Posts Tagged ‘stress’

Non deprimersi per rimanere giovani ( Famiglie d’Italia Salute News )

novembre 17, 2013

depressione

Amici, quello che oggi parte da questo blog è un s.o.s. ben preciso e mirato. E’ rivolto a tutti noi che giornalmente siamo  costretti a convivere con l’infinità di vessazioni che il nostro Stato, grazie alla pochezza del suo staff politico, ci impone martoriandoci senza pietà. Insicurezza sul lavoro, tasse assurde ed infinite, strumenti per la raccolta tirannici, nepotismi e favoritismi sfacciati e permanenti, burocrazia irrefrenabile, giustizia opinabile, sottomissione sadomaso continuata degli ultimi governi alle incongruenze e imposizioni Ue, ecc. ecc. Tutto ciò causa in noi la possibilità di un lasciarsi andare definitivamente e precipitare in una forma di depressione cronica galoppante. Ebbene!… Reagiamo in qualche modo ed evitiamo di assecondare questo fine gioco al massacro: potrebbe far parte di un piano oscuro. Come leggerete nel post che segue, la depressione ci fa invecchiare prima: vuoi vedere che per risolvere i problemi di bilancio tendono ad accorciarci l’esistenza? Beh, detto così, può sembrare una burla, però a volte la satira rasenta la realtà più spesso di quello che noi immaginiamo… Lo so che non è facile, ma alle brutture con cui ci bombardano, alziamo lo scudo delle cose migliori che la vita ci offre gratuitamente: il nostro ingegno, l’amore dei nostri cari, la rabbia indomita dentro e quell’ ottimismo innato, tutto italiano, che ci rende un popolo positivo, invidiato e alla fine sempre vincente.

I soggetti depressi rischiano di invecchiare prima. ( fonte: Vita di donna )

La depressione, oltre a causare le difficoltà essenziali tipiche legate ai disturbi dell’umore, porta con sé un altro problema, quello dell’invecchiamento biologico precoce. A sostenerlo è una ricerca olandese.

La ricerca in questione è stata portata a termine dalla Vu University Medical Centre e pubblicata sulla rivista specialistica Molecular Psychiatry.

Per giungere a queste conclusioni i ricercatori hanno analizzato 2.400 volontari (sia sani che depressi) studiandone in modo specifico i loro telomeri, la regione terminale dei cromosomi.

I telomeri svolgono un ruolo fondamentale per far sì che ad ogni duplicazione dei cromosomi non vi sia perdita di informazioni. In altre parole, se il telomero non esistesse ad ogni replicazione del DNA si verificherebbe una perdita di istruzioni genetiche.

Sono molte le ricerche scientifiche che hanno rivelato che ad ogni ciclo replicativo della cellula si verifica un progressivo accorciamento dei telomeri, fenomeno messo in relazione con l’invecchiamento cellulare.

Nella loro ricerca gli studiosi hanno potuto verificare che nelle persone colpite da depressione i telomeri risultavano più corti, se confrontati con quelli dei volontari che non ne avevano mai sofferto.

Secondo i dati dello studio, un soggetto sano perde normalmente tra le 14 e le 29 coppie di basi del Dna (il parametro che ne misura la lunghezza).

I soggetti affetti da depressione, invece, fanno registrare una perdita di 83-84 coppie di basi. Un dato che, secondo gli studiosi, corrisponde ad una maggiore anzianità delle cellule di 6-8 anni.

La coordinatrice della ricerca, Josine Verhoeven, ha spiegato che “Questo ampio studio fornisce prove convincenti che la depressione è associata a diversi anni di invecchiamento biologico”.

Tuttavia, secondo la scienziata, non è ancora stato accertato il tipo di danno prodotto da questo tipo di invecchiamento e, soprattutto, se questo processo può essere invertito.

IN ARGOMENTO:

Stress, è una delle cause della depressione

Nell’ipotalamo la chiave dell’invecchiamento e della longevità

Vivere più a lungo e in salute, basta cambiare stile di vita. Il ruolo dei telomeri

 

by Vita di donna

Introduzione a cura di

Umberto Napolitano

Famiglie  d’Italia

Alimenti e trucchi sani per un’estate serena ( Estate Ecologica News )

agosto 21, 2012

Gli alimenti che danno la serenità

Cucinare fa bene alla mente, al cuore e all’anima. I benefici non sono solo per chi cucina ma anche per i familiari.  La “cucinaterapia” è una tecnica che fa sentire vitali: l’ideazione, la manipolazione e la creazione dei cibi sono un percorso che aiuta a ritrovare l’equilibrio e a stabilire rapporti armoniosi con gli altri.

