Posts Tagged ‘Università degli Studi di Milano’

Collaborazione fra le associazioni nell’ambito dello sviluppo del progetto e-commerce ecosolidale

ottobre 23, 2012

 

Dal convegno “ Dall’Agricoltura le risorse per salvare l’economia ” del 12 ottobre scorso tenutosi nell’Aula Magna di Agraria dell’Università di Milano by Federico F. Pincione Esq., presidente dell’associazione di giovani imprenditori Arcadia.

Collaborazione fra le associazioni nell’ambito dellosviluppo del progetto e-commerce eco solidale

Cari Amici, Spettabili Autorità, Egregi Signori e Gentili Signore,

colgo l’ occasione per rivolgere il mio personale ringraziamento a Banca Mediolanum, Esae srl, Famiglie d’ Italia onlus, ACR,  FederFauna, Consorzio Wilford ed alla Università degli Studi di Milano (che, pur per un breve periodo di tempo, ho avuto il piacere di frequentare nelle vesti di studente di Giurisprudenza e della quale conservo splendide memorie) oltre a tutte le persone che si sono adoperate per la perfetta riuscita di questo interessantissimo evento.

          E’ veramente un piacere ed un privilegio per me essere qui con Voi, oggi, ad ascoltare le autorevoli opinioni dei nostri oratori su un tema così attuale e rilevante. Rilevante dal punto di vista economico, certamente, a causa della grave crisi con la quale ci troviamo a convivere, giorno per giorno, oramai da diversi anni, ma anche dal punto di vita umano, sociale e culturale, vista la profonda correlazione che si instaura tra l’ Italiano, produttore o consumatore, indipendentemente dalla sua “denominazione origine e provenienza” e i prodotti della sua terra.

Per infinite ragioni, infatti, non si può pensare di valorizzare pienamente lo “strumento Agricoltura” e di utilizzarlo efficacemente quale sostegno al difficile stato in cui versa la nostra economia, senza valutare attentamente il “fattore” umano e culturale che circonda le nostre produzioni, il nostro territorio, la nostra Gente, da un lato, e le produzioni, il territorio e le Genti dei Paesi nei quali le nostre aziende, grazie al “mezzo” internet, sceglieranno di proporre prodotti nostrani. Se è vero infatti che in un mondo in crisi sempre più globalizzato, internet, offre una irrinunciabile possibilità di esplorare nuovi mercati e mettere in contatto con il proprio prodotto un numero infinitamente maggiore di possibili acquirenti rispetto ai metodi tradizionali, è anche vero che non è detto che essi siano “capaci” di apprezzare, o comprendere ciò che gli viene offerto.

Un esempio lampante che ho vissuto di prima persona è stato quello di vedere in un supermercato del Nord Europa del “pane in cassetta” molto vecchio, ovvero, particolarmente “nostalgico” (visto che, sull’ intera parte superiore della confezione era finemente rappresentato l’ Italico stivale colorato del rosso, del bianco e del verde, senza la Sardegna -per ragioni di spazio o di stampa, chissà- ma, dettaglio ben più preoccupante, con l’ Istria, Fiume, e un pezzetto di Dalmazia) e spacciato per pane fresco Italiano.

Ma c’è di più, la globalizzazione va al di là della mera contraffazione.

In alcune grandi città industriali del Messico ho trovato la più vasta scelta di squisiti “sushi rolls” che mi sia capitato di vedere in un menù, ciò non è sconvolgente se si pensa alla incredibile varietà di ingredienti che compone la cucina Messicana, ma diventa rilevante se si considera che, in realtà il “roll” non sono tradizionale cibo giapponese, ma una “mutazione” (che personalmente ritengo molto positiva) tanto che i veri ristoranti tradizionali non li propongono.

