Posts Tagged ‘US Navy’

La Marina americana diventa ” ecologica ” ( Econota 110 )

agosto 1, 2013

clip_image001

Un pieno di erba paglia per la Marina americana

Il braccio scientifico del Dipartimento dell’Energia sta collaborando con l’US Navy e il mondo industriale per realizzare un efficiente carburante jet a partire dal “panico verga” ( erba paglia ).

 (Rinnovabili.it) – Utilizzare la biomassa al posto del petrolio. L’obiettivo non è nuovo per le forze armate statunitensi, in perenne ricerca di metodi per vincere la battaglia dell’autosufficienza energetica. Ecco perché non deve sorprendere sapere che il National Renewable Energy Laboratory  (NREL) del Dipartimento dell’Energia (DOE), in collaborazione con la Marina e due società, la Show Me Energy Cooperative e la Cobalt Technologies, è attualmente al lavoro per realizzare fuel jet di ottima qualità ed a un prezzo economico a partire dall’erba paglia o panico verga, una delle specie vegetali dominanti delle praterie di erba alta nell’America settentrionale. Si tratta di uno dei quattro progetti finanziati di recente dal DOE come parte degli sforzi dell’Amministrazione Obama per sostenere i biocarburanti rinnovabili come alternativa “domestica” per gli aerei e i veicoli, sia militari che civili.

In questo caso la biomassa vegetale, fornita da Show Me Energy Cooperative di Centerville, viene trattata nel digestore enzimatico in possesso al NREL per scinderla in zuccheri semplici. Il processo del laboratorio combina insieme diverse fasi, dal pretrattamento, all’idrolisi enzimatica, fino alla fermentazione batterica e, grazie al brevetto tecnologico concesso dalla Cobalt Technologies alla Navy, gli zuccheri vengono trasformati in butanolo da cui si ottiene carburante JP5. Il processo, spiega gli scienziati del NREL, dovrebbe tradursi in una riduzione del 95% delle emissioni di gas a effetto serra rispetto alla  attuale produzione di carburante per velivoli militari.

 “Tutto ciò può davvero costituire un passo importante negli sforzi per continuare a spostare la nazione dal petrolio alle risorse della biomassa”, spiega Dan Schell, manager del NREL. I risultati dei test, attualmente in svolgimento, contribuiranno a determinare se il processo è pronto per il debutto su scala commerciale. Se è così, il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti e il Dipartimento della Difesa aiuteranno le imprese private a realizzare le enormi bioraffinerie necessarie.

La pillola eco-impegnata di Paolo Broglio,  ovvero “quelli che fanno “……o almeno ci provano

La Turbina Sole/Vento della McCamley

clip_image002

Di Morgana Matus

Una squadra dell’Università di Bath in collaborazione con PMI McCamley Medio Oriente Ltd ha sviluppato una nuova turbina eolica che, affermano, permetterà di superare molti dei problemi connessi con la produzione di energia rinnovabile tradizionale. La loro tecnologia ibrida racchiude una turbina a vento verticale a lama in una cornice esterna provvista di celle solari. Il design è in grado di permettere l’installazione su edifici al fine di attivare i progetti urbani di elettricità.

La maggior parte delle turbine perdono la loro capacità di funzionare quando i venti sono estremamente elevati; il nuovo design è in grado di operare in sicurezza in caso di tempesta. Il modello può funzionare ancora anche quando il flusso d’aria è basso ( es.1,8 m/s ) e può auto-avviarsi senza succhiare energia dalla rete. Utilizzando la tecnologia ad asse verticale, le turbine sono in grado di gestire meglio la variazione di velocità e la direzione del vento. L’aggiunta del solare potrebbe aumentare l’efficienza dell’unità ed essere in grado di sfruttare fonti di energia rinnovabili che tendono a verificarsi in momenti diversi della giornata. PMI McCamley Medio Oriente Ltd. ha già testato 1 kilowatt di prototipi nel Regno Unito e Bulgaria e sarà in grado di accettare ordini per un modello di 12 chilowatt nel mese di agosto di quest’anno. La società vede il loro prodotto come un modo eccellente per le piccole imprese che vorrebbero diventare energia indipendenti e alleviare la pressione e i costi sui combustibili fossili.

rubrica a cura di

Paolo Broglio

Famiglie  d’Italia

Microbolle al servizio delle alghe destinate ai biocarburanti ( Econota 107 )

Mag 31, 2013

clip_image001

Le microbolle consentono una produzione più efficiente di alghe destinate ai biocarburanti by Timon Singh

