Posts Tagged ‘Superenalotto’

Etica: la Politica non può parlare di etica ai propri cittadini quando ha trasformato l’Italia in un’enorme bisca

gennaio 4, 2012

Cari amici, il modo corretto di vivere un’esistenza normale e serena dobbiamo costruircelo da soli. Non dobbiamo più assolutamente prendere esempio da quanto ci viene proposto dalle Istituzioni attraverso i suoi rappresentanti politici perché rischiamo di sballare completamente ed appassire in un mondo virtuale, lontano dalla realtà e da quanto ispiratoci dalla nostra morale e dalla nostra tradizione cristiana.

I nostri politici sono esempio di rissa continuata, spesso colti in flagranti reati di peculato, appropriazione indebita, soprusi e favoritismi vari. Ci riempiono di balzelli senza compassione ( la nostra benzina costa quasi il 20 % in più rispetto agli altri Stati dell’Unione Europea ), riducono gli stipendi magri di un popolo depresso, e non toccano un euro dei loro sfarzosi emolumenti… hanno trasformato l’Italia in un’enorme bisca, 24 ore su 24!

Dal vecchio Gioco del Lotto una volta alla settimana, Totocalcio, Totip e qualche Lotteria Nazionale…sono passati ad un Lotto ufficiale 3 volte alla settimana, abbinato al Superenalotto conseguente, più Gratta e Vinci e Lotti istantanei continuati, Bingo e Slot Machines su tutto il territorio e su Internet, e dulcis in fundo… Poker e Casino con Roulette e campione completo di tutti i giochi, grazie ad internet, senza interruzione… a casa tua ed, ora, anche su iPad e cellulari. Giochi tassati alle origini,e, ultimamente, anche sulle vincite. CHE SCHIFO!!! Non invidio il mio omonimo Presidente Giorgio Napolitano, che non so con quale spirito si appresti ogni giorno a rappresentare senza ansia una Nazione in così galoppante degenerazione.

Ma noi nelle Istituzioni dobbiamo continuare a credere perché sono sacre e senza di esse nemmeno esisteremmo!… Come potete vedere io uso sempre le iniziali maiuscole quando le nomino. E’ la generazione politica attuale che le rappresenta che è cariata: gli interessi personali hanno causato una serie di errori che ci hanno portato sull’orlo del default ed i soldi invece di andarli a pretendere prima di tutto da coloro che lo hanno causato ( politici incapaci, troppo accondiscendenti per strategie elettorali, conniventi con finanzieri e bancari speculatori, etc. ), si attaccano senza ritegno e misura su di noi, cittadini inermi e pazienti.

E noi dobbiamo, ancora una volta, dare il buon esempio… e come?

Usiamo il buonsenso e la nostra intelligenza. Riprendiamo fiducia in noi stessi. Non attendiamo inerti le soluzioni da chi dovrebbe darcele e guardiamoci attorno cercando di capire cosa possa esserci utile per sopravvivere e resettarci. E’ una vita che lo scrivo: noi non siamo una Nazione industriale… lo siamo diventati per interessi altrui.I lavoratori di tale settore non sono che una piccola parte: rispettiamoli creando loro delle vie d’uscita, degli sbocchi dove confluire quando gli ammortizzatori sociali non saranno più in grado di sostenerli…e già loro sono fortunati ad averli per un certo periodo, perché la totalità di coloro che sono fuori dai loro settori, la maggior parte dei lavoratori, se perdono il posto non hanno meno diritti e devono risolversi da soli i problemi. Ed allora ritorniamo a ciò che di noi ha fatto un popolo autosufficiente ed emergete. L’Agricoltura, il Turismo e la forza e la qualità del nostro Artigianato! Siamo ancora in tempo: il cibo viene dalla terra e di questa ne abbiamo a iosa; il sole, le montagne, il mare e la Storia ci avvolgono in una coperta ampia e rassicurante, la qualità del nostro ingegno è riconosciuta in tutto il mondo: forza, volgiamo a queste risorse i nostri sguardi, perché esse sono reali.. le altre sono sirene virtuali che oggi ci danno un illusione e nel tempo ci distruggono definitivamente!

 
Umberto Napolitano
 
Famiglie  d’Italia
Annunci

L’intesa sul debito Usa non piace alle Borse… e chi se ne frega!

agosto 2, 2011

E sì amici…proprio “ E chi se ne frega ! “… O che  Obama avesse centrato l’accordo per evitare il default o che lo avesse fallito , la speculazione era ormai già stata programmata alla faccia dei fessi che continuano a considerare un lavoro quello di giocare in borsa. Bruciati 15 miliardi di euro… e di chi?… dei fessi! Alla prossima apertura probabilmente la Borsa ricomincerà a recuperare… ma a favore di chi? Difficilmente dei fessi!… Ma intanto è stato creato l’allarmismo ed i giochi prenderanno le pieghe auspicate proprio dai furbi. Io mi auguro che le persone di buon senso la smettano di perdere soldi in attività che non conoscono, tanto vale giocare alla roulette, che almeno è facile da capire e paga equamente rispetto alle possibilità contrarie. Io, però, detesto il gioco d’azzardo, senza nessuna distinzione… mentre lo Stato, raffinato e abile biscazziere, tra scommesse e truffe finanziarie assecondate, lotto, superenalotto e macchinette varie ci incoraggia a trasformarci tutti in incalliti e disperati giocatori, spennandoci come polli da infilare nello spiedo cominciando dall’ano per uscire dalla bocca… MA PER QUANTO TEMPO ANCORA AVETE  VOGLIA DI ASSECONDARE QUESTA MASOCHISTICA CARNEFICINA ?!?