Stare in cucina aiuta a conoscersi, a sfogare le emozioni, ma anche a socializzare con gli altri. Perchè stare ai fornelli ci rivela tanti aspetti della personalità.

Indivia, asparagi, patate, spinaci cavolfiori, biete, pomodori, peperoni, lattuga, pomodori, melanzane, arachidi, banane, noci, agrumi, aiutano ad allontanare malinconia e depressione. Merito del loro contenuto di  triptofano, che viene usato dall’organismo per produrre la serotonina, un neurotrasmettitore del benessere che regola umore, sonno e appetito. Al contrario, hamburger e salsa, patatine fritte, birra e dolci frenano l’arrivo del triptofano al cervello.

Scritto da: villeri77

Tre trucchi per vivere in forma

vivere bene

Tutti o quasi tutti vorremmo vivere quanto più a lungo possibile. Ma la longevità senza vitalità è pressoché inutile. La vitalità ci permette di vivere la vita in pieno e ci da la forza di goderci ogni attimo al massimo. Quando invece, come accade il più delle volte, nei giorni nostri siamo stanchi fisicamente e mentalmente tutto questo ci appare come un sogno, come fantascienza.

Ma il vero sogno o forse dovrei dire incubo, è questa vita stanca che abbiamo imparato a vedere come normale grazie al pesante condizionamento sociale.

Sapiamo quello che dobbiamo fare per vivere in salute e mantenerci giovani, lo abbiamo sentito svariate volte. Basta fare un po di attività fisica, mangiare sano e evitare lo stress. Lo sappiamo tutti tuttavia spesso ci perdiamo nella confusione e nelle nostre vite frenetiche dimenticandocene.

Ecco perché o deciso di fare insieme a voi un breve ripasso esponendo questi 3 suggerimenti brevi ed efficaci.

1. Migliorate la vostra dieta

Diffidate dalle diete miracolose che vi fanno perdere 2 chili in 5 giorni. L’unico modo per vivere bene e in salute è mangiando cibi sani e non trasformati, cibi integrali, genuini e del tutto naturali. La natura ha calcolato tutto per tutti ancor prima che noi imparassimo a modificare geneticamente, tagliare, sminuzzare, raffinare e uccidere ogni genere di cibo.

Un animale lasciato nel suo ambiente naturale non muore di fame e neanche non diventa obeso è sempre tranquillo e rilassato, ma anche agile e pronto a reagire se necessario. Sempre vitale, energico e al massimo delle sue potenzialità ed è questa la normalità signori miei. Non i dolori e i “soliti fastidi” che oggi giorno ci accompagnano quasi quotidianamente.

2. Fatte capire al vostro corpo che vi serve

camminare

Quando facciamo lavori sedentari oppure per una ragione o per un’altra usiamo poco il nostro corpo il messaggio che da esso viene recepito è uno solo. “Tu non mi servi”. E i risultati poi si vedono, il nostro sistema immunitario si abbassa, la nostra forza muscolare diminuisce sempre più, man mano che passano i giorni siamo sempre più stanchi e abbiamo sempre meno voglia di fare qualsiasi cosa.

Appena iniziamo a muoverci invece però, stranamente tutto va meglio, siamo più felici, durante il giorno ci sentiamo più energici, il nostro sistema immunitario si rinforza, il corpo si tonifica, la digestione migliora un sacco e diversi ormoni e anticorpi vengono liberati nel nostro organismo permettendole di funzionare meglio.

Questo perché siamo fatti per muoverci e vivere non per sederci e guardare la vita.

Un abitudine di almeno 30 minuti al giorno di attività fisica leggera miglioreranno il vostro benessere e la vostra energia personale a per tutta la vita.

3. Migliorate la vostra respirazione

respirazione

Il respiro è la cosa più importante in assoluto per il nostro benessere e per la nostra vita in generale, lo sapiamo tutti, è una cosa piuttosto ovvia senza respirare non siamo in grado di sopravvivere.

