5. Mangiare pesce almeno 2 volte a settimana. 
6. Utilizzare almeno 2-3 volte a settimana piatti unici come zuppe di legumi, insalatone con uova, prosciutto cotto o mozzarella o tonno, pasta o riso freddo, sempre accompagnati da una porzioni di verdura o, nel caso dell’insalatona, una porzione di pane.
7. Condire la pasta preferibilmente con ingredienti vegetali, limitando il consumo di sughi ricchi.
8. Evitare la compresenza, nello stesso pasto, di alimenti con stessa funzione nutritiva, come carne e formaggio o pane e pasta.
9. Circoscrivere il consumo dei dolci alla colazione, o al fine pasto, evitandoli al di fuori.
10. Bere almeno 1,5-2 litri di liquidi al giorno, che siano acqua o bevande, purchè non zuccherate.

Come fa notare Giovanna Cecchetto, presidente Andid, nessun alimento va totalmente abolito: un mito da sfatare, perchè non è necessario bandire dalla propria dieta aperitive e happy hours, sanck e bibite, solo è importante sapere quali sono i momenti, e le condizioni migliori, per concederseli.

Altrettanto per le proteine: in condizioni normali ne consumiamo già più di quanto dovremmo (1,2 grammi al giorno), mentre diete come la Dukan ne prescrivono quasi il doppio. E le proteine in eccesso posso causare seri problemi a fegato e reni.

E poi, fondamentale, considerare la dieta come un processo in due fasi: la prima di dimagrimento, la seconda di mantenimento. E più nella prima fase si compiono scelte drastiche e si segue un regime alimentare lontano dalle proprie abitudini, più sarà difficile mantenere la forma una volta terminata la dieta. 

fonte: inGusto 

introduzione a cura di

Umberto Napolitano

Famiglie  d’Italia

Carne o non carne… questo è il problema (Famiglie d’Italia news )

giugno 15, 2010

Navigando sul sito di  www.promiseland.it un articolo molto interessante a firma di Franco Libero Manco  ha fermato la nostra attenzione, convincendoci a  proporvelo fedelmente nell’ottica di una campagna di informazione tendente ad evidenziare problematiche e consigli da estendere al maggior numero di lettori raggiungibili. L’argomento, come spesso ultimamente sul nostro blog, è la carne… oggetto di dibattiti accesi nell’analisi dei pro e dei contro, nei quali è difficile sostenere delle tesi equilibrate in grado di soddisfare sostenitori e non. Noi pensiamo che la verità stia sempre ” a metà “: in ogni azione è ” l’abuso ” il male peggiore. Troppa carne sicuramente fa male, in quanto insieme alle proteine contenute si accompagna con grassi saturi e ” scorie ” di medicinali vari assunti dagli animali macellati. Sarebbe opportuno frenare e ritornare, se possibile, ad una diminuzione di ” allevamenti selvaggi ” a favore di quelli più qualitativi… tanto più che sul mercato esistono delle alternative in grado di affiancare l’offerta della carne, come ad esempio il

 ” Muscolo di Grano “… (more…)