Io penso che sia arrivato veramente il momento di cominciare a guardarsi attorno e in dietro… per capire se non sia meglio trarre qualche insegnamento da porre in essere per il futuro… Che le Borse affondino o risalgano, senza bisogno di aggrapparsi alle chimere della fortuna, la coltivazione del mio orto, se fatta con buon senso e con amore, continuerà a produrre i frutti bastanti per  farmi sopravvivere decorosamente, evitandomi per giunta eventuali dannose indigestioni… e chi vuole intendere,  una volta per tutte…  ma che intenda!!!

Umberto Napolitano
 
Famiglie  d’Italia

Casinò Italia: chi meno ne ha, più ne metta!

febbraio 2, 2010

Ieri pomeriggio ho seguito su Rai 1 Lamberto Sposini che, a  ” La vita in diretta ” , conduceva un reportage sul gioco d’azzardo legalizzato in Italia. Ho ascoltato le interviste di ex malati del gioco che raccontavano delle fortune dilapidate e delle famiglie messe in crisi, e gli interventi di ospiti in studio,  come Daniele Capezzone, che giustificavano il ruolo di biscazziere dello Stato che rastrellava soldi destinati, se no, alla malavita.

Orbene, un’idea avevo e tale è rimasta: sono tutte scuse e, per giunta, banali! Lotto e Superenalotto rapinano soldi ai disperati tre volte alla settimana, Gratta e Vinci e Videopoker tutti i giorni e a tutte le ore, per non parlare di Bingo, Lotterie, SMS in quiz televisivi, anche due volte nella stessa trasmissione, come accade da ieri a Chi vuol essere milionario condotto da Jerry Scotti. L’Italia si è trasformata in un’enorme Las Vegas, nella quale si infrangono sogni ed illusioni ed aumentano a dismisura debiti e disperazione, ingrassando usurai legalizzati e non… altro che levare soldi alla malavita. (more…)

24 agosto 2009: ieri è ripartito il campionato, ma non solo quello di calcio

agosto 24, 2009

Giampiero Ventura, allenatore del Bari, ieri sera si è lamentato dai microfoni di ” Contro Campo ” su Rete 4, asserendo: ” Speriamo che dopo questo risultato ( 1 a 1 al Meazza con l’Inter campione d’Italia ) a Bari si accorgeranno che la loro squadra è ritornata in serie A dopo dieci anni… perché in questi giorni in città si è parlato di tutto, tranne che di questa partita … non capisco, un minimo di rispetto per questi ragazzi che onorano con impegno la loro maglia… (more…)

La benzina rincara… e le stelle stanno a guardare

agosto 5, 2009

e le stelleIn concomitanza con i grandi esodi vacanzieri, senza alcun pudore e rispetto per la povertà di chi osa permettersi  un po’ di svago per ricaricare le batterie e rifare il pieno al proprio cervello che ha le stesse necessità di un serbatoio svuotato, le grandi compagnie petrolifere, a cominciare dall’Agip nazionale, i grandi cartelli, aumentano il prezzo della benzina rimpinguendo i loro salvadanai e togliendo risorse ad altre  attività imprenditoriali meno importanti, anche se necessarie per riequilibrare organismi spossati, come quelle che ti permettono di gustarti un buon gelato, una pizza in compagnia, un film al chiaro di luna, una gita ad un museo o a degli scavi archeologi… insomma, quei pochi euro tanto faticosamente risparmiati e destinati a un qualcosa di diverso e di speciale, vengono succhiati senza pietà da vampiri esosi ed insaziabili.  Sì, perché i soldi sono quelli che sono e se uno stomaco vuoto viaggia e raggiunge la meta, un auto a secco, no…  (more…)

Superenalotto,provateci… ma usando la testa

luglio 25, 2009

superenIl montepremi di oggi del Superenalotto ha raggiunto una cifra inimmaginabile, oltre 105 milioni di euro, ovvero più di 200 miliardi delle vecchie lire e, probabilmente, crescerà ancora, risvegliando sempre più nell’anima degli aspiranti vincitori il desiderio bramoso di aggiudicarsi l’ambito trofeo. La maggior parte si affiderà alla dea bendata investendo qualche spicciolo, ma molti, quelli più disperati, si accaniranno dando fondo alle ultime risorse e non, con l’alta probabilità di ritrovarsi ancor più disperati, per cui… Famiglie d’Italia sente il dovere di soffermarsi su alcune riflessioni. (more…)