Quello che pochi sanno invece è che oggi giorno la nostra respirazione è sempre più danneggiata dalla tempesta di stress e emozioni di ogni genere con cui il nostro stile di vita attuale ci investe quotidianamente.

Quando siamo nati la nostra respirazione era perfetta esattamente come quella dei bimbi ed eravamo sani e pimpanti, infatti eravamo capaci di urlare tranquillamente per ore! Adesso invece il nostro respiro è sempre più debole e sopratutto errato. Errato perché spesso tendiamo a respirare gonfiando il torace mentre il modo corretto di respirare sarebbe il respiro diaframmatico cioè gonfiando la pancia. Se volete capire meglio come funziona la respirazione, quali sono i benefici di una corretta respirazione e scoprire anche un paio di esercizi per migliorarla naturalmente potete scaricare qui gratuitamente il mio ebook.

Tanta Gioia e Vitalità

by George Luis ( fonte: greenMe.it )

Estate Ecologica News

Rubrica a cura di Sabrina Parini

Famiglie                        d’Italia

Spettegolare fa bene alla salute… ( Famiglie d’Italia Salute News )

gennaio 23, 2012

Sempre vigili ed attenti ad ogni notizia che possa apparire interessante, ma che spesso si perde nell’anonimato per overdose di news relative a scandali, drammi e gossip.., eccone una che, in qualche modo, svela proprio  il perché della morbosa attenzione dei lettori alle news sotto accusa. E ciò viene messo in risalto da una ricerca scientifica effettuata da esperti dell’ University of California a Berkeley (Usa) e riportata da un post edito da VitaDaMamma.com.

Il pettegolezzo riduce lo stress: spettegolare fa bene alla salute

Gossip, pettegolezzo, inciucio. Sono tanti e vari i termini con il quale viene definita la pratica del riferire a terzi il comportamento di determinate persone, comportamento che spesso irrita e, a volte, può nuocere la persona vittima della “chiacchiera”.

Ma è sempre e comunque un comportamento negativo?

A quanto pare no.

Una recente ricerca, effettuata da alcuni esperti che operano all’ University of California a Berkeley (Usa) e pubblicata Journal of Personality and Social Psychology, ha dimostrato che spettegolare può essere una pratica anti stress.

Attenzione però! Affinchè il gossip risulti benefico per la nostra salute, quest’ ultimo deve essere fatto con scopi nobili e benefici per terzi e quindi non per il semplice gusto di farlo. Ad esempio, la diffusione di notizie sulle presunte o veritiere relazioni VIP non creano alcun beneficio, al contrario, riferire la notizia ad un amico di un presunto tradimento da parte di un altro, metterebbe questi in guardia dall’ essere vittima di un comportamento scorretto, rendendoci così più soddisfatti e migliorando il nostro stato di stress.

Robb Willer, coautore della ricerca, ha così commentato tale scoperta:

“Trasmettere questa “nota di gossip” ha migliorato i sentimenti negativi dei teste e temprato la loro frustrazione. Il pettegolezzo li ha fatti sentire meglio. È come se non dovessimo sentirci in colpa e anzi potessimo sentirci meglio se “spettegolare” aiuta a prevenire altri tradimenti”.

by VitaDaMamma.com

 

introduzione a cura di

Umberto Napolitano

Famiglie  d’Italia

 

 

 

 

Ridere 15 minuti al giorno leva il medico di torno… ( Famiglie d’Italia news )

agosto 30, 2011

Agosto se ne va ma ci regala una bella notizia. Alcuni ricercatori dell’Università di Maryland hanno scoperto che il buon umore è il toccasana migliore per il nostro cuore. Quindici minuti di risate al giorno sono meglio di qualsiasi ginnastica alternativa. Da tutto ciò si deduce che noi italiani saremo destinati a vivere in eterno… con tutte le risate che gi regala il cabaret della politica con le sue incredibili ” battute ” quotidiane!?!… Io penso che lo stesso Matusalemme dovrà cominciare presto a prendere in considerazione la possibilità di perdere prima o poi il proprio primato mondiale di longevità. Tra le varie proposte sull’argomento vi pubblico un post edito da Excite Italia

Ecco perchè ridere fa bene al cuore

Secondo una ricerca condotta dall’Università del Maryland, i cui risultati sono stati presentati al Congresso della Società Europea di Cardiologia in corso a Parigi, ridere fa bene la cuore. Proprio così, il buonumore ha effetti benefici sulla salute in generale e sul cuore in particolare. La scarica positiva di una risata ha sulle arterie lo stesso effetto benefico dell’attività fisica o delle statine, i farmaci anti-colesterolo.