I biocarburanti derivati dalle alghe sono uno dei combustibili alternativi più promettenti sul mercato. Lo svantaggio principale finora è stato l’altoi costo di produzione e l’utilizzo di molta energia. Utilizzando un nuovo ” metodo di raccolta” con microbolle, una squadra della University of Sheffield crede di aver trovato un modo per fare delle alghe una fonte di combustibile commercialmente più valida.

clip_image001

Il problema principale nella produzione di biocarburanti è rappresentato dalla rimozione delle alghe dall’acqua e in modo che possano essere elaborate in modo efficace. Questo richiede di solito un grande investimento di tempo ed energia. Il team ritiene che producendo microbolle in una soluzione contenente alghe queste possano essere fatte galleggiare sulla superficie dell’acqua rendendole facilmente estraibili.

Secondo il  professore Will Zimmerman  il metodo a microbolle utilizza 1000 volte meno energia rispetto ai metodi precedenti e può essere utilizzato a costi inferiori. Il professor Zimmerman ha detto: “Pensavamo di aver risolto un grave ostacolo per le imprese di trasformazione dei biocarburanti da alghe  quando abbiamo usato microbolle far crescere le alghe più densamente”, “Si è scoperto tuttavia che i biocarburanti  da alghe ancora non potevano essere prodotti economicamente sia a causa della difficoltà nella raccolta che nell’alimentazione delle alghe. Abbiamo dovuto sviluppare una soluzione a questo problema e ancora una volta, le microbolle hanno fornito una soluzione. “

Un certo numero di compagnie aeree, tra cui Lufthansa, British Airways, United, e Virgin, stanno già investendo in biocarburanti da alghe  e il mercato è destinato a crescere in modo esponenziale. Infatti, all’inizio di questa settimana Etihad, compagnia di bandiera degli Emirati Arabi Uniti, ha fatto volare sul Golfo il primo volo di linea alimentato a biocarburante. Anche la US Navy sta sperimentando biocarburanti derivati da alghe.

Ulteriori informazioni sulle ricerche del team si trovano nella rivista Biotecnologie e Bioingegneria

La pillola eco-impegnata di Paolo Broglio,  ovvero “quelli che fanno “……o almeno ci provano

Lo Stato di Washington afferma ufficialmente che i ciclisti emettono più CO2 degli automobilisti e quindi devono essere tassati; potrebbe succedere anche da noi in Italia?by Tafline Laylin e Paolo Broglio

clip_image002

Photo via Shutterstock

Nel tentativo di raccogliere fondi per un progetto di legge del valore di 10 miliardi dollari per migliorare il trasporto nello stato di Washington, i legislatori vogliono imporre una tassa di $ 25 su tutte le biciclette che costano più di $ 500. Quando i proprietari di attività commerciali locali e i frequentatori del  blog di Bike Seattle Washington hanno contattato  Ed Orcutt , un membro del Comitato Trasporti di Stato, per mettere in discussione la tassa, Orcutt ha affermato che i ciclisti non stanno contribuendo alla circolazione stradale e per la loro elevata respirazione producono emissioni di carbonio maggiori di automobilisti.

clip_image001

Photo via Shutterstock

“Mi dispiace ma io credo che i ciclisti devono cominciare a pagare per le strade che percorrono  piuttosto che gli automobilisti “, ha detto Dale Orcutt Carlson, proprietario di Bici a Tacoma, in una e-mail. Il che non sembra una cosa così irragionevole.

“A ciclisti [sic] hanno un aumento della frequenza cardiaca e della respirazione”, ha detto Orcutt. “Ciò significa che i ciclisti sono in realtà inquinanti  “

Proprietari di piccole imprese che vendono biciclette sono preoccupati ; ulteriori costi legati alla nuova legge fiscale farà male il loro business. Altri sottolineano che i ciclisti dello stato di Washington State potrebbero contribuire in altri modi.

“I ciclisti già pagano tasse sostanziali per il nostro sistema di trasporto, comprese le imposte sulle vendite, imposte sulla proprietà e tasse federali che insieme coprono i due terzi di tutte le spese di trasporto a Washington”, ha detto Evan Manvel, uno scrittore per Seattle Club Cascade biciclette .

Nel frattempo ecco una domanda: perché si stanno tassando i ciclisti quando le emissioni di carbonio delle auto sono il vero nemico? Cosa succederebbe in Italia ad una simile proposta ?

rubrica a cura di

Paolo Broglio

Famiglie  d’Italia