 

Pochi sanno, poi, che un piatto famoso in tutti gli Stati Uniti è nato nella città di Buffalo in un ristorante Italianissimo (  Anchor Bar ) che espone con orgoglio delle bellissime Moto Guzzi in sala. Le pietanze non sono, però, così “Italianissime”. La versione romanzata di questa storia, infatti, racconta di due passanti che fermatisi affamati a chiedere qualcosa di caldo ben oltre l’ orario di chiusura si sentirono rispondere che “non c’era trippa per gatti” e nemmeno molto altro a dire la verità. Solo dopo avere sopportato la molta insistenza dei due soggetti per vario tempo il cuoco si arrese e si inventò un piatto nuovo con gli scarti che stava per buttare via e che poi sarebbe diventato un vero”must” della cucina americana (specialmente allo stadio con una bella birra gelata!) ovvero le famose “Buffalo wings”. Personalmente dubito che in Italia qualcuno lotterebbe per gli scarti e, se anche fosse, dubito che l’ oste lo tramuterebbe in leggenda a rischio di perdere tutta la clientela a vita!

 Mi ha fatto grande piacere, quindi, sentire parlare in mattinata di  “Globalizzazione del made in Italy” e notare, scorrendo gli interventi descritti in locandina, quello sulla “Cultura del made in Italy” che seguirà a breve. Questi sono, a mio parere, i concetti cardine da tenere a mente per un approccio utile e concreto ad una commercializzazione sensata del made in Italy, perché, come nell’ esempio del “pane italiano”, prodotti ed atteggiamenti che costituiscono assiomi basilari nella nostra vita quotidiana possono non esserlo, e anzi, spesso non lo sono, nelle terre lontane alle quali intendiamo rivolgerci; addirittura, come nell’ esempio del sushi, (e come dimostrano enfatizzandone i risvolti più negativi alcuni sedicenti re delle torte in TV) essi possono essere reinventati o fraintesi rendendo difficile la commercializzazione della qualità.

Sugli atteggiamenti, sulla condivisione di informazioni corrette, sulla crescita delle comunità possono operare con successo a supporto dell’ attività di commercializzazione, le associazioni quali insieme di persone riunite, organizzate ed operanti per uno scopo comune.

In questo caso parlando di Arcadia aggiungerei anche [..] “un insieme di persone” [..] motivate, cresciute con una mentalità aperta, estroversa e volenterosa tesa ad operare per creare interazione ed un terreno fertile perché tutto quello che abbiamo di buono, che è così tanto, possa essere pienamente apprezzato da tutti.

Il Presidente di Arcadia

Federico F. Pincione Esq.

Famiglie                        d’Italia

Annunci

Dall’Agricoltura le risorse per salvare l’ Economia ( Famiglie d’Italia News )

settembre 16, 2012

 

 Dall’Agricoltura le risorse per salvare l’ Economia

Venerdì 12 ottobre 2012

dalle ore 10:00 alle ore 18:00

Aula Magna Facoltà di Agraria – Università di Milano, via Mangiagalli 25.

 ESAE srl Spin-off dell’Università di Milano e FAMIGLIE D’ITALIA onlus

 in collaborazione con

 ACR Associazione per la difesa e la promozione della Cultura Rurale onlus e FederFauna

 presentano il progetto

 “ PERCOMPRAREITALIANO TM  IN UN E-COMMERCE ECOSOLIDALE ”

 nell’ambito della

 Qualità e Tracciabilità della filiera Agroalimentare Made in Italy

 

L’iniziativa evidenzia la grande potenzialità del settore agroalimentare italiano incanalato nell’ e-commerce che rappresenta la nuova sfida organizzativa per la valorizzazione dei prodotti made in Italy controllati e certificati. L’eccellenza di cibi e bevande italiane sono ben conosciute nel mondo e soggette spesso a imitazioni e adulterazioni che riteniamo doveroso contrastare con la nostra attività.

L’utilizzo e la diffusione dell’ ”e-commerce agroalimentare” opportunamente certificato favorirà lo sviluppo economico di piccole e medie aziende agricole, trasportatori e fornitori di servizi, contenendo i costi a pari qualità in un ambito di interscambio consociativo.

L’adesione all’iniziativa delle Associazioni di Categoria tra le più rappresentative garantiscono la validità del progetto e la sua diffusione.