Da tempo si è detto che lo stress e il cattivo umore sono cattivi alleati del cuore, mentre il buonumore produce effetti altamente positivi. Adesso arrivano dei dati che quantificano la dose minima di buonumore utile a proteggere il cuore dall’infarto. Ecco duqnue scoprire che 15 minuti di risate, intense e coinvolgenti, al giorno proteggono il nostro cuore.

La ricerca dell’Università del Maryland, che ha permesso di definire la dose minima di risate, è stata condotta sottoponendo i volontari alla visione di film comici e drammatici. Il prof. Roberto Ferrari, past president della European Society of Cardiology (ESC) e presidente della ‘Fondazione Anna Maria Sechi per il Cuore’ (FASC) ha spiegato: ‘Per star meglio basta un buon film comico: lo studio ha messo a confronto l’espansione dell’endotelio, il rivestimento interno dei vasi sanguigni, nelle stesse persone in seguito alla visione di uno spettacolo divertente e di uno drammatico, dimostrando che la risata provoca la dilatazione dei vasi fino al 50 per cento in più, aiutando così a prevenire aterosclerosi, infarti e ictus‘.

Nel corso del Congresso si è parlato anche della cardio-tossicità dello stress indotto dalla crisi economica. Lo scorso anno uno studio irlandese aveva registrato un aumento dei ricoveri nelle unità coronariche del 12 per cento e le prevsioni per il 2011 non sono rosee. Si stima infatti che nel 2011 l’attuale crisi porterà a un aumento almeno del 15 per cento dei pazienti ricoverati nelle unità coronariche nel Vecchio continente. Maggiormente a rischio le persone fra i 40 e i 60 anni. Le ragioni essenzialmente due: le persone incluse in questa fascia di età hanno un sistema cardiovascolare che potrebbe essere già minato da qualche deposito arteriosclerotico e sono più esposte alle conseguenze della crisi economica sotto forma di stress lavorativo, incertezza occupazionale e riduzione del livello economico.

introduzione a cura di

Umberto Napolitano
 
Famiglie  d’Italia

Occhio al capello… può prevenire un infarto ( Famiglie d’Italia news )

settembre 7, 2010

Mamma che stress!… La giornata di un normale  cittadino italiano, mediamente interessato ai fatti politici, lavorativi e finanziari quotidiani, non può esimersi dal subire una serie di informazioni allarmanti che causano allo stesso, al cittadino, uno stato d’ansia e di angoscia incontrollabili, le cui conseguenze negative alla salute sono facilmente immaginabili. L’infarto è sempre dietro l’angolo e non è possibile prevederlo… almeno fino a ieri non lo era, perché adesso, a quanto pare… (more…)

La politica italiana: madre indegna

luglio 30, 2010
 
 
 
 
L’amicizia allunga la vita… lo prova la scienza
Il dottor Rosario Porzio (in foto) ci rende noto il risultato di un particolare studio secondo il quale l’amicizia allunga la nostra vita e sottolinea: ” vivere in equilibrio stretto con gli altri abbassa lo stress e aumenta le difese immunitarie… L’essere sempre soli fa male alla salute e puo’ accorciare la vita quasi quanto fumare “. 
Lo studio e’ stato fatto dell’università Brigham Young nello Utah.
Alcuni scienziati hanno valutato l’influenza dei rapporti umani sul benessere. Il risultato?
Chi ha importanti relazioni sociali ha una prospettiva di vita di circa il 50 per cento in piu’ di chi vive in solitudine.
(more…)

Lo stress, adattamento mancato ( Famiglie d’Italia news )

aprile 9, 2010

Visto il periodo ” politicamente pesante ” al quale abbiamo dovuto sottostare ultimamente , ci è parso consono proporvi un interessante articolo di Valeria Marracino pescato nel blog che spesso andiamo visitareVivere etico Vegan | Promiseland.it

 

(more…)