Posts Tagged ‘schiavitù della donna’

Donne manager,donne fragili, donne innamorate: la violenza maschile non fa distinzione

marzo 22, 2014

violenza-sulle-donne

Donne negate uccise violate, un argomento che apre quasi quotidianamente i telegiornali. In quasi tutte le società tradizionali le donne rispetto agli uomini hanno sempre vissuto situazioni di subordinazione e discriminazione. Quello che accomuna tutte loro è la violenza subita e la situazione di insicurezza in cui sono costrette a vivere. Donne accomunate da un unico sentimento: l’amore. Non necessariamente l’amore verso il proprio partner, ma anche verso la famiglia e la lotta per i propri ideali. La definizione di violenza contro le donne trova nelle differenti culture e nelle diverse parti del mondo accezioni specifiche, pertanto, non esiste una definizione universalmente accettata della violenza contro le donne.

violenza

Solo nel Medioevo, si rammenta il diritto feudale che prevedeva che la terra si tramandasse per discendenza maschile. Le sole eccezioni nell’antica Babilonia e nell’antico Egitto, dove le donne godevano dei diritti di proprietà, e a Sparta, dove amministravano di fatto l’economia, furono dunque fenomeni isolati. Le donne spesso sono indifese, fragili, in balia della cattiveria degli UOMINI che sfocia in violenza… La violenza verrebbe perpetuata al fine di dominare e controllare le donne limitandone la libertà e l’autonomia, questo uso strumentale al controllo sarebbe appreso dagli uomini all’interno di una società maschilista e patriarcale. In una ineguaglianza che nessuno conosce. Pensano di nascosto perché vogliono urlare la verità che si nasconde dietro le porte chiuse. Schiaffi percosse e tanta paura. Nessuno se ne frega. Tante parole comprensione ma solo chi ha vissuto la violenza sa cosa vuol dire. Lacrime lividi ma ferite sull’anima. Donne con il sesso infibulato, donne senza diritto di vivere, donne non libere, una schiavitù esistente un parlare per sapere e da chiudere gettare e far finta di non averlo sentito. La schiavitù apparentemente non esiste è tristemente resa reale da donne che abbiano imparato che il partire da sé e la condivisione dei propri vissuti sono qualcosa di culturalmente e psicologicamente difficile per il maschile, educato tradizionalmente ad occultarsi dietro l’astrattezza, il potere, la chiusura del proprio mondo emotivo, affettivo e persino corporeo. Sono atti, sì sono atti ripetuti con una sconcertante costanza in tutto il mondo, in ogni contesto sociale, all’interno delle mura domestiche, all’esterno, sui luoghi di lavoro… dovunque la solitudine di una donna lasci spazio alla prevaricazione, al silenzio, alla dolorosa sopportazione. L’invisibilità di questo tipo di violenza e la sua “normalizzazione” vengono fotografate da chi non le vive e non le conosce come routine di cronaca! Un fenomeno ancora sommerso che, forse troppo spesso, rimane chiuso proprio tra le pareti di casa. In realtà situazioni come quelle descritte assolvono alla funzione di negare la soggettività della persona anche con disabilità e di esercitare su di essa un potere oppressivo, di sottoporla a controllo e di mantenerla in una posizione di subordine. Tutto ciò non è “normale”, non è “fisiologico”, non è inevitabile. Tutto ciò è violenza. L’ isolamento, amplifica il rischio di subire violenza la portata delle violenze e le loro conseguenze.

violenza 3

L’uomo violento non è un malato, costui è un uomo che è cresciuto in un ambiente sociale in cui sono contemplati due soli modelli di genere che prescrivono da una parte la remissività e l’obbedienza alle donne e dall’altra l’esercizio della forza e il dominio agli uomini. Va da sé che costui possa mal tollerare di doversi confrontare con donne che, avendo sviluppato una propria soggettività, non corrispondono alle sue aspettative. Ed è esattamente questo il punto: sono proprio i modelli di genere quelli che andrebbero cambiati moltiplicati e non considerati rigidamente prescrittivi. Ciò al fine di lasciare a ciascun uomo e da ciascuna donna la libertà di scegliere un personale modo di esprimere il proprio essere maschile ed il proprio essere femminile.Se la violenza oramai è un fenomeno culturale, sono i parimenti culturali e alcune delle barriere che ostacolano il suo superamento. In Italia la violenza in genere sulle donne e quella domestica sono diventati reati specifici, dall’altro far sapere alle vittime che esiste una via d’uscita e che non sono solo vittime passive, è dovere non solo di cronaca ma anche Istituzionale. Emerge dunque un dovere tutelare il quale, “in scienza e coscienza”, è chiamato a salvare il proprio paziente, per quanto piccolo, nascosto ed indifeso egli sia. Le tonalità emerse prevalenti da donne colpite sono state la voglia di cambiare le cose e la solidarietà tra loro e non solo. Nella casa delle DONNE, a chi ce l’ha fatta…. echeggia il sussurrare di tornare a casa con la consapevolezza che esistano alternative alla passività e alla rassegnazione in una piccola magia che scalda il cuore.

Sabrina Parini

Famiglie d’Italia