Il progetto prende il via con la presentazione ufficiale dell’e-commerce dei prodotti della Regione Sicilia

Umberto Napolitano

Famiglie                        d’Italia

Allergie, un filtro nasale per bloccare il polline

aprile 21, 2011

 

Continuando nella linea editoriale di questo blog rivolta ad una minor attenzione ai ” fatti ” politici , ultimamente sempre più rissosi e noiosi per mancanza di idee e lucidità, è con gioia immensa che,scorrendo tra le notizie relative al nostro benessere, ne ho scoperto una che, oltre a riempirmi il cuore di gioia, mi offre un appiglio di speranza che mi io mi possa liberare una volta per tutte dalla convivenza allergica al polline di qualsiasi natura che, fin da piccolo, mi tiene compagnia all’annunciarsi di ogni primavera. Si tratta di una scoperta italiana della quale vi rendo partecipe riproponendovi un post appena lanciato da NewNotizie.it e firmato da Adriana Ruggeri: (more…)

Il Vino è medicina? Impariamo ad usarlo.

settembre 17, 2010

Parte dall’Università di Milano il  monitoraggio dei trattamenti per l’alcolemia allo scopo di fare  chiarezza sui prodotti immessi sul mercato europeo che dovrebbero “combattere sbornia e salvare patenti

Milano 16 settembre 2010

Sul tema della salute e della sicurezza non si può restare sul vago e le Istituzioni debbono fare la loro parte per controllare la validità scientifica e l’efficacia delle soluzioni proposte per combattere la piaga delle morti del sabato sera, il rischio di perdere la patente e molto altro dopo l’introduzione  del nuovo codice della strada. (more…)

Trattamenti per l’Alcolemia: monitoraggio europeo ESAE & IES

settembre 16, 2010

Oggi, 16 settembre, alle ore 11 presso l’Aula Maggiore della Facoltà di Agraria  dell‘Università degli Studi di MIlano (more…)

Energia dalle microalghe: la ricerca guarda al futuro ( Econota 15 )

aprile 17, 2010

In un futuro prossimo le microalghe, organismi responsabili di circa il 50% della fotosintesi sulla terra e impiegate attualmente nella cosmetica, nella farmaceutica e nella biochimica verde, potranno essere utilizzate anche per produrre energia rinnovabile.  

Un campo di applicazione a cui Esae ( spin-off dell’Università degli Studi di Milano- www.esaesrl.com ) guarda con interesse. Fino ad oggi le microalghe sono state una risorsa poco sfruttata: infatti… (more…)

Da Uno Mattina…Se niente importa, perché mangiamo gli animali ?

marzo 6, 2010

Ieri, ogni telespettatore sintonizzandosi su Uno Mattina ha potuto godere dei privilegi che la Rai è capace di offrire quando svolge il proprio lavoro con attenzione e professionalità, fedele alla verità, indipendentemente dagli interessi che possono essere ” disturbati “. La foto a lato offre un primo piano di Jonathan Safran Foer, giovane scrittore statunitense autore di best seller, nonché l’ultimo e sconvolgente ” Se niente importa, perchè mangiamo gli animali? ” E’ stato ospite in diretta con un collegamento internazionale, durante il quale ha commentato la veridicità di un servizio appena andato in onda nel quale si vedevano animali di tutte le razze nati esclusivamente per il soddisfacimento nutrizionale del nostro corpo, tenuti in cattività in modo crudele e disumano, ammassati l’uno sull’altro, costretti a cibarsi dei propri escrementi o portati ad atti di cannibalismo verso loro simili, colti da crisi di pazzia incontrollabile… una vergogna indescrivibile. Il giovane autore ha spiegato come 55 miliardi di animali destinati al ” consumo ” occupino un terzo del pianeta e siano la causa di oltre il 50% per cento dei gas serra nel mondo ( vedi nostro post del 9 novembre 2009, dal titolo ”  ” ). (more…)

