Posts Tagged ‘terremoto’

Giappone, rischio fusione nucleare… un dramma nel dramma, senza bisogno di specularci sopra

marzo 13, 2011

Un dramma nel dramma, perché la natura, quando si scatena, non fa sconti e non dà scampo. E ci ritroviamo spesso a piangere vittime e a cercarne i colpevoli: ma colpevoli non ce ne sono, almeno per questa volta. Quest’ultimo terremoto è stato di una violenza tale che solo in Giappone, grazie alla prevenzione ed all’alta tecnologia della costruzione antisismica, i danni e le vittime, a parte la rovina causata dal devastante tsunami conseguente, sono stati in qualche modo davvero contenuti. Si fosse verificato in Italia un evento di tale portata… beh, meglio non pensarci. Purtroppo c’è già stato qualcuno che ha approfittato della tragedia per poter inveire in modo qualunquistico e non approfondito contro le politiche che, per assicurarsi un approvvigionamento energetico continuato ed indipendente, prevedono il poter  reintrodurre il nucleare. Ok, ci può stare: ma attenti a non esagerare ed a continuare a raccontare frottole!… (more…)

Terremoto Cile…un’altra domenica di lutto e di preghiera

febbraio 28, 2010

Quello di ieri è stato un terremoto tremendo, come magnitudo il quinto degli ultimi cento anni. La terra è in subbuglio e ci ricorda come ogni nostra ambizione conti ben poco di fronte a simili cataclismi. Sono segnali che il mondo ci invia per farci comprendere la caducità di ogni istante della nostra esistenza. A cosa serve affannarsi, rincorrere progetti ambiziosi, magari calpestando i diritti altrui e la nostra coscienza, se poi il tutto può ridursi ad un attimo, ad un muro che ci crolla in testa e ci devasta anni di sacrifici, di battaglie…di compromessi. Non voglio fare della falsa retorica, ma oggi è domenica e invito coloro che hanno riservato a Dio un piccolo spazio della propria vita, a fare una riflessione su quanto ognuno di noi sia piccolo ed insignificante quando si ritrova al centro di eventi così catastrofici, ed a rivolgere una preghiera per tutti i morti di questo ennesimo terremoto e per tutte le vittime della quotidiana violenza umana.

Umberto Napolitano

Famiglie d’Italia

Parolacce?… NO, CREIAMO IL FUTURO!

aprile 12, 2009

A vedere il video una prima volta, uno ride, è un gioco in fondo. Poi se cominci ad analizzarlo e cerchi di capirci qualcosa, forse comprendi quanto sia studiato il messaggio anarchico.

Mi fermo solo su alcuni aspetti, senza entrare nei dettagli, perché per tutti credo sia condivisibile, in quanto ognuno di noi non crede più nel sistema. Non è mandando da qualche parte qualcuno, che si fa risollevare il nostro paese.

(more…)

Lutto di Famiglie d’Italia

aprile 11, 2009

luttoUn messaggio di cordoglio e di condoglianze, a tutte le famiglie d’Italia che vivono il dramma del terremoto. Che hanno perso il loro caro, che rimangono lì a fare la guardia ai loro beni, sopportando lo stress delle scosse sismiche continue.
Un pensiero a tutte quelle giovani anime, che private prematuramente del loro futuro, con la loro bara bianca, hanno lasciato una cicatrice anche nel nostro cuore.
Un pensiero a tutti gli eroi di questi giorni, che impavidi verso il pericolo, sono corsi in mezzo alle macerie, e con le mani sanguinanti di dolore, hanno salvato molte vite, ma porteranno sempre nel cuore quelle che non ce l’hanno fatta.
Un pensiero a tutti i media, cercate di mitigare gli animi, non usate questo dramma per fare audience, date informazioni piuttosto che polemica, giustizia piuttosto che dolore; venderete meno copie, o meno pubblicità, ma renderete grazia ai sopravissuti a questa catastrofe del 2009.
Sembra fuori luogo fare gli Auguri di Buona Pasqua, ma ci teniamo a farli, a tutti, come segno di speranza, di cristianità, di un popolo che si aiuta, che è generoso, che saprà ancora una volta, rimboccarsi le maniche, e ricostruire. Siamo un esempio per tutti i popoli del mondo, anche nelle disgrazie. Dobbiamo essere fieri di essere italiani, per quello che rappresentiamo, per quello che siamo capaci di fare.
Dobbiamo costruire il futuro dei nostri bambini, ed è un impegno imprescindibile, anche nel rispetto di quelli che a l’Aquila non ce l’hanno fatta.
Siamo un popolo che dimentica in fretta, che non guarda le cicatrici come un fregio, che sa essere umile e unito nel superare le difficoltà.
Anche questa volta, sapremo essere, il Popolo Italiano.
Date a tutti un segno di conforto, un piccolo gesto, e che la Pasqua sia il modo per guardare il volto e gli occhi di vostro figlio, come un segno di speranza e di gioia, senza mai dimenticare che laggiù in Abruzzo, qualcuno lo guarderà solo nell’ultima foto rimasta.

Buona Pasqua a tutti

FAMIGLIE D’ITALIA