Agricoltura, artigianato e turismo: il nostro futuro e la nostra salvezza

febbraio 10, 2010

In Italia si parla troppo dei politici al governo e poco della politica di governo. Anche ieri sera a Ballarò i problemi del lavoro sono stati appena sfiorati per lasciare spazio alle solite chiacchiere su chi ha abbassato o no le tasse, su chi ha sbagliato di più, sulle rivelazioni del ” non pentito ” Ciancimino Jr, ecc.. Qualcuno di voi si sarà accorto che da un po’ di tempo cerco di limitare sempre più i commenti sui soliti  ” argomenti e dispute nazionali ” per lasciare più spazio alle informazioni culturali, specialmente quelle relative alle tematiche ambientali, che penso ci interessino e riguardino più da vicino… Il mondo sta mutando, ma sembra che qualcuno non se ne voglia proprio accorgere. (more…)

A Copenaghen si è parlato, a Milano si fa!

gennaio 21, 2010

Come annunciato ieri,’oggi,dalle ore 14 alle 20, nell’Aula Magna della Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Milano, si svolge il dibattito dal titolo ” A Milano si Fa ! ” , il contributo delle Università allo sviluppo sostenibile: gli Spin-off… ovvero ricerca e sviluppo con applicazioni in vari settori dell’economia. Il programma è intenso e interessante ed è seguibile in web collegandosi con il sito www.esaesrl.com. Per chi fosse interessato per ulteriori informazioni può cliccare sul linc sotto pubblicato ” Milano-programma e scheda “.

MILANO – programma e scheda

Umberto Napolitano

Famiglie d’Italia

A Milano si fa… con ESAE srl e Famiglie d’Italia

gennaio 20, 2010

Come vi avevamo preannunciato qualche giorno fa, da domani l’impegno della nostra Associazione comincerà ad aggiungere alle parole anche  fatti concreti ed iniziative intelligenti.

ESAE srl, Spin-off dell’Università degli Studi di Milano e FAMIGLIE D’ITALIA sono  lieti di
invitarva a partecipare al Convegno
 “A MILANO SI FA”
 il giorno 21 gennaio dalle ore 14,00 alle 20,00
 presso l’Aula Magna della Facoltà di Agraria in Via Celoria 2,  Milano

“A MILANO SI FA“
il giorno 22 gennaio 2010, dalle ore 18.00 alle ore 23.00
presso il Palazzo Rasini Salone di Apollo, Piazza Libertà, 18
  Cavenago di Brianza (MB)

(more…)

La violenza sbarca a Copenaghen

dicembre 12, 2009

Erano attesi i ” contestatori “, sono arrivati ed oggi si preannuncia a Copenaghen una giornata molto calda. Come d’uso, nel mondo le ragioni si ottengono con la violenza, qualsiasi sia l’argomento, anche il più nobile come quello relativo al futuro del nostro pianeta. Sarà molto difficile cambiare un tale ” sistema “. Da una parte si discute e dall’altra si contesta, risultato: tanto clamore e pochi risultati… Ma per fortuna c’è qualcuno che si muove differentemente e si adopera per mettere da subito in pratica anche il minimo insegnamento o linea che possa emergere ulteriormente da un incontro così importante come quello che si sta tenendo in questi giorni nella capitale danese. (more…)

ESAE srl, un salto nel futuro con i piedi nel presente

novembre 24, 2009

Mentre la nostra politica è impegnata nelle poco produttive dispute quotidiane, Famiglie d’Italia preferisce impegnare il proprio tempo alla ricerca ed alla presentazione di realtà nostrane che, in modo autonomo, si adoperano con  tecnologie  futuriste al soddisfacimento di esigenze nazionali da estendere in seguito a livello internazionale.  Oggi vi introduco nel mondo di ESAE srl, spin off dell’Università degli Studi di Milano, nato con l’obbiettivo di sviluppare prodotti e servizi nell’ambito delle Scienze agrarie e biologiche, Risparmio energetico, Cattura e conversione dell’anidride carbonica in materia organica, Produzione di energia mediante metodi alternativi all’uso di fonti non rinnovabili, mettendo insieme esperienze lavorative effettuate con soggetti differenti, società e privati, con i quali sviluppare tematiche di interesse particolare. Ma per permettervi di approfondire meglio mi avvalgo di una presentazione scritta per noi dal professor Antonio Cesare Sparacino, docente e ricercatore nonché promotore di ESAE. 

(more…)